Ecco perché non possiamo sostenere gli OGM in agricoltura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi si dice che gli OGM siano un vantaggio per la nostra agricoltura. Anzi, diciamo che c’è qualcuno che vuole convincerci di questo.

I sostenitori degli Ogm sostengono che una pianta transgenica si adatta meglio ai cambiamenti climatici, all’innalzamento delle temperature, alla riduzione della disponibilità di acqua e ai processi di desertificazione. Per questi motivi gli Ogm sarebbero una risorsa utile per l’agroalimentare e migliorare le rese produttive.

Sappiamo però che alcuni agricoltori americani hanno dichiarato di essersi pentiti di aver coltivato OGM, perché hanno ottenuto danni economici e nessun miglioramento produttivo. L’introduzione di colture OGM non solo non aumentano le rese produttive ma è un rischio economico per le agricolture di qualità che, come quella italiana, si basano sulle varietà e le tipicità locali.

E non dimentichiamo che gli OGM non si trovano in natura, ma sono dei brevetti di proprietà di alcune multinazionali come Monsanto, Basf, Bayer, Syngenta, Pioneer. Questo significa che Le multinazionali detentrici dei brevetti sui semi transgenici hanno il diritto di rivalersi su qualsiasi agricoltore che coltivi piante che, anche accidentalmente, sono contaminate da materiale transgenico. In Argentina e Brasile la soia Ogm ha rimpiazzato le produzioni locali (patate, mais, grano e miglio) con gravi perdite per la biodiversità locale. In India, a causa del crollo del prezzo del cotone Ogm, dove ci sono stati decine di migliaia di suicidi tra i piccoli agricoltori incapaci di far fronte ai debiti.

Sicuri che l’Ogm sia un bene per l’agricoltura italiana? Io non credo proprio.

Ti potrebbe interessare anche


Supportare le microimprese ci sta a fagiolo!

A volte capita che nel nostro bel Paese le eccellenze ci siano, ma che se ne stiano abbastanza nascoste. Ciò avviene per vari motivi su cui ci sarebbe da discutere per ore, ma invece in quest’occasione penso sia più utile raccontarvi in poche righe come queste eccellenze si possano scovare. Qualche giorno fa sono stato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Falso Parmigiano Reggiano in Germania: con il CETA tutto sarà possibile

  Il caso della recente denuncia del Consorzio del Parmigiano Reggiano, che ha portato al sequestro di falso Parmigiano Reggiano alla Fiera Internazionale Anuga, Colonia -considerata la più importante rassegna al mondo dedicata al food & beverage- è davvero emblematico. Emblematico perché questa giusta e rigorosa denuncia da parte del Consorzio sarà vana nel momento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Solagna, Vicenza: la reintroduzione del glifosato è un passo indietro vergognoso

Ciò che è successo il 31 luglio sera in Consiglio comunale a Solagna (VI) rappresenta un vergognoso passo indietro per la salute dei cittadini: è stata revocata la delibera M5S -approvata l’anno scorso in data 29.03.2016- che aboliva di fatto l’utilizzo di prodotti a base di glifosato da parte del Comune e dell’Unione Montana nel … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Normativa bevande alcoliche: puntiamo a migliorare

Ieri sono intervenuto in commissione AGRI in relazione al settore delle bevande spiritose/alcoliche che rappresenta sia una punta di eccellenza delle produzioni europee sia un settore commerciale florido, che influisce in modo estremamente positivo sia sulla bilancia commerciale comunitaria che sull’occupazione.Infatti, Infatti ben l’8% delle esportazioni agroalimentari è coperto da questo settore e occupa oltre un … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare