Diamo tutela a questi animali

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Sembra incredibile ma secondo la Fédération Equestre Internationale, il settore equestre nell’Unione Europea vale oltre 100 miliardi di euro all’anno. Si stima che in Europa siano presenti almeno 7 milioni di esemplari di specie equine, animali fra i più versatili: atleti nello sport, animali da compagnia, da lavoro nei trasporti, nel turismo, nella silvicoltura, nell’agricoltura e nelle attività terapeutiche oltre a esistere allo stato selvaggio e semi-brado.

equidi_meme

Attorno a tale giro di affari, dalle ricerche condotte da World Horse Welfare e dall’Eurogruppo per gli animali con la relazione Removing the Blinkers: The Health and Welfare of European Equidae in 2015 (Togliere i paraocchi: la salute e il benessere degli equidi europei nel 2015), emergono delle informazioni preoccupanti riguardo al benessere di questi animali.

Tra le varie tecniche che vanno ad intaccare il loro benessere vi è per esempio la ferratura amatoriale ad opera di soggetti non esperti o l’uso di finimenti inadatti che non solo causano disagio e sofferenza all’animale, ma ne compromettono anche la longevità.

Problemi analoghi si riscontrano nell’impiego nel turismo, dove in alcuni casi le condizioni di lavoro ne mettono a repentaglio la stessa vita. Inoltre nell’economia locale di alcuni Stati membri le condizioni igieniche presenti in aziende agricole di piccole dimensioni o di semi-sussistenza sono pessime.

Senza contare che un aspetto peculiare del settore è rappresentato dal costo per il mantenimento dei cavalli, significativamente maggiore rispetto ad altri animali di allevamento: in un momento di crisi economica, può portare molti di coloro che non sono più in grado di provvedere alle spese mediche a ricorrere all’eutanasia per sbarazzarsi di animali malati o con difficoltà. Pratica spesso effettuata senza nessuna assistenza veterinaria!

Finalmente il Parlamento Europeo ha avanzato della richieste concrete per tutelare il benessere di questi animali!

Intendiamo focalizzarci e promuovere un approccio responsabile, affinché i proprietari siano pienamente consapevoli delle necessità e dei bisogni specifici di cavalli e affini, e siano in grado di farsene carico. In particolare, vogliamo che essi debbano disporre delle conoscenze minime e uno standard per garantire una cura adeguata della salute e del benessere dell’animali.

Non di meno vogliamo garantire un sostegno per poter trovare soluzioni alternative alla eutanasia degli animali in difficoltà.

Infine vogliamo fare chiarezza sugli allevamenti dove in situazioni e con metodi discutibili viene effettuata la pratica di estrarre la gonadotropina serica dal sangue delle cavalle gravide, al fine di utilizzare questa sostanza ormonale come base per medicinali veterinari.

Oggi è un nostro dovere pretendere una cura responsabile per tutelare il benessere di questi animali unici!

Ti potrebbe interessare anche


Non abboccate alla propaganda, col CETA le PMI sono a rischio

Le dichiarazioni dei Ministri dell’Agricoltura Martina e dello Sviluppo economico Calenda riportate sulla Gazzetta di Parma hanno davvero dell’incredibile: essi di fatto affermano come, grazie al CETA, ci saranno benefici per le nostre aziende, piccole e medie e per i nostri cittadini. I lettori della Gazzetta di Parma non devono credere a tali assurdità: frasi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Normativa bevande alcoliche: puntiamo a migliorare

Ieri sono intervenuto in commissione AGRI in relazione al settore delle bevande spiritose/alcoliche che rappresenta sia una punta di eccellenza delle produzioni europee sia un settore commerciale florido, che influisce in modo estremamente positivo sia sulla bilancia commerciale comunitaria che sull’occupazione.Infatti, Infatti ben l’8% delle esportazioni agroalimentari è coperto da questo settore e occupa oltre un … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Questione lupo: correggere la direttiva habitat non risolve nulla

Sul territorio bellunese si parla molto della “questione lupo”. La scorsa estate l’attenzione è ricaduta sui fatti avvenuti all’alpeggio fra Nevegal e Visentin nei quali un lupo ha attaccato ripetutamente dei greggi di pecore. Sono d’accordo con Cristiano Fant, referente Enpa (ente nazionale protezione animali) per la provincia di Belluno quando afferma che “La presenza … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare