Fine del Roaming: come il palazzo racconta quel che vuole, non quel che è

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

E’ del lontano 28 ottobre del 2015 il mio post che metteva in chiaro che la tanto sbandierata fine del roaming annunciata per oggi, 15 giugno 2017, non era altro che la solita propaganda di cui la maggioranza politica del Parlamento europeo fa largo uso.
Una propaganda fatta con tanto di comunicati stampa ufficiali, tanto da farci sperare, nel giugno 2015, che fosse davvero così. Invece la fregatura era dietro l’angolo!
Riavvolgendo il nastro della vicenda roaming, nel 2015 il Movimento 5 Stelle aveva scritto una lettera al Consiglio Ue nella quale gli Stati venivano sollecitati a porre fine al roaming, alla vera fine del roaming, non a quello che i cittadini europei si troveranno servito su uno scintillante piatto d’argento da qui in poi.

Meme_Roaming_01
La realtà è ben diversa e come c’era da aspettarselo le insidie per gli ignari cittadini europei sono molte.
In primis le tariffe del vostro telefonino potranno subire variazioni, anche sensibili, perché dopo 4 mesi scattano i controlli da parte dell’operatore telefonico. Se il tempo speso all’estero è superiore a quello speso in Italia scatta un sovrapprezzo sulle chiamate e il roaming per il resto dell’anno viene ripristinato.
E poi se ad esempio io chiamo col mio cellulare con contratto italiano un amico francese, che ha un numero di telefono francese, la chiamata resta internazionale, con i suoi costi esorbitanti, nonostante questi costi non siano affatto proporzionati a quelli sostenuti dalle compagnie telefoniche: un costo per loro irrisorio che nei nostri emendamenti al codice delle telecomunicazioni attualmente in discussione chiediamo di abolire!
E poi il traffico dati sarà limitato (alcuni operatori hanno già annunciato il tetto di 1 un giga). Quindi di che cosa stiamo parlando?
Solo di pura e semplice propaganda. Una propaganda a cui diciamo basta!

Ti potrebbe interessare anche


La Sagra dei Osei tortura gli uccelli

Leggo sul Gazzettino di una presunta circolare del Ministero dell’Ambiente in cui la Sagra dei Osei sarebbe stata definita come “una tortura per gli uccelli”. Cito testualmente ciò che viene riportato nell’articolo: “La Sagra dei Osei non è una festa della natura, bensì un evento in cui si pratica la tortura degli uccelli, costretti in … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Accendiamo i riflettori sulla sindrome di Down

La differenza è bella e porta colore nella vita di tutti i giorni! Partecipate anche voi alla campagna di sensibilizzazione #Socksbattle4DS

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Da oggi un passo avanti nell’etichettatura, maggiore trasparenza per latte e formaggi

Dal 19 aprile, in Italia è scattato l’obbligo di indicare nell’etichettatura l’origine delle materie prime in tutti i prodotti lattiero-caseari. Oggi, non per tutti i prodotti questo è possibile. Ritengo che sia un passo fondamentale verso la più completa trasparenza nei confronti dei consumatori, nonché per la valorizzazione delle produzioni locali di qualità, per la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare