Come la robotica rivoluzionerà la nostra società

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Subito dopo l’interessantissimo incontro “NEXT STEP” come la robotica rivoluzionerà la nostra società, ho avuto l’occasione di incontrare e fare due chiacchiere con Jerome Glenn, uno studioso americano che da anni dirige il Millennium Project, un osservatorio stabile sugli scenari futuri.

Così ho avuto modo di dialogare su alcuni contenuti di “The State of the Future 19.1”, il rapporto sullo stato del futuro scritto da Glenn che racchiude una panoramica della situazione attuale e sulle prospettive per il futuro del mondo legate allo sviluppo tecnologico: una sorta di pagella per l’umanità. La chiave è decisamente ottimistica, quella di Glenn, il quale sostiene che stiamo vincendo più di quanto stiamo perdendo. Allo stesso tempo però individua un “vulnus” non indifferente nella mancanza di processi decisionali legate a questo sviluppo.
In sostanza, i progressi nei prossimi 10 anni, quindi a breve, saranno straordinari in tutto il mondo, e toccheranno l’acqua, l’istruzione, la fame nel mondo, la salute, ma altrettanto pericolosi saranno i nemici delle libertà individuali, la stagnazione della libertà di informazione, i conflitti interni a ciascun paese, il riscaldamento globale, l’occupazione.

Insomma, abbiamo un’opportunità straordinaria per migliorare il mondo e un’innata vocazione a giocarcela male. Quindi, proprio nello spirito del M5S se da un lato dobbiamo investire sul futuro e sulla tecnologia, dall’altro dobbiamo tenere la barra dritta sui valori etici, veri ispiratori delle scelte per il bene comune

Ti potrebbe interessare anche


Non abboccate alla propaganda, col CETA le PMI sono a rischio

Le dichiarazioni dei Ministri dell’Agricoltura Martina e dello Sviluppo economico Calenda riportate sulla Gazzetta di Parma hanno davvero dell’incredibile: essi di fatto affermano come, grazie al CETA, ci saranno benefici per le nostre aziende, piccole e medie e per i nostri cittadini. I lettori della Gazzetta di Parma non devono credere a tali assurdità: frasi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I cambiamenti della distribuzione alimentare potranno modificare la nostra vita?

Le vendite online crescono indiscutibilmente ed è plausibile che continueranno a crescere anche nei prossimi anni, spingendo al massimo sul suo vantaggio competitivo, che è un fortissimo marketing sul singolo cliente, mentre la distribuzione tradizionale arranca

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stato dell’Unione? C’è ma solo a parole

Ho appena finito di ascoltare il discorso sullo stato dell’Unione di Junker. Al di là delle solite dichiarazioni di facciata che lasciano il tempo che trovano, i veri nodi, quelli che riguardano l’Europa e soprattutto l’Italia, Junker non li ha toccati. L’Unione Europea è un’unione solo formale, la condivisione dei rischi è di fatto lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa

Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare