Bayer-Monsanto: la nostra agricoltura è in pericolo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Commissione Europea ha emesso un parere preliminare di buon senso sulla vicenda dell’acquisizione Bayer – Monsanto. La decisione di aprire un’indagine su tale acquisizione è un atto dovuto nei confronti dei cittadini europei che sono preoccupati delle conseguenze che questa fusione comporterebbe.

Stiamo parlando della fusione più colossale del settore dell’agrochimica, del valore di 62 miliardi di euro che porterebbe Bayer ad essere una delle tre aziende a detenere il 63% di tutte le sementi e il 75% degli agrofarmaci (dati Coldiretti).

Avete capito bene, il 63% della produzione mondiale di sementi sarebbe in mano ad una sola azienda.

Lasciare il futuro del mercato globale dell’agroalimentare in mano a tre colossi è un gesto completamente irresponsabile, che mette in pericolo la qualità dei prodotti, l’innovazione e il prezzo dei prodotti. Si sta giocando con il futuro della nostra agricoltura e con la salute dei cittadini: un’unione così scellerata non è pensabile.

Ma c’è da fidarsi della posizione della Commissione?

Bayer Monsanto: la nostra agricoltura è in pericolo

Ricordiamoci che anche nel caso delle precedenti fusioni tra i colossi mondiali della chimica come Dow e DuPont e ChemChina-Syngenta la Commissione aveva aperto un’indagine per valutare la concentrazione del mercato e possibili alterazioni della concorrenza, per poi finire in un nulla di fatto che permise comunque a questi colossi di unirsi. È impensabile dal mio punto di vista, dato il peso che questa acquisizione potrebbe avere, che ci possa essere un epilogo simile.

Non di meno è sconvolgente la natura di questa fusione: la Bayer, un colosso che si occupa principalmente di prodotti farmaceutici e sanitari, ha intenzione di acquistare la Monsanto, un’azienda che produce da un lato sementi e dall’altro pesticidi, di cui alcuni di questi classificati dall’OMS come probabilmente cancerogeni, che distruggono la fertilità del suolo, recando gravi danni all’ambiente. È normale?

L’esito dell’indagine dovrebbe arrivare entro il mese di gennaio 2018 e noi saremo ancora una volta in prima linea. Nel frattempo continuiamo a vigilare, come già fatto in passato: L’EFDD, di cui facciamo parte, insieme ad altri deputati ha scritto sia alla Bayer sia a Margrethe Vestager, Commissaria europea alla concorrenza. Nel primo caso abbiamo chiesto di bloccare l’operazione mettendo in evidenza una serie di controindicazioni a questa acquisizione, che oltre a danneggiare la salute di milioni di persone potrebbe anche non essere conveniente dal punto di vista economico viste le forti opposizioni da parte di organizzazioni internazionali che danno sistematicamente battaglia legale alla Monsanto.

Alla Commissaria abbiamo chiesto con forza di aprire un’indagine che vada in profondità su questa operazione che giudichiamo di estrema pericolosità.

L’Europa non può rendersi partecipe di questa fusione: faremo tutto ciò che è a nostra disposizione per impedirlo.

Ti potrebbe interessare anche


Allarme siccità in Emilia-Romagna

Assieme alla deputata M5S alla Camera Maria Edera Spadoni e al consigliere regionale M5S Gianluca Sassi, interverremo e faremo pressioni sul Governo affinché venga riconosciuta alla Regione Emilia-Romagna lo stato di calamità. La nostra agricoltura è messa in ginocchio da una crisi idrica davvero drammatica. Ci batteremo affinché il Governo riconosca a stretto giro lo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Programma Frutta e Verdura nelle Scuole: il 31 luglio si avvicina!

Care e cari insegnanti, pensate sia importante educare maggiormente i bambini al valore di una sana e corretta alimentazione? Pensate che nelle mense delle vostre scuole non vi sia abbastanza frutta e verdura? Allora non perdete tempo, fatevi avanti e spingete le vostre scuole a partecipare al programma Frutta e Verdura nelle Scuole prima del … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Un’etichettatura trasparente per tutelare il consumatore

La sentenza della Corte di giustizia europea che ha recentemente vietato la denominazione “latte” per gli alimenti vegetali a base di soia per non confonderli con gli alimenti di natura animale come il latte, sicuramente ha l’intento di garantire la trasparenza e di tutelare i consumatori nelle loro scelte d’acquisto, cautelandoli dalle frodi. Ci sono … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Avanti Italia, il CETA non deve passare!

Oggi alle 13.00 il CETA verrà votato in Senato, in commissione Affari Esteri. Non smetterò mai di dirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e dà il via libera all’invasione dell’Ogm. Non di meno è incomprensibile come il Canada, un Paese che elargisce 3.3 miliardi di dollari … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare