Bayer e Monsanto: fusione letale

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come da copione di un film già scritto, la Commissione europea si è piegata senza troppi ripensamenti ai voleri delle multinazionali ed ha avallato la fusione tra Monsanto e Bayer, un colosso che da solo si stima occuperà quasi il 30% del mercato delle sementi e dei fitofarmaci.

Una posizione dominante che evidentemente non preoccupa la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, danese rappresentante della Sinistra Radicale (Danmarks Social-Liberale Parti), rassicurata dalle promesse di Bayer che si impegna a rinunciare a parti di attività industriali che andrebbero in sovrapposizione con quelle di Monsanto. 
A questo proposito, pare che la società acquirente sia la Basf, così in omaggio avremo anche un bel monopolio nell’agroalimentare targato Germania!

Qual è il futuro dell’agricoltura e della salute dei cittadini dopo questo pericoloso via libera?
Una concentrazione di potere sull’agricoltura e quindi sul cibo, non si era mai vista nella storia del pianeta.
Siamo infatti di fronte ad una fusione senza precedenti nei settori delle sementi, dei fitofarmaci, dei farmaci e della sperimentazione sulla genetica animale. Questa operazione avrà delle implicazioni enormi sulla salute dei cittadini con una diffusione incontrollata e incontrollabile di OGM, di pesticidi, di farmaci le cui componenti chimiche sono tutte da scoprire. 
E a questo punto che fine faranno gli standard qualitativi degli alimenti che stiamo difendendo con le nostre battaglie contro TTIP e CETA? E le piccole e medie imprese agricole che fine faranno?
La Commissione europea con il suo via libera ha infilato milioni di cittadini europei, e a questo punto non solo europei, in un vicolo cieco.

La nostra visione va nella direzione diametralmente opposta: vogliamo un’agricoltura sana che tuteli sia i piccoli agricoltori che la salute delle persone, che difende le biodiversità e che promuova i modelli di agricoltura sostenibile.
Adotteremo ogni forma di contrasto possibile per ostacolare questo accordo scellerato.

Ti potrebbe interessare anche


PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinnovo Glifosato, oggi è un giorno triste per milioni di cittadini europei

In questa Europa il volere dei cittadini non conta nulla.   Così, dopo milioni di firme raccolte contro l’erbicida potenzialmente cancerogeno, le mobilitazioni in tutta Europa da parte di cittadini e associazioni, l’ICE e i Monsanto Papers, l’UE rinnova il glifosato grazie al voto a favore della Germania. È una sconfitta per tutti, in primo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Terraè – Officina della sostenibilità

Anche quest’anno torna a Pordenone “Terraè – officina della sostenibilità“, dal 27 aprile al 31 maggio.  Nata ormai otto anni fa dall’idea comune di un gruppo di cittadini che volevano rendere Pordenone punto di riferimento del lavorare-per-il-cittadino-e-l-ambiente, Terraè oramai è una realtà consolidata e di qualità, che ha deciso di parlare di sostenibilità a largo raggio al proprio territorio … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rifiuti tossici a Pernumia (PD): pretendiamo risposte dalla giunta Zaia

Il M5S pretende da Bottacin, Assessore all’Ambente del Veneto, risposte immediate sulla tempistica del risanamento ambientale nell’area della discarica di Pernumia (Pd). Siamo davvero preoccupati perché la salute dei cittadini è a rischio: le analisi hanno infatti dimostrato la tossicità dei rifiuti per la presenza di idrocarburi e di metalli pesanti in quantità eccedenti i limiti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare