Bayer e Monsanto: fusione letale

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come da copione di un film già scritto, la Commissione europea si è piegata senza troppi ripensamenti ai voleri delle multinazionali ed ha avallato la fusione tra Monsanto e Bayer, un colosso che da solo si stima occuperà quasi il 30% del mercato delle sementi e dei fitofarmaci.

Una posizione dominante che evidentemente non preoccupa la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, danese rappresentante della Sinistra Radicale (Danmarks Social-Liberale Parti), rassicurata dalle promesse di Bayer che si impegna a rinunciare a parti di attività industriali che andrebbero in sovrapposizione con quelle di Monsanto. 
A questo proposito, pare che la società acquirente sia la Basf, così in omaggio avremo anche un bel monopolio nell’agroalimentare targato Germania!

Qual è il futuro dell’agricoltura e della salute dei cittadini dopo questo pericoloso via libera?
Una concentrazione di potere sull’agricoltura e quindi sul cibo, non si era mai vista nella storia del pianeta.
Siamo infatti di fronte ad una fusione senza precedenti nei settori delle sementi, dei fitofarmaci, dei farmaci e della sperimentazione sulla genetica animale. Questa operazione avrà delle implicazioni enormi sulla salute dei cittadini con una diffusione incontrollata e incontrollabile di OGM, di pesticidi, di farmaci le cui componenti chimiche sono tutte da scoprire. 
E a questo punto che fine faranno gli standard qualitativi degli alimenti che stiamo difendendo con le nostre battaglie contro TTIP e CETA? E le piccole e medie imprese agricole che fine faranno?
La Commissione europea con il suo via libera ha infilato milioni di cittadini europei, e a questo punto non solo europei, in un vicolo cieco.

La nostra visione va nella direzione diametralmente opposta: vogliamo un’agricoltura sana che tuteli sia i piccoli agricoltori che la salute delle persone, che difende le biodiversità e che promuova i modelli di agricoltura sostenibile.
Adotteremo ogni forma di contrasto possibile per ostacolare questo accordo scellerato.

Ti potrebbe interessare anche


L’inizio del cambiamento

“Se lo puoi sognare, lo puoi fare” ci ha ricordato Beppe Grillo. Ora il nostro sogno è diventato realtà. Venerdì 1° giugno Giuseppe Conte si è presentato al Quirinale per la cerimonia del giuramento davanti al Presidente della Repubblica Mattarella. Nella sua squadra di governo gialloverde sono coinvolti, tra gli altri, il nostro capofila del … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle contraffazioni: un’etichetta chiara per il miele Made in Italy

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


GDPR, cosa cambia da oggi per la tutela dei dati personali

Oggi, 25 maggio 2018, entra in vigore il Regolamento sulla protezione dei Dati, noto anche come GDPR (General Data Protection Regulation), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. È fondamentale essere ben chiari, quando parliamo di tutela di dati, a cosa ci riferiamo e, qualora … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio. Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare