Ecco perché non possiamo sostenere gli OGM in agricoltura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi si dice che gli OGM siano un vantaggio per la nostra agricoltura. Anzi, diciamo che c’è qualcuno che vuole convincerci di questo.

I sostenitori degli Ogm sostengono che una pianta transgenica si adatta meglio ai cambiamenti climatici, all’innalzamento delle temperature, alla riduzione della disponibilità di acqua e ai processi di desertificazione. Per questi motivi gli Ogm sarebbero una risorsa utile per l’agroalimentare e migliorare le rese produttive.

Sappiamo però che alcuni agricoltori americani hanno dichiarato di essersi pentiti di aver coltivato OGM, perché hanno ottenuto danni economici e nessun miglioramento produttivo. L’introduzione di colture OGM non solo non aumentano le rese produttive ma è un rischio economico per le agricolture di qualità che, come quella italiana, si basano sulle varietà e le tipicità locali.

E non dimentichiamo che gli OGM non si trovano in natura, ma sono dei brevetti di proprietà di alcune multinazionali come Monsanto, Basf, Bayer, Syngenta, Pioneer. Questo significa che Le multinazionali detentrici dei brevetti sui semi transgenici hanno il diritto di rivalersi su qualsiasi agricoltore che coltivi piante che, anche accidentalmente, sono contaminate da materiale transgenico. In Argentina e Brasile la soia Ogm ha rimpiazzato le produzioni locali (patate, mais, grano e miglio) con gravi perdite per la biodiversità locale. In India, a causa del crollo del prezzo del cotone Ogm, dove ci sono stati decine di migliaia di suicidi tra i piccoli agricoltori incapaci di far fronte ai debiti.

Sicuri che l’Ogm sia un bene per l’agricoltura italiana? Io non credo proprio.

Ti potrebbe interessare anche


Polli alla diossina, la Regione FVG scopra le carte

Quelle carte devono saltare fuori, la Regione FVG scopra i documenti inviati a Bruxelles: sono quei dati ad aver portato la Commissione Europea a minimizzare la grave situazione di inquinamento ambientale che è invece presente nel maniaghese. Dato che abbiamo ricevuto solo documenti parziali da parte della Commissione Europea, invito nuovamente la Regione FVG a … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Fine del Roaming: come il palazzo racconta quel che vuole, non quel che è

E’ del lontano 28 ottobre del 2015 il mio post che metteva in chiaro che la tanto sbandierata fine del roaming annunciata per oggi, 15 giugno 2017, non era altro che la solita propaganda di cui la maggioranza politica del Parlamento europeo fa largo uso. Una propaganda fatta con tanto di comunicati stampa ufficiali, tanto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Come volevasi dimostrare, l’UE deferisce l’Italia per la benzina in FVG

La Commissione Ue ha deciso di deferire l’Italia alla Corte europea per la mancata applicazione dell’aliquota di accisa nazionale a benzina e diesel acquistati dagli automobilisti residenti in Friuli Venezia Giulia. Il caso sulla liceità dell’erogazione della benzina a tariffe agevolate per i residenti del Friuli Venezia Giulia si trascina ormai da anni e sta … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Spaghetti, mandolino e Glifosate

Prendo spunto da una notizia di pochi giorni fa per parlare di cibo e salute. L’associazione Grano Salus, formata da imprenditori indipendenti in ambito agricolo, ha recentemente reso pubblici i dati di un’analisi che la stessa associazione ha commissionato su un campione di prodotti alimentari industriali di marca. Nel caso specifico sono stati analizzati gli … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare