Ceta: non è detta l’ultima parola

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il Ceta, nell’indifferenza di buona parte dei media italiani impegnati ad inseguire Virginia Raggi o a dare spazio a quel che rimane del Partito Democratico, nel frattempo è stato approvato dal Parlamento Europeo. Un accordo in pieno stile TTIP, ovvero liberalizzazione sfrenata, larghe autostrade per OGM ed altri alimenti e prodotti che in questo momento non possono essere distribuiti in Europa. Oltre a ciò privatizzazioni di servizi pubblici come acqua e scuole senza contare la scellerata idea di affidare ad un organo sovranazionale il ruolo di poter dirimere eventuali contenziosi tra le parti, ad esempio una multinazionale contro uno stato.

stopCETA1200x627exe2

Questo è il quadro, decisamente non rassicurante. Per fortuna una speranza ancora di bloccare questo suicidio europeo c’è, perché il Ceta per diventare pienamente operativo ha bisogno che su alcuni argomenti specifici vi sia il benestare di tutti i 28 paesi dell’Unione. Basta che un solo governo lo bocci e il Ceta si blocca.
Ecco, voglio sperare allora che il nostro paese sia proprio uno di questi, con un governo che finalmente e per una volta dimostri di non voler abbandonare le piccole e medie aziende agricole al loro già difficile destino, che mostri la volontà di tutelare la salute dei propri cittadini che hanno tutto il diritto di acquistare prodotti sani, dagli standard qualitativi garantiti.

Ti potrebbe interessare anche


EMBÈ ? NESSUNO È PERFETTO!

    Il Ministro degli Esteri Alfano non conosce l’inglese , che sarebbe utile per un ministro degli esteri. Il Ministro delle Finanze Padoan sbaglia i conti di 10 miliardi di euro e, senza vergogna, chiede conseguente sconto alla UE. Il Ministro del Lavoro Poletti dichiara che per trovar lavoro, i giovani non devono mandare … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia

Reddito di cittadinanza per restituire la dignità!

Oggi vi ripropongo questo video del 20 maggio, registrato durante la marcia Perugia-Assisi. Viviamo in tempi in cui il cambiamento economico, la crisi del lavoro e l’allontanamento delle Istituzioni dai cittadini stanno creando nella popolazione malcontento, rabbia e povertà. Anche quelle fasce sociali, un tempo agiate, oggi si trovano in difficoltà. Stiamo vivendo un cambiamento … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il futuro dell’informazione: tra libertá d’espressione e fake news

Giovedí 8 giugno ho organizzato in Parlamento europeo un convegno sui media e il loro utilizzo, tra censure e manipolazioni. Interverranno relatori di eccezione come Guido Scorza, avvocato e docente di diritto delle nuove tecnologie, la giornalista di inchiesta Petra Reski, Bruno Zambardino direttore dell’osservatorio sui media, l’amministratore delegato dell’EMMA, The European Magazine Media Association, … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I cittadini europei chiedono all’Europa un’altra agricoltura!

Martedì 2 maggio si è chiusa la consultazione pubblica, indetta dalla Commissione europea, sul futuro della Politica Agricola Comune (PAC). Non sai cos’è la PAC? http://marcozullo.it/chiedi-allue-unagricoltura-piu-sana-partecipa-alla-consultazione-online/ Stando ai dati rilasciati dalla Commissione europea, 322. 912 cittadini europei hanno partecipato alla consultazione sulla PAC e l’Italia è il terzo paese per partecipazione. E’ un messaggio forte … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare