Fine del Roaming: come il palazzo racconta quel che vuole, non quel che è

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

E’ del lontano 28 ottobre del 2015 il mio post che metteva in chiaro che la tanto sbandierata fine del roaming annunciata per oggi, 15 giugno 2017, non era altro che la solita propaganda di cui la maggioranza politica del Parlamento europeo fa largo uso.
Una propaganda fatta con tanto di comunicati stampa ufficiali, tanto da farci sperare, nel giugno 2015, che fosse davvero così. Invece la fregatura era dietro l’angolo!
Riavvolgendo il nastro della vicenda roaming, nel 2015 il Movimento 5 Stelle aveva scritto una lettera al Consiglio Ue nella quale gli Stati venivano sollecitati a porre fine al roaming, alla vera fine del roaming, non a quello che i cittadini europei si troveranno servito su uno scintillante piatto d’argento da qui in poi.

Meme_Roaming_01
La realtà è ben diversa e come c’era da aspettarselo le insidie per gli ignari cittadini europei sono molte.
In primis le tariffe del vostro telefonino potranno subire variazioni, anche sensibili, perché dopo 4 mesi scattano i controlli da parte dell’operatore telefonico. Se il tempo speso all’estero è superiore a quello speso in Italia scatta un sovrapprezzo sulle chiamate e il roaming per il resto dell’anno viene ripristinato.
E poi se ad esempio io chiamo col mio cellulare con contratto italiano un amico francese, che ha un numero di telefono francese, la chiamata resta internazionale, con i suoi costi esorbitanti, nonostante questi costi non siano affatto proporzionati a quelli sostenuti dalle compagnie telefoniche: un costo per loro irrisorio che nei nostri emendamenti al codice delle telecomunicazioni attualmente in discussione chiediamo di abolire!
E poi il traffico dati sarà limitato (alcuni operatori hanno già annunciato il tetto di 1 un giga). Quindi di che cosa stiamo parlando?
Solo di pura e semplice propaganda. Una propaganda a cui diciamo basta!

Ti potrebbe interessare anche


Blocchiamo le pratiche sleali contro gli agricoltori!

Questa settimana sono intervenuto in Commissione Agri su un argomento particolarmente cruciale, che è quello della tutela degli agricoltori, a proposito delle pratiche sleali che li vedono spesso vittime nella filiera del valore che è composta da loro, dagli intermediari (l’ingrosso dove ancora esiste) e dalla grande distribuzione organizzata. Gli agricoltori rappresentano l’anello più debole di … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Proposta direttiva Bolkestein: aumenta la burocrazia e alimenta l’insofferenza dei cittadini

Ieri ho partecipato al dibattito sulla proposta della Commissione Europea sulla procedura di notifica delle norme nazionali che rientrano nel campo della direttiva servizi, meglio conosciuta come direttiva Bolkestein. In poche parole la Commissione parlamentare sul Mercato interno e la protezione dei consumatori (IMCO), di cui faccio parte, sta rivedendo la proposta della Commissione Europea, … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Portabilità: ora potrai accedere ai tuoi servizi anche dall’estero!

Oggi il Parlamento Europeo ha approvato a larghissima maggioranza la proposta di regolamento che istituisce la portabilità transfrontaliera dei contenuti digitali. Proposta per la quale mi sono battuto in qualità di relatore del report per la Commissione mercato interno e protezione dei consumatori (IMCO), seguendone i lavori sia durante l’iter parlamentare che durante le negoziazioni con … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Reddito di cittadinanza per restituire la dignità!

Oggi vi ripropongo questo video del 20 maggio, registrato durante la marcia Perugia-Assisi. Viviamo in tempi in cui il cambiamento economico, la crisi del lavoro e l’allontanamento delle Istituzioni dai cittadini stanno creando nella popolazione malcontento, rabbia e povertà. Anche quelle fasce sociali, un tempo agiate, oggi si trovano in difficoltà. Stiamo vivendo un cambiamento … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare