A Pasqua non renderti partecipe di questo orrore

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le indagini svolte dall’associazione Essere Animali in alcuni allevamenti di agnelli hanno portato alla luce, ancora una volta, la terribile realtà della macellazione.

Oltre alla drammatica condizione in cui gli animali sono costretti a vivere, le riprese mostrano delle gravi inadempienze degli operatori, che si ripercuotono sulle condizioni dei giovani animali. Ciò avviene durante lo stordimento, ma anche nel momento della macellazione. Come se questo non bastasse, in entrambe le operazioni gli agnelli sono costretti ad assistere a ciò che accade ai loro simili.

Le immagini di questo video sono dolorose, dure da digerire, ma vorrei che stimolassero delle riflessioni sulle azioni quotidiane di noi tutti. Mangiare carne di agnello, ma ovviamente anche quella di altri animali, ha come conseguenza l’uccisione di un altro essere vivente. In questo caso di un cucciolo con pochi mesi di vita.

Non è certo la prima volta che assistiamo a queste crudeltà nelle aziende del settore alimentare.

Le stesse terribili condizioni ci vengono presentate dalle indagini svolte da Giulia Innocenzi in Animali Come Noi, laddove vediamo animali obbligati a vivere l’intera vita in allevamenti lager, sotto abusi e cattiverie di ogni genere.

Tutto questo è sostenibile?

Molte persone mangiano carne accettando ciecamente ciò che impone l’abitudine, ma nessuna tra loro vorrebbe mai fare del male agli animali. La soluzione a questo problema esiste ed è il passaggio ad un’alimentazione realmente lontana dal dolore. Un’alternativa più salutare e sostenibile.

Imparare a rispettare e a tutelare il benessere degli animali è un primo passo verso una società senza violenza, in cui la pace può trovare un terreno fertile per germogliare.

Qui il video di Essere Animali:

Ti potrebbe interessare anche


L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Agricoltura: il Brasile investe e l’Europa taglia

Sono tornato pochi giorni fa dal Brasile dove durante un incontro istituzionale il Ministro della Agricoltura ha più volte ribadito che i brasiliani sono e vogliono essere i primi nel mondo, e per questo investono molto anche in innovazione e infrastrutture.  Noi in effetti ce ne accorgiamo anche dalla competitività dei loro prodotti. In Europa … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il MoVimento 5 Stelle pensa alle piccole grandi opere utili per il territorio! #Isonzo

Mentre in Friuli Venezia Giulia le ferrovie locali non hanno gli investimenti necessari (in finanziaria il Pd boccia le proposte del Movimento 5 Stelle) Delrio e Berlusconi pensano alla follia del Ponte sullo Stretto di Messina. Il contrario di quello che vuole fare il Movimento 5 Stelle che non vuole l’opera inutile in Sicilia, bensì … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle contraffazioni in apicoltura: un’etichetta chiara per tutelare il miele Made in Italy!

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare