#Dieselgate, non può essere l’Italia a controllare le auto della #Fiat

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come è stato fatto presente più volte, lo scandalo Volkswagen è stata una frode, un inganno nei confronti dei cittadini.  Ma non è vero che frodi del genere non possano essere limitate o persino evitate nel prossimo futuro. Non è vero che non esistono deterrenti nei confronti delle case automobilistiche che vogliono fare le furbe.

Il deterrente esiste! Ed è rappresentato da un sistema di sorveglianza solido dei veicoli immessi sul mercato. Un sistema dal quale oggi siamo molto distanti, perché in molti Paesi, come l’Italia e la Francia, gli interessi del controllore (l’autorità di omologazione statale) sono fortemente intrecciati a quelli del controllato (la casa automobilistica). A volte, come nel caso della Renault in Francia, lo Stato guadagna dalla vendita delle auto che la sua autorità di omologazione statale approva. Mentre in Italia, i rapporti tra lo Stato e la Fiat sono arcinoti.

Per questo è necessario lavorare insieme per rendere più ambiziosa la proposta della Commissione, e non, come nella bozza del relatore, per mirare a mantenere lo status quo.

Gli emendamenti presentati dal Movimento 5 Stelle vanno proprio in questa direzione.

Sosteniamo la creazione di un organismo europeo che sia indipendente dagli intrecci nazionali. Che controlli a campione 1/3 dei nuovi modelli immessi ogni anno sul mercato. Un organismo capace di sanzionare le case automobilistiche che frodano. E che sia scelto tra le strutture attualmente esistenti a livello comunitario, in modo da non sprecare risorse. In quest’ambito, una valida opzione può essere rappresentata dal Centro Comune di Ricerca di Ispra, ma siamo pronti a discutere soluzioni alternative.

Sottolineo che i costi della vigilanza di mercato e i costi delle prove e delle ispezioni di verifica della conformità dei veicoli non devono ricadere sul consumatore, ma sul costruttore, in misura proporzionale al costo di vendita del bene. Parliamo di costi irrisori per le case automobilistiche, le indicazioni provenienti dalla commissione Envi, per esempio, parlano di 10 euro ad auto. Davvero un’inezia, visto che parliamo di prodotti venduti a migliaia di euro.

Negli emendamenti abbiamo anche rimarcato come i servizi tecnici che effettuano i test in laboratorio necessari per ottenere l’omologazione debbano essere indipendenti dalle case automobilistiche. I servizi tecnici che forniscono supporto tecnico alle autorità di omologazione nazionale non possono fornire supporto tecnico ai costruttori. Questa è una condizione che considero essenziale per il buon funzionamento della vigilanza di mercato sulle auto.

Mi auguro che questi elementi siano tenuti in dovuta considerazione dal relatore e dai relatori ombra, in modo da disegnare un sistema di controlli robusto, che non lasci spazio ad interpretazioni e tuteli davvero i consumatori.

Ti potrebbe interessare anche


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uccidere non risolverà il problema

Mi ricollego al tema del recente incontro di Verona a cui sono stato invitato dal gruppo M5S Sant’Anna d’Alfaedo (Verona), il cui oggetto era: “il lupo, la gestione della fauna selvatica e dei parchi”(problematiche e strategie d’intervento). Sono assolutamente contrario alla gestione della popolazione dei lupi tramite l’abbattimento, un sistema non solo non efficace, ma anche … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Progetto europeo Life Wolfs Alps: più che caccia al lupo è caccia ai voti!

Che la mozione approvata in Consiglio regionale sull’uscita del Veneto dal progetto europeo Life Wolf Alps sia una mera mossa politica attuata dal cacciatore Berlato è assolutamente evidente: al consigliere di Fratelli d’Italia, di fatto, più che la caccia ai lupi interessa la caccia ai voti. Berlato sa benissimo che la Giunta non deciderà per … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Porgi l’altra guancia: non accettazione ma ribellione

Qualche giorno fa ho avuto modo di riflettere sul significato dell’insegnamento di “porgere l’altra guancia” e sull’interpretazione che mi è stata presentata: “Uno schiavo, ai tempi di Gesù, una volta fatto inginocchiare veniva colpito in volto dal suo padrone con il dorso della mano, con un gesto che dall’alto andava verso il basso perché quest’ultimo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa, Italia