Ceta: non è detta l’ultima parola

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il Ceta, nell’indifferenza di buona parte dei media italiani impegnati ad inseguire Virginia Raggi o a dare spazio a quel che rimane del Partito Democratico, nel frattempo è stato approvato dal Parlamento Europeo. Un accordo in pieno stile TTIP, ovvero liberalizzazione sfrenata, larghe autostrade per OGM ed altri alimenti e prodotti che in questo momento non possono essere distribuiti in Europa. Oltre a ciò privatizzazioni di servizi pubblici come acqua e scuole senza contare la scellerata idea di affidare ad un organo sovranazionale il ruolo di poter dirimere eventuali contenziosi tra le parti, ad esempio una multinazionale contro uno stato.

stopCETA1200x627exe2

Questo è il quadro, decisamente non rassicurante. Per fortuna una speranza ancora di bloccare questo suicidio europeo c’è, perché il Ceta per diventare pienamente operativo ha bisogno che su alcuni argomenti specifici vi sia il benestare di tutti i 28 paesi dell’Unione. Basta che un solo governo lo bocci e il Ceta si blocca.
Ecco, voglio sperare allora che il nostro paese sia proprio uno di questi, con un governo che finalmente e per una volta dimostri di non voler abbandonare le piccole e medie aziende agricole al loro già difficile destino, che mostri la volontà di tutelare la salute dei propri cittadini che hanno tutto il diritto di acquistare prodotti sani, dagli standard qualitativi garantiti.

Ti potrebbe interessare anche


Gli accordi commerciali si fanno alla luce del sole!

In questi giorni il Senato italiano approverà o meno il CETA, il trattato di libero scambio tra Unione europea e Canada. In queste circostanze voglio riproporvi questo video, registrato il 21 marzo 2017. Ero appena uscito da un confronto con la Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sullo stato dei trattati commerciali, in cui il rappresentante … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Made in Italy in Cina: non ci stiamo a nessun accordo al ribasso

L’Unione europea e la Cina hanno pubblicato due elenchi di indicazioni geografiche europee la cui protezione sarà oggetto di un accordo bilaterale da concludersi entro 2017. L’Italia ha 293 eccellenze agroalimentari tutelate dai marchi IGP e DOP. Negli elenchi ne sono presenti solo 26 già garantite e una trentina sotto valutazione da introdurre non prima … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stato dell’Unione? C’è ma solo a parole

Ho appena finito di ascoltare il discorso sullo stato dell’Unione di Junker. Al di là delle solite dichiarazioni di facciata che lasciano il tempo che trovano, i veri nodi, quelli che riguardano l’Europa e soprattutto l’Italia, Junker non li ha toccati. L’Unione Europea è un’unione solo formale, la condivisione dei rischi è di fatto lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa

Rigassificatore nel nord Adriatico: l’opera non è nelle strategie dell’UE

Che senso ha appoggiare un’opera che non figura nemmeno nella strategia della Commissione europea? Ci lamentiamo che l’UE spesso impone obblighi e vincoli contro la volontà popolare: per una volta che ciò non avviene, e che la voce dei cittadini è stata ascoltata, sono proprio le autorità nazionali a tradirla? La presidente Serracchiani si faccia … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare