Car sharing a Udine e Tavagnacco: soldi pubblici spesi senza programmazione

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Era stato “venduto” come il progetto innovativo per la tutela dell’ambiente e come avveniristica forma di mobilità: il car sharing, che prevede l’utilizzo delle auto elettriche a disposizione della cittadinanza per i propri spostamenti a Udine e Tavagnacco, oggi non si sa se sarà economicamente sostenibile. Tanto che Tavagnacco intende spingere questa forma di mobilità facendo abbonare, in modo tutt’altro che spontaneo, i propri dipendenti comunali per evitare il flop.

E a Udine, la sinistra che appoggia Honsell si schiera in modo apertamente critico contro il progetto così come pensato ritenendo, si legge sulla stampa locale, “ingiustificato addossare alla comunità il fallimento di un’idea”.

Meme

Per il compimento del progetto di car sharing c’è stato un notevole esborso di fondi pubblici comunitari (Pisus), regionali e dei due Comuni, il tutto avvenuto, evidentemente, senza una corretta programmazione. Come riporta infatti la stampa, il progetto complessivo “car sharing” prevede stanziamenti per l’acquisto delle vetture elettriche, la realizzazione del sistema di gestione delle vetture da remoto tramite applicazione per smartphone e l’installazione delle 17 colonnine per 34 punti di ricarica, ed ammonta, in totale, a 656 mila 287 euro per il Comune di Udine più 120 mila per il Comune di Tavagnacco che si è aggiunto successivamente.

Dire che sono perplesso è poco. I Comuni hanno investito fondi europei in un progetto che non sanno se starà in piedi. Eppure nel resto dell’UE stanno nascendo società di car sharing che non hanno nemmeno bisogno di finanziamenti pubblici per creare guadagno. Insomma, sembra che per il car sharing “Made in Friuli” si siano chiesti in tutta fretta soldi pubblici senza aver fatto prima un adeguato e veritiero business plan, con il reale rischio che tutto vada a finire in un clamoroso flop del quale, a farne le spese, come sempre, è il cittadino.

Ti potrebbe interessare anche


Mettiamo fine agli allevamenti di animali da pelliccia in Europa! #MakeFurHistory

Sono molto felice di aver firmato in Parlamento europeo la petizione per mettere fine agli allevamenti di animali da pelliccia! Già molti Paesi europei come Austria, Gran Bretagna, Croazia e Slovenia hanno proibito l’allevamento di “animali da pelliccia”, termine già di per sé ridicolo, e molti altri Paesi come Olanda, Norvegia, Serbia e Repubblica Ceca hanno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Politica agricola brasiliana: ecco le mie considerazioni

Vi riassumo la mia prima giornata di lavoro con la Commissione Agricoltura qui in Brasile. Buona parte del tempo oggi è stata dedicata agli incontri istituzionali con le autorità brasiliane in ambito agricolo e zootecnico nei quali ci è stato fatto il quadro della situazione  e sono stati esposti gli indirizzi e gli obiettivi della … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Fatto inaudito nelle mense di Trieste: la salute dei bambini e i diritti dei lavoratori prima di tutto

Quello che è accaduto nelle mense scolastiche di Trieste è davvero inaudito: come è possibile che nei piatti dei bambini si ritrovino muffa e pezzi di spugna? Anche se la Dussmann Service srl -ditta appaltatrice del servizio mense negli asili nido e nelle scuole di infanzia e primarie del Comune di Trieste- ha prontamente risposto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Mercoledì 13 giugno, un giorno importante per l’Unione Europea che ha festeggiato il primo anno dalla firma della “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”, o più semplicemente detta “Convenzione di Istanbul”. Questo documento costituisce il primo vero strumento internazionale che considera … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare