Francia al voto: i partiti tradizionali arrancano

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Non credo sia dovuto al caso il risultato della prima tornata elettorale francese. Quest’espressione popolare, peraltro dalla partecipazione molto elevata, innanzitutto evidenzia una crisi profonda dei partiti tradizionali.

Elezioni_Francia_3

Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica in Francia, nessuno dei due candidati dei grandi partiti di centrosinistra, ovvero i socialisti, e dall’altra parte i Républicains, va al secondo turno, al ballottaggio.

Indipendentemente da chi vincerà il prossimo 7 maggio comunque alcune considerazioni si possono chiaramente fare già adesso.

La prima è che evidentemente i partiti tradizionalisti, quelli che hanno appoggiato le politiche di austerity europee, peraltro senza ottenere alcun risultato positivo apprezzabile, tutt’altro, pagano giustamente il prezzo delle loro scelte sbagliate.

In secondo luogo poi, se qualcuno dovesse chiedersi se il M5S si confronterà con il partito vincitore, la risposta è sì chiunque esso sia, purché il confronto sia utile a condurre l’Europa ai suoi veri valori smarriti chissà dove, cioè a quelli di “comunità”, a cui evidentemente i partiti che l’hanno governata e gestita sino ad oggi non hanno pensato di ispirarsi. E adesso ne devono dar conto ai loro cittadini.

Francamente non mi interessa che al ballottaggio vinca l’uno o l’altra, perché so che comunque il M5S non ha alcuna affinità elettiva con questi partiti. In questi anni non abbiamo visto la Le Pen tagliarsi un euro di stipendio qui in Parlamento europeo, non abbiamo visto rappresentanti della società civile eletti tra le sue fila, sono comunque i “soliti noti”, la loro cultura non ci appartiene.

Lasciamo volentieri Renzi e a Salvini cimentarsi nello sport nazionale dell’appoggio politico all’una o all’altro candidato, noi tiriamo dritto per la nostra strada, quella segnata dai cittadini.

Categorie: Europa, Italia

Ti potrebbe interessare anche


Pesticidi: gli Stati dell’UE sono negligenti

Credo che gli Stati membri si debbano fare un bell’esame di coscienza e assumersi tutte le responsabilità politiche in seguito al rapporto della Commissione europea sull’uso sostenibile dei pesticidi. In pratica gli Stati membri, pur avendo a disposizione strumenti più sostenibili, continuano ad utilizzare i pesticidi tradizionali.  Di fatto ieri la Commissione europea ha criticato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’area a caldo della Ferriera di Servola non è il futuro di Trieste

Trieste è da anni sotto scacco da parte di una realtà, la Ferriera, che la rende ambientalmente dannosa per la salute dei suoi abitanti, e la cui contropartita è l’occupazione, o ancor meglio, i paventanti licenziamenti in caso di chiusura. Non credo sia possibile ipotizzare un futuro per questa città che veda ancora uno scenario … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop ai costi telefonici spropositati! Tariffe internazionali e nazionali uguali

Lunedì prossimo in Commissione Mercato Interno #IMCO, ci sarà un’importante votazione sul Codice delle comunicazioni elettroniche a cui parteciperò. Innanzitutto vi spiego di che cosa si tratta. Il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche descrive nuove iniziative destinate a soddisfare le crescenti esigenze di connettività in Europa e a incoraggiare gli investimenti nelle reti ad elevata capacità, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bayer-Monsanto: la nostra agricoltura è in pericolo

La Commissione Europea ha emesso un parere preliminare di buon senso sulla vicenda dell’acquisizione Bayer – Monsanto. La decisione di aprire un’indagine su tale acquisizione è un atto dovuto nei confronti dei cittadini europei che sono preoccupati delle conseguenze che questa fusione comporterebbe. Stiamo parlando della fusione più colossale del settore dell’agrochimica, del valore di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare