Dieselgate, basta al conflitto di interesse tra Stato e industria

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri in plenaria abbiamo votato il report sulla “Vigilanza dei veicoli a motore”.

Con questa votazione avremmo avuto la possibilità di superare quel legame politico che vi è tra le case automobilistiche e i governi che rilasciano le omologazioni. Dico “avremmo” perché ancora una volta il Parlamento europeo ha mancato l’appuntamento con la difesa di diritti sacrosanti.

Questo legame come tutti purtroppo sappiamo, è sfociato nel noto scandalo Dieselgate, che non solo ha aperto gli occhi dei cittadini europei su un eclatante e drammatico conflitto di interessi tra i presunti controllori e controllati, ma ha rovinato l’immagine del mercato automobilistico europeo e ha dato molto da pensare sull’effettivo funzionamento del mercato unico europeo.

Ieri, avremmo potuto offrire ai cittadini una normativa in grado di superare questi conflitti di interesse, ma ciò non è stato.

Seppure nella nuova normativa ci sia qualche elemento positivo, ad esempio si sancisce che in ogni Stato membro venga controllato il 20% dei nuovi veicoli immessi nel mercato (questo significa che un nuovo modello FIAT dovrebbe passare l’approvazione di tutti gli Stati membri, rendendo così difficile una manipolazione della valutazione da parte degli Stati a cui appartiene l’azienda produttrice), il Parlamento non ha avuto coraggio per andare fino in fondo come avrebbe dovuto.

Il MoVimento 5 Stelle aveva proposto un sistema a prova di frode, con un organismo terzo e indipendente in grado di controllare ciò che le autorità nazionali approvano, e su questo abbiamo presentato degli specifici emendamenti. Questo sistema sarebbe stato molto simile a quello usato negli Stati Uniti: sistema che si è dimostrato effettivamente funzionale, tanto da aver scoperto gli inganni della Volkswagen.

Ovviamente la maggioranza del Parlamento Europeo ha mancato ancora una volta di coraggio e si è opposta.

Mi chiedo fino a che punto si siano fatti gli interessi dei cittadini e quelli delle lobby

Ti potrebbe interessare anche


Presentazione dei candidati a Cordenons: un successo!

Partecipa. Scegli. CAMBIA.   Grande partecipazione questa sera a Cordenons per un momento conviviale ma anche di confronto con la nostra candidata al collegio uninominale di Pordenone Giovanna Scottà e con i nostri candidati nei collegi plurinominali. I nostri candidati hanno fatto una breve presentazione e assieme ci siamo messi a disposizione per rispondere alle … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio. Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I nostri candidati in Friuli Venezia Giulia: l’espressione di una Regione che vuole migliorare!

Venerdì abbiamo presentato a Trieste alcuni dei nostri candidati M5S del Friuli Venezia Giulia. Devo dire che è stata proprio una bella serata. Sono tutte persone non solo preparate ma anche ben connesse al territorio e alle sue necessità, sono giovani ma con esperienza, sono dei sognatori e sono soprattutto accompagnate da un grande, grandissimo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’agricoltura in Italia è una priorità

Ieri con il nostro candidato presidente alla regione Friuli Venezia Giulia Alessandro Fraleoni Morgera, ho avuto un interessante incontro al Consorzio Agrario FVG con la sua direzione nonchè col presidente di Coldiretti. Di seguito abbiamo incontrato i presidenti delle cooperative vitivinicole tra la più rilevanti del regione. Più mi interfaccio col mondo dell’agricoltura italiana, che ha … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare