Fine del Roaming: come il palazzo racconta quel che vuole, non quel che è

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

E’ del lontano 28 ottobre del 2015 il mio post che metteva in chiaro che la tanto sbandierata fine del roaming annunciata per oggi, 15 giugno 2017, non era altro che la solita propaganda di cui la maggioranza politica del Parlamento europeo fa largo uso.
Una propaganda fatta con tanto di comunicati stampa ufficiali, tanto da farci sperare, nel giugno 2015, che fosse davvero così. Invece la fregatura era dietro l’angolo!
Riavvolgendo il nastro della vicenda roaming, nel 2015 il Movimento 5 Stelle aveva scritto una lettera al Consiglio Ue nella quale gli Stati venivano sollecitati a porre fine al roaming, alla vera fine del roaming, non a quello che i cittadini europei si troveranno servito su uno scintillante piatto d’argento da qui in poi.

Meme_Roaming_01
La realtà è ben diversa e come c’era da aspettarselo le insidie per gli ignari cittadini europei sono molte.
In primis le tariffe del vostro telefonino potranno subire variazioni, anche sensibili, perché dopo 4 mesi scattano i controlli da parte dell’operatore telefonico. Se il tempo speso all’estero è superiore a quello speso in Italia scatta un sovrapprezzo sulle chiamate e il roaming per il resto dell’anno viene ripristinato.
E poi se ad esempio io chiamo col mio cellulare con contratto italiano un amico francese, che ha un numero di telefono francese, la chiamata resta internazionale, con i suoi costi esorbitanti, nonostante questi costi non siano affatto proporzionati a quelli sostenuti dalle compagnie telefoniche: un costo per loro irrisorio che nei nostri emendamenti al codice delle telecomunicazioni attualmente in discussione chiediamo di abolire!
E poi il traffico dati sarà limitato (alcuni operatori hanno già annunciato il tetto di 1 un giga). Quindi di che cosa stiamo parlando?
Solo di pura e semplice propaganda. Una propaganda a cui diciamo basta!

Ti potrebbe interessare anche


L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Contrastiamo la ratifica finale del #CETA: le PMI italiane sono a rischio

Sono stupito dalla votazione contraria di lunedì pomeriggio in Consiglio comunale di Reggio Emilia sulla mozione #M5S per contrastare la ratifica finale del trattato CETA. Di fatto, con l’entrata in vigore del CETA il Parmigiano Reggiano, i prodotti della Food Valley e le piccole medie imprese reggiane sono a rischio! Anche se 41 IGP italiani di cui … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il MoVimento 5 Stelle pilastro della legislatura!

Il MoVimento 5 Stelle, se saranno confermati i primi dati, sarà il pilastro della prossima legislatura. E’ un risultato straordinario, storico. Siamo davanti a una vera e propria apoteosi che dimostra la bontà del lavoro fatto e soprattutto dimostra che tutti quanti dovranno venire a parlare con noi e questa sarà la prima volta. Questa è la migliore garanzia … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’arte del Friuli Venezia Giulia condivisa in Europa

Felice di aver assistito all’evento “Heroes Beyond Boundaries” (Eroi oltre i confini) del fumettista pordenonese Giulio De Vita al Comitato europeo delle Regioni a Bruxelles lo scorso mercoledì. Un momento importante per conoscere e ragionare sul linguaggio della fumettistica, arte di cui il Friuli Venezia Giulia conta vari importanti esponenti!  

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare