#Dieselgate, non può essere l’Italia a controllare le auto della #Fiat

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come è stato fatto presente più volte, lo scandalo Volkswagen è stata una frode, un inganno nei confronti dei cittadini.  Ma non è vero che frodi del genere non possano essere limitate o persino evitate nel prossimo futuro. Non è vero che non esistono deterrenti nei confronti delle case automobilistiche che vogliono fare le furbe.

Il deterrente esiste! Ed è rappresentato da un sistema di sorveglianza solido dei veicoli immessi sul mercato. Un sistema dal quale oggi siamo molto distanti, perché in molti Paesi, come l’Italia e la Francia, gli interessi del controllore (l’autorità di omologazione statale) sono fortemente intrecciati a quelli del controllato (la casa automobilistica). A volte, come nel caso della Renault in Francia, lo Stato guadagna dalla vendita delle auto che la sua autorità di omologazione statale approva. Mentre in Italia, i rapporti tra lo Stato e la Fiat sono arcinoti.

Per questo è necessario lavorare insieme per rendere più ambiziosa la proposta della Commissione, e non, come nella bozza del relatore, per mirare a mantenere lo status quo.

Gli emendamenti presentati dal Movimento 5 Stelle vanno proprio in questa direzione.

Sosteniamo la creazione di un organismo europeo che sia indipendente dagli intrecci nazionali. Che controlli a campione 1/3 dei nuovi modelli immessi ogni anno sul mercato. Un organismo capace di sanzionare le case automobilistiche che frodano. E che sia scelto tra le strutture attualmente esistenti a livello comunitario, in modo da non sprecare risorse. In quest’ambito, una valida opzione può essere rappresentata dal Centro Comune di Ricerca di Ispra, ma siamo pronti a discutere soluzioni alternative.

Sottolineo che i costi della vigilanza di mercato e i costi delle prove e delle ispezioni di verifica della conformità dei veicoli non devono ricadere sul consumatore, ma sul costruttore, in misura proporzionale al costo di vendita del bene. Parliamo di costi irrisori per le case automobilistiche, le indicazioni provenienti dalla commissione Envi, per esempio, parlano di 10 euro ad auto. Davvero un’inezia, visto che parliamo di prodotti venduti a migliaia di euro.

Negli emendamenti abbiamo anche rimarcato come i servizi tecnici che effettuano i test in laboratorio necessari per ottenere l’omologazione debbano essere indipendenti dalle case automobilistiche. I servizi tecnici che forniscono supporto tecnico alle autorità di omologazione nazionale non possono fornire supporto tecnico ai costruttori. Questa è una condizione che considero essenziale per il buon funzionamento della vigilanza di mercato sulle auto.

Mi auguro che questi elementi siano tenuti in dovuta considerazione dal relatore e dai relatori ombra, in modo da disegnare un sistema di controlli robusto, che non lasci spazio ad interpretazioni e tuteli davvero i consumatori.

Ti potrebbe interessare anche


Politica agricola brasiliana: ecco le mie considerazioni

Vi riassumo la mia prima giornata di lavoro con la Commissione Agricoltura qui in Brasile. Buona parte del tempo oggi è stata dedicata agli incontri istituzionali con le autorità brasiliane in ambito agricolo e zootecnico nei quali ci è stato fatto il quadro della situazione  e sono stati esposti gli indirizzi e gli obiettivi della … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Flusso dei dati non personali: un nuovo Regolmento

Il confine tra dati personali e dati non personali è spesso molto sfumato. Per tutelare maggiormente gli utenti nel caso di flussi di dati non personali abbiamo presentato una serie di emendamenti andati a buon fine. È un successo importante quello raggiunto oggi, lunedì 4 giugno, perché la cosiddetta Data Economy è uno dei temi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle contraffazioni in apicoltura: un’etichetta chiara per tutelare il miele Made in Italy!

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Per un Friuli Venezia Giulia a 5 stelle sosteniamo il candidato presidente Alessandro Fraleoni Morgera!

Un Friuli Venezia Giulia con meno sprechi, con più lavoro e innovazione, attento all’ambiente e allo sviluppo, è un Friuli Venezia Giulia a 5 Stelle. Sosteniamo il nostro candidato Presidente Alessandro Fraleoni Morgera – MoVimento 5 Stelle! ⭐

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare