Che sorpresa c’è nell’uovo di Pasqua?

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La tradizione del dono delle uova ha origini lontanissime, documentata tra le usanze degli antichi Persiani che le scambiavano in concomitanza dell’arrivo della primavera. Ovviamente erano uova di gallina e non c’era dentro la sorpresa. Di seguito le uova iniziarono ad essere decorate e create anche con diversi materiali. Questa tradizione ha fatto il giro del mondo ed ha assunto sempre più significati e funzioni diverse con l’attraversamento dei vari periodi storici che hanno segnato la nostra evoluzione e con le influenze dettate dalle religioni. È del secolo scorso l’inserimento nel solco della tradizione, direi marcatamente consumistica, dell’uovo di cioccolato con all’interno una sorpresa. A questo di solito sulle tavole di molte famiglie italiane si accompagna o si alterna la “colomba”, il dolce che simboleggia la pace.
Buona Pasqua_02

Ora perché dico tutto ciò? Perché proprio oggi che è Pasqua sono particolarmente preoccupato per un fatto concreto, vale a dire mi chiedo se Trump o Kim Jong-un decideranno di sganciarsi reciprocamente sulla testa le loro rispettive uova con la sorpresa nucleare, che pare abbiano tanta frenesia di regalarsi vicendevolmente. La tensione è alta e presumibilmente molti di noi non si rendono nemmeno conto di cosa potrebbe effettivamente succedere se uno di questi due leader sganciasse il primo uovo.
La sorpresa c’è e sicuramente non è gradevole, si chiama reazione a catena, un effetto che prima ancora che vedersi negli ordigni si rischia di vedere nelle scelte dei vari leader internazionali.
Io spero vivamente che tra le uova con la sorpresa e la colomba, sia Trump che Kim Jong-un abbiano il buon senso di scegliere la seconda, mettendo definitivamente da parte le rispettive fissazioni di liberare il mondo dal male a suon di missili.
Buona Pasqua.

Temi:
Categorie: Europa

Ti potrebbe interessare anche


Glifosato: nessuna intesa tra gli Stati UE ma la Commissione Europea vuole andare avanti

Non è stata trovata alcuna intesa sulla proposta di rinnovo dell’autorizzazione del glifosato per cinque anni e così la Commissione europea ha deciso di proseguire. Se non otterrà la maggioranza qualificata a fine novembre in comitato d’appello, sarà comunque libera di adottare tale proposta. Noi del M5S chiediamo sia adottato il principio di precauzione e … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il mondo reclama un’altra economia, e questo è possibile

Prendo spunto dalla lettura estiva di un libro, “l’Economia della ciambella” della docente universitaria di Oxford Kate Raworth, per fare alcune considerazioni sui modelli economici che stanno imperando in questo inizio millennio, modelli che oramai di fatto sono uno solo, quello del liberismo senza limiti, dell’omologazione, del precariato come nuovo modello economico fondato sulla schiavitù … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I fondi europei per molti italiani sono ancora degli illustri sconosciuti

Le classifiche sull’utilizzo dei fondi europei dei Paesi membri che ne accedono attraverso i propri progetti, sono abbastanza impietose nei confronti dell’Italia. Ormai è noto che raccogliamo molto meno di quanto diamo all’Europa, un anacronismo che rischia di compromettere anche su questo fronte una possibile ripartenza del nostro paese. E’ per questo che noi parlamentari … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bollino rosso per il Made In Italiano

Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare