Car sharing a Udine e Tavagnacco: soldi pubblici spesi senza programmazione

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Era stato “venduto” come il progetto innovativo per la tutela dell’ambiente e come avveniristica forma di mobilità: il car sharing, che prevede l’utilizzo delle auto elettriche a disposizione della cittadinanza per i propri spostamenti a Udine e Tavagnacco, oggi non si sa se sarà economicamente sostenibile. Tanto che Tavagnacco intende spingere questa forma di mobilità facendo abbonare, in modo tutt’altro che spontaneo, i propri dipendenti comunali per evitare il flop.

E a Udine, la sinistra che appoggia Honsell si schiera in modo apertamente critico contro il progetto così come pensato ritenendo, si legge sulla stampa locale, “ingiustificato addossare alla comunità il fallimento di un’idea”.

Meme

Per il compimento del progetto di car sharing c’è stato un notevole esborso di fondi pubblici comunitari (Pisus), regionali e dei due Comuni, il tutto avvenuto, evidentemente, senza una corretta programmazione. Come riporta infatti la stampa, il progetto complessivo “car sharing” prevede stanziamenti per l’acquisto delle vetture elettriche, la realizzazione del sistema di gestione delle vetture da remoto tramite applicazione per smartphone e l’installazione delle 17 colonnine per 34 punti di ricarica, ed ammonta, in totale, a 656 mila 287 euro per il Comune di Udine più 120 mila per il Comune di Tavagnacco che si è aggiunto successivamente.

Dire che sono perplesso è poco. I Comuni hanno investito fondi europei in un progetto che non sanno se starà in piedi. Eppure nel resto dell’UE stanno nascendo società di car sharing che non hanno nemmeno bisogno di finanziamenti pubblici per creare guadagno. Insomma, sembra che per il car sharing “Made in Friuli” si siano chiesti in tutta fretta soldi pubblici senza aver fatto prima un adeguato e veritiero business plan, con il reale rischio che tutto vada a finire in un clamoroso flop del quale, a farne le spese, come sempre, è il cittadino.

Ti potrebbe interessare anche


Legge sul Biotestamento: le amministrazioni locali possono fare la loro parte

La proposta di legge sul biotestamento, che è ferma al Senato e ad un passo dall’essere approvata, deve essere calendarizzata quanto prima. Bisogna fare presto, mancano pochi mesi alla fine della legislatura. Perciò mi rivolgo a tutti voi, consiglieri comunali: raccogliamo con forza e con cuore l’appello di Mina Welby per l’approvazione definitiva sul biotestamento. … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia

Salviamo l’ambiente! Il mio intervento a Reggio Emilia

A Reggio Emilia abbiamo parlato di ambiente, agricoltura biologica, pesticidi, TTIP e visione comune (o meno) delle politiche agricole dei vari Paesi dell’Unione Europea. Noi del MoVimento 5 Stelle lottiamo per una Politica Agricola Europea che protegga l’ambiente e il clima, equa per agricoltori e consumatori, garante di una produzione di cibo sana e sostenibile. … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Partecipazione: per noi non è uno slogan ma la linfa vitale del MoVimento 5 Stelle

Quando ci si appassiona ad un’idea e questa diventa parte integrante della tua vita, il tempo scorre velocissimo. Me ne sono reso conto ieri a Trieste,  dove in tanti abbiamo festeggiato i dieci anni del V-Day. In effetti sono già passati 10 anni dal primo V Day dell’8 settembre in cui come fondatore dell’allora gruppo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Corruzione: chi sbaglia paga

Patti chiari e amicizia lunga! Regole ferree e chi sgarra paga senza sconti. Il tema della corruzione è all’ordine del giorno in Italia, ma ormai siamo talmente assuefatti che le notizie che ogni giorno appaiono su qualche giornale o in Tv o in Rete e che riguardano mazzette, corruzione e concussione, non creano stupore. Dobbiamo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia, Video