Francia al voto: i partiti tradizionali arrancano

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Non credo sia dovuto al caso il risultato della prima tornata elettorale francese. Quest’espressione popolare, peraltro dalla partecipazione molto elevata, innanzitutto evidenzia una crisi profonda dei partiti tradizionali.

Elezioni_Francia_3

Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica in Francia, nessuno dei due candidati dei grandi partiti di centrosinistra, ovvero i socialisti, e dall’altra parte i Républicains, va al secondo turno, al ballottaggio.

Indipendentemente da chi vincerà il prossimo 7 maggio comunque alcune considerazioni si possono chiaramente fare già adesso.

La prima è che evidentemente i partiti tradizionalisti, quelli che hanno appoggiato le politiche di austerity europee, peraltro senza ottenere alcun risultato positivo apprezzabile, tutt’altro, pagano giustamente il prezzo delle loro scelte sbagliate.

In secondo luogo poi, se qualcuno dovesse chiedersi se il M5S si confronterà con il partito vincitore, la risposta è sì chiunque esso sia, purché il confronto sia utile a condurre l’Europa ai suoi veri valori smarriti chissà dove, cioè a quelli di “comunità”, a cui evidentemente i partiti che l’hanno governata e gestita sino ad oggi non hanno pensato di ispirarsi. E adesso ne devono dar conto ai loro cittadini.

Francamente non mi interessa che al ballottaggio vinca l’uno o l’altra, perché so che comunque il M5S non ha alcuna affinità elettiva con questi partiti. In questi anni non abbiamo visto la Le Pen tagliarsi un euro di stipendio qui in Parlamento europeo, non abbiamo visto rappresentanti della società civile eletti tra le sue fila, sono comunque i “soliti noti”, la loro cultura non ci appartiene.

Lasciamo volentieri Renzi e a Salvini cimentarsi nello sport nazionale dell’appoggio politico all’una o all’altro candidato, noi tiriamo dritto per la nostra strada, quella segnata dai cittadini.

Categorie: Europa, Italia

Ti potrebbe interessare anche


Addio Rag. Fantozzi, ci ha lasciati soli con il Perito Poletti

Oggi si incrociano due notizie, quasi per caso, entrambe tristi ed entrambe fatalmente collegate tra di loro. La prima è la morte di Paolo Villaggio, il geniale creatore del Rag. Ugo Fantozzi, e l’altra la ripresa della disoccupazione, soprattutto di quella giovanile, ammesso e non concesso che negli ultimi anni ci sia stato in qualche … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mediocredito: Serracchiani, non stiamo scherzando

Apprendo oggi dagli organi di stampa che la Guardia di Finanza su indicazioni della Procura della Repubblica di Udine sta procedendo a sequestrare fascicoli e potenziali prove dalla sede di Mediocredito FVG. Alcuni mesi fa, dopo una serie di lunghe e approfondite indagini, ho capito che gli elementi per denunciare azioni di rilevanza penale nei … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Corsa a ostacoli per gli agricoltori del Friuli Venezia Giulia…

Per gli agricoltori carnici e di tutto il Friuli Venezia Giulia la riscossione delle indennità compensative provenienti dall’Unione europea è una vera e propria corsa a ostacoli senza fine. L’Agea, Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura, dopo mesi e mesi di attese, ritardi su ritardi e continue promesse, ancora non fa quello che deve … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il futuro dell’informazione: tra libertá d’espressione e fake news

Giovedí 8 giugno ho organizzato in Parlamento europeo un convegno sui media e il loro utilizzo, tra censure e manipolazioni. Interverranno relatori di eccezione come Guido Scorza, avvocato e docente di diritto delle nuove tecnologie, la giornalista di inchiesta Petra Reski, Bruno Zambardino direttore dell’osservatorio sui media, l’amministratore delegato dell’EMMA, The European Magazine Media Association, … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare