Fine del Roaming: come il palazzo racconta quel che vuole, non quel che è

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

E’ del lontano 28 ottobre del 2015 il mio post che metteva in chiaro che la tanto sbandierata fine del roaming annunciata per oggi, 15 giugno 2017, non era altro che la solita propaganda di cui la maggioranza politica del Parlamento europeo fa largo uso.
Una propaganda fatta con tanto di comunicati stampa ufficiali, tanto da farci sperare, nel giugno 2015, che fosse davvero così. Invece la fregatura era dietro l’angolo!
Riavvolgendo il nastro della vicenda roaming, nel 2015 il Movimento 5 Stelle aveva scritto una lettera al Consiglio Ue nella quale gli Stati venivano sollecitati a porre fine al roaming, alla vera fine del roaming, non a quello che i cittadini europei si troveranno servito su uno scintillante piatto d’argento da qui in poi.

Meme_Roaming_01
La realtà è ben diversa e come c’era da aspettarselo le insidie per gli ignari cittadini europei sono molte.
In primis le tariffe del vostro telefonino potranno subire variazioni, anche sensibili, perché dopo 4 mesi scattano i controlli da parte dell’operatore telefonico. Se il tempo speso all’estero è superiore a quello speso in Italia scatta un sovrapprezzo sulle chiamate e il roaming per il resto dell’anno viene ripristinato.
E poi se ad esempio io chiamo col mio cellulare con contratto italiano un amico francese, che ha un numero di telefono francese, la chiamata resta internazionale, con i suoi costi esorbitanti, nonostante questi costi non siano affatto proporzionati a quelli sostenuti dalle compagnie telefoniche: un costo per loro irrisorio che nei nostri emendamenti al codice delle telecomunicazioni attualmente in discussione chiediamo di abolire!
E poi il traffico dati sarà limitato (alcuni operatori hanno già annunciato il tetto di 1 un giga). Quindi di che cosa stiamo parlando?
Solo di pura e semplice propaganda. Una propaganda a cui diciamo basta!

Ti potrebbe interessare anche


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Domani tutti al voto! #Parlamentarie

Domani martedì 16 gennaio e mercoledì 17 gennaio dalle ore 10 alle ore 21 si terranno le consultazioni online su Rousseau per le nostre Parlamentarie. La grande idea della democrazia diretta domani prenderà forma: il grande sogno di Casaleggio è a tutti gli effetti realtà. Questa è la bellezza e la potenza rivoluzionaria del M5S. … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia

Incontro Nazionale alla Camera dei Deputati degli Sportelli SOS AntiEquitalia del MoVimento 5 Stelle!

Tutti gli Sportelli di Soccorso SOS Antiequitalia del MoVimento 5 Stelle si sono riuniti venerdì 21 luglio 2017 presso la Sala Tatarella nel Palazzo della Camera dei Deputati a Roma. Il Deputato del MoVimento 5 Stelle Carlo Sibilia coordinatore dei Punti di Ascolto e promotore della riunione nazionale, ha introdotto i lavori ricordando i capisaldi alla base … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il deposito GPL di Chioggia è un affare esplosivo

Ciò che sta succedendo a Chioggia è davvero grave: è notizia di stamattina che è stato indagato il presidente camerale. Il deposito di GPL in costruzione a Chioggia, nell’area portuale di Val di Rio, deve essere bloccato quanto prima: questo deposito, con i suoi giganteschi «bomboloni» di gas a poche centinaia di metri dal centro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare