Piano d’azione verde per le Pmi, suggeritemi cosa proporre al Parlamento Europeo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le materie prime rappresentano il 40% dei costi dell’industria manifatturiera europea. Aggiungendo i costi di energia e acqua raggiungiamo il 50% dei costi di produzione.  Mentre il costo del lavoro ammonta appena al 20%. Una gestione più efficiente delle risorse sarebbe in grado di produrre risparmi elevatissimi, che la Commissione Europea stima in un 17-24% entro il 2030. Senza contare che il 60% dei rifiuti non è riciclato, il che rappresenta un’opportunità mancata soprattutto per le piccole medie imprese che potrebbero sviluppare nuove tecnologie verdi per dare una seconda vita agli oggetti.

In realtà, secondo i dati forniti dall’esecutivo europeo, il 93% delle Pmi nell’Unione porta avanti iniziative per un utilizzo efficiente delle risorse, ma solo il 42% di queste ottiene risparmi reali. Questo vuol dire che gli strumenti esistono, ma le iniziative intraprese non sono per sono affatto efficaci.

incentivi verdi per pmi

Cosa andrebbe fatto per migliorare l’efficacia di queste iniziative? Quali spunti di lavoro mi suggerite? Il Movimento 5 Stelle è condivisione e partecipazione. Per questo vorrei il vostro aiuto per emendare la relazione all’esame della commissione industria, ricerca ed energia del Parlamento Europeo. Il termine ultimo per poter accogliere i vostri suggerimenti è lunedì 23 febbraio.

Per avere un quadro più completo, vi metto a disposizione la visione della Commissione Europea sull’economia verde.

A mio avviso, per rendere più efficiente la gestione delle risorse, dovremmo migliorare ulteriormente l’accesso ai fondi diretti, coinvolgere gli enti locali chiamati a gestire i fondi indiretti, permettere loro di fare rete e favorire l’accesso ai fondi da parte degli imprenditori. Voi cosa ne pensate?

Non vogliamo solo rincorrere buone intenzioni. Vogliamo portare a casa un risultato per le nostre Pmi.

Ti potrebbe interessare anche


Stato dell’Unione? C’è ma solo a parole

Ho appena finito di ascoltare il discorso sullo stato dell’Unione di Junker. Al di là delle solite dichiarazioni di facciata che lasciano il tempo che trovano, i veri nodi, quelli che riguardano l’Europa e soprattutto l’Italia, Junker non li ha toccati. L’Unione Europea è un’unione solo formale, la condivisione dei rischi è di fatto lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa

Mettiamo fine agli allevamenti di animali da pelliccia in Europa! #MakeFurHistory

Sono molto felice di aver firmato in Parlamento europeo la petizione per mettere fine agli allevamenti di animali da pelliccia! Già molti Paesi europei come Austria, Gran Bretagna, Croazia e Slovenia hanno proibito l’allevamento di “animali da pelliccia”, termine già di per sé ridicolo, e molti altri Paesi come Olanda, Norvegia, Serbia e Repubblica Ceca hanno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Nuovo regolamento sul biologico: un attacco ad un’eccellenza italiana

Oggi abbiamo votato il Regolamento sull’agricoltura biologica e sull’etichettatura dei prodotti biologici, dopo un lungo e tortuoso percorso di negoziazioni durato oltre 3 anni , che è più volte stato sul punto di fallire per le gravi e interessate pressioni di alcuni Stati Membri in seno alle istituzioni. Il risultato a cui siamo arrivati è … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Europa – Australia: una partita che non sarà a porte chiuse

Ancora una volta ci troviamo di fronte all’ipotesi di un accordo commerciale tra due continenti: l’Europa e l’Australia. E ancora una volta temiamo che dietro alle solite promesse di grandi praterie commerciali da conquistare, ci siano i solti accordi a porte chiuse tra pochi eletti. Rispetto al TTIP e al CETA questa volta c’è una … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi: ,
Categorie: Europa, Video