Dieselgate: cavie umane per i test dei gas di scarico delle auto. Allarmante

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Non ci sono parole, dove andremo a finire? La ricerca invece di impegnarsi nella drastica riduzione dei gas inquinanti cosa fa? Preferisce dimostrarne la non pericolosità utilizzando delle cavie umane.
 
Sono davvero sconcertato dalla notizia riportata dagli organi di stampa -Sueddeutsche Zeitung e Stuttgarter Zeitung che rivelano nuovi particolari in cui sarebbero coinvolte Vw, Daimler e Bmw- secondo cui, la Società di Ricerca europea per l’Ambiente e la Salute nei Trasporti, fondata dai 3 colossi dell’auto, ha promosso “un breve studio di inalazione con ossido d’azoto su persone sane“.
 
È sconvolgente che si sia arrivati a far inalare a 25 persone diossido di azoto (NO2), la forma più tossica di ossido di azoto e comunemente riscontrata negli scarichi diesel, per tre ore al giorno per quattro settimane consecutive. Dunque dopo le scimmie, le cavie diventano umane.
 
Fondamentale è fare chiarezza. Qual è il reale scopo di questi test? Chi li ha commissionati dovrà rispondere a questa domanda e se ne dovrà assumere completamente la responsabilità. Queste pratiche vanno assolutamente condannate.

Dieselgate: non ad esperimenti umani

Ti potrebbe interessare anche


A Imola per parlare di trasporto pubblico locale gratuito: riduciamo il traffico e recuperiamo le risorse!

Stasera discuterò di trasporto pubblico gratuito insieme a Paolo Vergnano, consigliere Comunale M5S di Rovereto, promotore della legge di iniziativa popolare sulla mobilità sostenibile in Trentino, Gianluca Sassi consigliere Regionale del M5S Emilia-Romagna e i conslieri 5 stelle di Imola. Il focus dell’incontro sarà incentrato sul trasporto pubblico gratuito inteso come uno strumento fondamentale per … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Italia digitale, ma a quali condizioni per salvaguardare cittadini e imprese?

In Italia, nonostante circa tre quarti della popolazione sia raggiunta da reti a banda ultralarga, l’uso di internet è ancora 10 punti percentuali sotto alla media europea. Un ritardo nella penetrazione dei servizi digitali che si può spiegare col fatto che sia un settore trainato dall’offerta più che dalla domanda e che ha quindi bisogno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il MoVimento 5 Stelle pensa alle piccole grandi opere utili per il territorio! #Isonzo

Mentre in Friuli Venezia Giulia le ferrovie locali non hanno gli investimenti necessari (in finanziaria il Pd boccia le proposte del Movimento 5 Stelle) Delrio e Berlusconi pensano alla follia del Ponte sullo Stretto di Messina. Il contrario di quello che vuole fare il Movimento 5 Stelle che non vuole l’opera inutile in Sicilia, bensì … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare