Ecco perché non possiamo sostenere gli OGM in agricoltura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi si dice che gli OGM siano un vantaggio per la nostra agricoltura. Anzi, diciamo che c’è qualcuno che vuole convincerci di questo.

I sostenitori degli Ogm sostengono che una pianta transgenica si adatta meglio ai cambiamenti climatici, all’innalzamento delle temperature, alla riduzione della disponibilità di acqua e ai processi di desertificazione. Per questi motivi gli Ogm sarebbero una risorsa utile per l’agroalimentare e migliorare le rese produttive.

Sappiamo però che alcuni agricoltori americani hanno dichiarato di essersi pentiti di aver coltivato OGM, perché hanno ottenuto danni economici e nessun miglioramento produttivo. L’introduzione di colture OGM non solo non aumentano le rese produttive ma è un rischio economico per le agricolture di qualità che, come quella italiana, si basano sulle varietà e le tipicità locali.

E non dimentichiamo che gli OGM non si trovano in natura, ma sono dei brevetti di proprietà di alcune multinazionali come Monsanto, Basf, Bayer, Syngenta, Pioneer. Questo significa che Le multinazionali detentrici dei brevetti sui semi transgenici hanno il diritto di rivalersi su qualsiasi agricoltore che coltivi piante che, anche accidentalmente, sono contaminate da materiale transgenico. In Argentina e Brasile la soia Ogm ha rimpiazzato le produzioni locali (patate, mais, grano e miglio) con gravi perdite per la biodiversità locale. In India, a causa del crollo del prezzo del cotone Ogm, dove ci sono stati decine di migliaia di suicidi tra i piccoli agricoltori incapaci di far fronte ai debiti.

Sicuri che l’Ogm sia un bene per l’agricoltura italiana? Io non credo proprio.

Ti potrebbe interessare anche


Nessuno deve rimanere indietro!

Se la classe politica rinunciasse anche solo ad un terzo di tutti i privilegi di cui gode, il reddito di cittadinanza sarebbe già realtà!  Per non rinunciare a nulla ci dicono che i soldi non ci sono, che dovremmo aumentare a dismisura le tasse, che creerebbe disoccupazione. Dovremmo essere tutti a tirare la cintura, invece … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Milioni di uova contaminate in Europa

Da giorni assistiamo ad un rimbalzo di accuse tra Germania, Belgio e Olanda sul caso delle uova contaminate con il fipronil. A mio avviso oltre a punire i responsabili del ritardato allerta, dobbiamo porci degli interrogativi sulla qualità del cibo che arriva sulle nostre tavole

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Frutta e verdura nelle scuole elementari: pochi giorni alla chiusura delle adesioni

Come vi ho già detto in precedenza, il programma “frutta e verdura nelle scuole” che grazie al progetto europeo che lo sostiene, permettere ai bambini delle scuole elementari di mangiare la frutta e la verdura all’interno di un ampio programma educativo, chiuderà le adesioni il 31 luglio. Il progetto non riguarda solo i bambini ma … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare