Difendiamo le radici del vino e della nostra Storia

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La settimana scorsa ho partecipato ad un incontro pubblico che aveva per oggetto il futuro della viticoltura a partire dalle sue radici. Si è svolto a San Giorgio della Richinvelda, una piccola cittadina friulana che nel corso dei decenni si è specializzata nella produzione di “barbatelle”, cioè le piantine di vite di ogni qualità innestate sulla radice di pianta americana, la quale è resistente alla fillossera, che diventano poi le piante di vite tutti conosciamo.

Nel dibattito intercorso è emerso un orientamento che penso stia diventando man mano più consistente, relativo ad un’esigenze comune nel ridurre i pesticidi e dare una risposta concreta alla situazione critica della viticoltura in Europa.
In questi obiettivi mi ci ritrovo perfettamente. I vitigni resistenti possono essere una, non l’unica, delle risposte al problema dei pesticidi in questo settore. In sostanza varietà tradizionali, per esempio Sauvignon, Merlot, Cabernet, vengono incrociate a varietà che portano geni di resistenza.

Essendo varietà molto resistenti alle malattie oltre a non richiedere l’uso di pesticidi, questi vitigni sono anche molto resistenti ai climi freddi e rappresentano un’ulteriore apertura per il mercato italiano verso i mercati internazionali.

Sono convinto che, per un settore che occupa il 3,3% della superficie agricola europea, ma che utilizza circa il 65% di tutti fungicidi impiegati in agricoltura, la sostenibilità sia ormai imprescindibile. Sostenibilità ambientale per soddisfare la qualità della vite e del vino per non distruggere gli ecosistemi che ci sostengono, e sostenibilità economica dell’attività agricola.

Al contempo dobbiamo evitare che le nuove varietà soppiantino totalmente quelle esistenti, con un drastico calo della diversità genetica. Dunque bisogna continuare a puntare sulla ricerca in campo tecnologico per rendere meno invasive ed impattanti gli interventi a protezione dei vigneti, indipendentemente dal vitigno che vi è impiantato.

I francamente credo che noi rappresentanti delle Istituzioni abbiamo il dovere di attuare tutte quelle pratiche che tutelino l’ambiente e la salute dei cittadini: per far questo bisogna puntare su progetti di lungo periodo e non seguire logiche immediate di profitto.

Ti potrebbe interessare anche


Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made In Italy

Come ho ribadito all’evento “Bio e Made in Italy” di Piacenza di domenica scorsa, per tutelare il Made in Italy occorre fare squadra.   A livello nazionale servirebbe un accordo chiaro tra produttori, trasformatori e commercianti, che punti realmente ad una tutela del Made in Italy. Purtroppo siamo molto in ritardo dall’ottenere un risultato simile … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Pesticidi: gli Stati dell’UE sono negligenti

Credo che gli Stati membri si debbano fare un bell’esame di coscienza e assumersi tutte le responsabilità politiche in seguito al rapporto della Commissione europea sull’uso sostenibile dei pesticidi. In pratica gli Stati membri, pur avendo a disposizione strumenti più sostenibili, continuano ad utilizzare i pesticidi tradizionali.  Di fatto ieri la Commissione europea ha criticato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Primariato irregolare a Pordenone: i concorsi devono essere trasparenti!

Lo scorso venerdì il Giudice del Lavoro di Pordenone ha dato ragione al medico Cassin, da 30 anni in servizio nel reparto Cardiologia del Santa Maria degli Angeli di Pordenone, il quale nel 2015 espose una denuncia all’Azienda Sanitaria a causa di un concorso per il primariato irregolare. Il M5S fin da subito ha acceso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia, Territorio

Quote latte: a pagare siano i responsabili della malagestione, non i cittadini

La condanna della Corte di giustizia europea per le quote latte secondo cui l’Italia “è venuta meno agli obblighi” per la produzione di latte in eccesso rispetto alla quota nazionale è un grande batosta. Chi politicamente è responsabile di tale sentenza -relativa al mancato recupero di una cifra stimata in 1,34 miliardi di multe sulle … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare