A TRIESTE CON IL SINDACO DIPIAZZA LE UNIONI CIVILI SONO UNA CORSA A OSTACOLI

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Leggo con imbarazzo la notizia apparsa sui quotidiani locali (http://ilpiccolo.gelocal.it/…/nozze-arcobaleno-a-trieste-la…) relativa all’unione civile di una coppia omosessuale e il benservito ricevuto dall’amministrazione Dipiazza, dopo la richiesta al Comune di Trieste nello scorso mese, di celebrare la propria unione civile.

Posso solo immaginare la delusione di questa coppia di persone che avrebbero voluto semplicemente festeggiare in pubblico, con amici e parenti, la loro vita assieme. Sapere che possa esistere una parte di cittadini tagliati fuori da un servizio a discrezione di chi lo eroga, sono convinto sia un’azione antidemocratica.

Il Movimento 5 Stelle si sta muovendo su ben altra linea e il sindaco Appendino di Torino, col suo gesto negli scorsi giorni, è un ottimo esempio del vero cambiamento che stiamo apportando nelle amministrazioni.

Meme Dipiazza omofobo

Conosco persone che lottano quotidianamente per i loro diritti, che ormai dovrebbero esser scontati e percepisco la loro forza nel parlarne. Sono persone a cui è stato sottratto, in questo caso, il diritto alla semplice felicità di una festa.

Poiché la legge Cirinnà è per l’appunto legge non è possibile impedire le unioni civili, ma la giunta di destra capitanata dal moralizzatore Dipiazza fa la sua parte per renderne difficile e onerosa l’operatività. Il caso specifico vede una coppia di fatto che dopo oltre vent’anni di convivenza decide di convolare a nozze in quel di Trieste.

La manovra da parte della Giunta triestina è subdola perché non si vieta l’unione civile ma la si rende il più complicato possibile.
Vietare la cerimonia nelle sala dei matrimoni e durante i giorni “canonici” per questi riti quali il sabato e la domenica sembra a tutti gli effetti uno sgarbo atto unicamente a rendere difficoltoso un evento che normalmente è piacevole e indimenticabile.
L’intento è chiaro, vale a dire fare dello sterile ostruzionismo per cercare di tenere alto il vessillo della famiglia tradizionale di fronte all’elettorato conservatore e cattolico.

Il sindaco Dipiazza forse dovrebbe pensare ad aggiustare ciò che a Trieste non funziona, invece di togliere un mattoncino di civiltà faticosamente conquistato negli anni.

Ti potrebbe interessare anche


Corruzione: chi sbaglia paga

Patti chiari e amicizia lunga! Regole ferree e chi sgarra paga senza sconti. Il tema della corruzione è all’ordine del giorno in Italia, ma ormai siamo talmente assuefatti che le notizie che ogni giorno appaiono su qualche giornale o in Tv o in Rete e che riguardano mazzette, corruzione e concussione, non creano stupore. Dobbiamo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia, Video

E l’Italia va a fuoco

Probabilmente è vero che a forza di sentire ripetutamente la stessa notizia ci si fa l’abitudine e si perde il contatto con la realtà. Questa è la sensazione che sto avendo ascoltando le notizie che provengono dal Sud d’Italia, da quel Sud che sta bruciando da giorni. Penso a zone meravigliose e protette come l’Oasi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia

Pari opportunità: lavorare insieme verso la parità nelle differenze

E’ stato un grande piacere far parte del gruppo di lavoro che ha costruito l’evento di venerdì scorso a Roma, “Verso la parità nelle differenze”. Non a caso dico “costruito l’evento” perchè ognuno di noi portavoce non ha soltanto partecipato, ma ha dato il proprio contributo nel progettarlo insieme nell’arco di alcuni mesi, in un … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Agroalimentare e innovazione per tornare leader in Europa

Ogni territorio del nostro Paese ha delle caratteristiche che possono essere vincenti per risollevare l’economia italiana e per tornare ad essere leader in Europa e nel mondo. Dall’agroalimentare all’industria manifatturiera, dall’innovazione alla ricerca, dal turismo alla cultura, l’Italia ha una marcia in più. Oggi però paghiamo un sistema di malgoverno e mala gestione che sminuisce … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare