Forum Europeo sulla Disabilità 2017: nessuno deve rimanere indietro

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Quella di oggi è una giornata importante per quanto concerne la disabilità: la quarta edizione dell’ “European Parliament of Persons with Disabilities” – che conta la presenza di centinaia di delegati in rappresentanza delle persone con disabilità – ha lo scopo di mettere al centro i diritti di queste persone. Quello che mi preme sottolineare però, è che non solo oggi, ma tutti i giorni questi diritti vadano messi al centro! Necessitiamo di un’Europa che si dedichi molto di più alle politiche sui disabili.

Foto del Forum Europeo sulla disabilità con FID

Ieri, con mio grande piacere, ho ricevuto a Bruxelles Vincenzo Zoccano, Presidente del Forum Italiano sulla Disabilità – FID: con lui da tempo portiamo avanti un lavoro sull’accessibilità. Ricordo come, lo scorso settembre, il Parlamento Europeo ha approvato molti degli emendamenti presentati dal M5S, frutto di un ottimo lavoro svolto in collaborazione con il Forum Italiano sulla Disabilità e con l’European Disability Forum.

Migliorare l’accessibilità significa migliorare l’ambiente per tutti! Ovviamente la strada da percorrere su questo tema è ancora lunga: ma nessun passo in avanti può esser compiuto senza un miglioramento sull’accessibilità.

É inoltre fondamentale che le diverse realtà e associazioni facciano rete. L’obiettivo è sempre e solo uno: nessuno deve rimanere indietro!

Ti potrebbe interessare anche


Politica alimentare europea: da Hogan nessun passo verso la Politica Agricola Alimentare Comune (PAAC)

Un’altra occasione persa: anche questa volta purtroppo, nonostante la comunicazione della Commissione, presentata dal Commissario responsabile per l’Agricoltura e lo Sviluppo Agricolo, Phil Hogan, portasse il titolo “Futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura”, nessun passo avanti è stato fatto per trasformare la PAC in PAAC, Politica Agricola Alimentare Comune. Di fatto, di questa comunicazione pochissimo riguardava l’alimentazione. … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made In Italy

Come ho ribadito all’evento “Bio e Made in Italy” di Piacenza di domenica scorsa, per tutelare il Made in Italy occorre fare squadra.   A livello nazionale servirebbe un accordo chiaro tra produttori, trasformatori e commercianti, che punti realmente ad una tutela del Made in Italy. Purtroppo siamo molto in ritardo dall’ottenere un risultato simile … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle contraffazioni: un’etichetta chiara per il miele Made in Italy

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Non è tutto FICO quello che luccica, anche se è da Oscar

So che non dovrei farlo, non dovrei parlare di questo progetto perché più se ne parla e più gli diamo spazio, ma come si fa a non parlarne? Un progetto come questo è sbagliato sotto molti, troppi punti di vista, e dà una rappresentazione fuorviante di ciò che è la cultura agro-alimentare italiana, la decontestualizza, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare