Economia Collaborativa, gli emendamenti M5S vanno a segno! Eccoli

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Se gestita al meglio, l‘Economia Collaborativa è un’opportunità per tutti i cittadini. Sia come consumatori di beni e servizi, che possono trovare a prezzi più bassi e tagliati su misura delle loro esigenze. Sia come imprenditori, perché in un mercato aperto e concorrenziale la possibilità di creare start-up è ancora molto ampia.

SE

Certo, se lasciata alla deregolamentazione completa, alcune forme di economia collaborativa rischiano di ridurre le tutele per lavoratori e consumatori e di minare la trasparenza fiscale.

Martedì, 02 maggio, in commissione Mercato interno e Protezione Consumatori abbiamo votato una relazione non legislativa sull’economia collaborativa. Una relazione positiva, che tiene conto di molte delle istanze che abbiamo presentato negli emendamenti.

Ecco alcune delle nostre posizioni presenti nel testo finale:

Salvagente contro la crisi, tutela dei giovani, apertura del mercato

In commissione IMCO ho voluto innanzitutto sottolineare che l‘Economia Collaborativa può essere un salvagente contro la crisi, poiché è in grado di fornire nuove opportunità lavorative per chi risulta disoccupato o inattivo, nonché rappresentare il primo approdo nel mercato del lavoro per molti giovani che faticano a trovare un primo impiego (Emendamento 46).

Sharing è varietà nell’offerta

Ho evidenziato che le piattaforme di Sharing sono molto diverse tra loro (Emendamento 94) e che le condizioni richieste per accedere ad un mercato debbano tenere conto delle differenze tra i diversi tipi di servizio prestato (Emendamento 150).

Distinzione tra servizi professionali e tra pari attraverso le soglie

A mio avviso non esistono criteri universali per la classificazione dei servizi forniti attraverso le piattaforme collaborative. Dunque, per distinguere tra servizi professionali e servizi tra pari occorre tener conto di alcuni fattori, come la frequenza con cui viene fornito il servizio, la motivazione della fornitura del servizio e il reddito generato dal prestatore di servizi. In molti Stati, tra cui l’Italia, esiste una tendenza in atto a determinare delle soglie per distinguere i servizi professionali dai servizi tra pari. In pratica, si distinguono i servizi commerciali da quelli non commerciali. Per noi è essenziale che queste soglie non siano rigide, ma considerino le caratteristiche dei settori nei quali viene prestato il servizio professionale, nonché le condizioni socio economiche del territorio (Emendamento 161).

Massima trasparenza sui dati personali raccolti e processati dalle piattaforme

Siamo preoccupati del fatto che in alcuni casi i dati raccolti dalle piattaforme contengano informazioni sensibili sui prestatori di servizi e sugli utenti, come il luogo in cui si trovano oppure i dati della carta di credito, abbiamo quindi invitato le piattaforme a informare in maniera trasparente gli utenti sui dati personali raccolti e sul modo in cui questi dati vengono processati (Emendamento 242).

Chiarimento sui contenziosi per i consumatori

Per i consumatori serve maggiore tutela, su questo punto non retrocederemo mai. Per questo, abbiamo sottolineato la necessità di avere maggiore chiarezza nell’ambito delle tutele per i consumatori in caso di contenziosi (Emendamento 176).

Meccanismi di recensione veritieri per aumentare la fiducia

Su questo fronte, crediamo che le piattaforme collaborative debbano assumere un ruolo attivo e accogliamo gli sforzi messi in campo da numerose piattaforme per evitare distorsioni nei meccanismi di recensione dei servizi offerti, ma abbiamo sollecitato tutte le piattaforme collaborative e impegnarsi su questo fronte in modo che le valutazioni degli utenti siano sempre più veritiere e le manipolazioni limitate (Emendamento 221).

Frode dei pagamenti

Sono però preoccupato per i numerosi casi di frode tutt’ora presenti nelle transazioni economiche nell’ambito dell’economia collaborativa. Abbiamo quindi esortato le piattaforme a garantire adeguati sistemi di controllo dei pagamenti on-line che minimizzano il rischio di truffe (Emendamento 225).

Leggete anche:

#SharingEconomy, sapete cos’è? http://marcozullo.it/sharingeconomy-sapete-cose-vogliamo-piu-chiarezza-per-i-consumatori-nel-report-sul-tavolo-di-imco/

#Uber, 3 domande a cui l’Italia e l’Europa non sanno rispondere http://marcozullo.it/uber-3-domande-a-cui-litalia-e-leuropa-non-sanno-rispondere/

Ti potrebbe interessare anche


Normativa bevande alcoliche: puntiamo a migliorare

Ieri sono intervenuto in commissione AGRI in relazione al settore delle bevande spiritose/alcoliche che rappresenta sia una punta di eccellenza delle produzioni europee sia un settore commerciale florido, che influisce in modo estremamente positivo sia sulla bilancia commerciale comunitaria che sull’occupazione.Infatti, Infatti ben l’8% delle esportazioni agroalimentari è coperto da questo settore e occupa oltre un … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Frutta e verdura nelle scuole elementari: pochi giorni alla chiusura delle adesioni

Come vi ho già detto in precedenza, il programma “frutta e verdura nelle scuole” che grazie al progetto europeo che lo sostiene, permettere ai bambini delle scuole elementari di mangiare la frutta e la verdura all’interno di un ampio programma educativo, chiuderà le adesioni il 31 luglio. Il progetto non riguarda solo i bambini ma … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


La Regione FVG contro il Trasporto Pubblico Gratuito

Ieri il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha respinto l’emendamento proposto dai nostri portavoce sul trasporto pubblico gratuito. Non avevo dubbi che sarebbe andata così, d’altronde avevo letto le affermazioni dell’Assessore Santoro, una degna premessa al voto. Leggo le sue risposte in merito alle proposte dei miei colleghi portavoce regionali, risposte scontate perché provenienti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Investire nell’agricoltura italiana per rilanciare il Paese

L’agricoltura è in forte crisi, la pressione sui prezzi sia alla produzione che alla distribuzione, questi ultimi dettati dalla Grande Distribuzione Organizzata, sta letteralmente mettendo in ginocchio il comparto. Oltre a ciò vi è un elenco di problematiche che aggiungono difficoltà alle difficoltà. Eppure le soluzioni ci sono. Questo il mio intervento su Sveglia Trieste.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare