Con il CETA il governo svende il nostro Made in Italy

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Purtroppo spesso sentiamo dire frasi del tipo “il Ceta ce lo chiede l’Europa”, “la produzione nazionale non è a rischio”, “non saranno abbassati i nostri standard”: niente di più falso. Di fatto il CETA mette a rischio pesantemente le nostre piccole e medie imprese e dà il via libera agli OGM.

Faccio un breve riassunto sui pericoli di questo scellerato accordo, rimandando ai video che ho realizzato per spiegarvi punto per punto le imboscate che ci aspettano sottoscrivendo questo trattato. Innanzitutto le importazioni di grano canadese OGM passerebbero dalle circa 38mila tonnellate l’anno alle circa 100mila.
Anche se 41 IG (indicazioni geografiche) italiane di cui 12 emiliane hanno ottenuto protezione, i principali prodotti canadesi che imitano prodotti tipici italiani potranno continuare ad essere presenti sul mercato canadese accanto al prodotto originale italiano.

Mi immagino, e non è difficile farlo, che il consumatore canadese opterà per le marche che conosce da tempo, che risulteranno anche meno care. Inoltre la denominazione (-simil, -stile, -tipo) sarà obbligatoria, ma solo per i produttori entrati nel mercato di un determinato prodotto dopo il 2013.

In pratica, il Parmesan made in Canada potrà continuare ad essere venduto come Parmesan e così anche molti altri prodotti. Peggio ancora, grazie al CETA, saranno le imitazioni canadesi ad entrare nel mercato europeo creando ancora maggiore confusione al consumatore.
Inoltre il Ceta è stato ideato per non essere limitato. Una volta partito non si potrà più fermare. Ci sarà infatti la cosiddetta “Cooperazione Normativa” tra Canada e UE, ovvero un organismo sovranazionale che giudicherà preventivamente qualsiasi nuova normativa che possa andare contro il CETA, così da bloccarla sul nascere.

Le sentenze della Corte di Giustizia Europea non solo non redimeranno dispute riguardanti il mercato canadese, ma potrebbero addirittura perdere forza in Europa. Con il CETA i vantaggi per il made-in sono molto incerti a fronte di rischi concreti per la collettivitá quali la messa in discussione del principio di precauzione che oggi tutela i cittadini europei dalla carne con gli ormoni e dagli OGM negli alimenti.
Noi non vogliamo assolutamente che questo trattato passi e daremo battaglia fino all’ultimo.

#stopceta #stopalceta

Immagine Gentiloni e Made In Itally

Ti potrebbe interessare anche


Corruzione: chi spaglia paga

Patti chiari e amicizia lunga! Regole ferree e chi sgarra paga senza sconti. Il tema della corruzione è all’ordine del giorno in Italia, ma ormai siamo talmente assuefatti che le notizie che ogni giorno appaiono su qualche giornale o in Tv o in Rete e che riguardano mazzette, corruzione e concussione, non creano stupore. Dobbiamo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia, Video

Uova contaminate, Andriukaitis punisce chi gli fa comodo

Ho letto le dichiarazioni del commissario UE alla salute Andriukaitis, che trovo decisamente fuori luogo. Ecco infatti che il caso “#Fipronil” si arricchisce di un ulteriore preoccupante tassello. A suo avviso le sanzioni non devono essere applicate ai Paesi responsabili della grave frode alimentare che ha coinvolto tutta Europa, cioè Belgio ed Olanda, che continuano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Blocchiamo le pratiche sleali contro gli agricoltori!

Questa settimana sono intervenuto in Commissione Agri su un argomento particolarmente cruciale, che è quello della tutela degli agricoltori, a proposito delle pratiche sleali che li vedono spesso vittime nella filiera del valore che è composta da loro, dagli intermediari (l’ingrosso dove ancora esiste) e dalla grande distribuzione organizzata. Gli agricoltori rappresentano l’anello più debole di … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Emergenza uova: talmente urgente che la Commissione ci penserà a fine settembre

Mi chiedo come sia possibile che a fronte di un’emergenza conclamata la Commissione europea se ne stia sotto l’ombrellone e non pensi di convocare immediatamente le autorità dei paesi coinvolti. Ancora una volta l’Europa mostra la sua vera faccia, quella di un organismo burocrate, ben lontano dalle necessità dei suoi cittadini anche di fronte al caso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare