Glifosato? La verità è che non hanno idea di cosa fare

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Siamo stati eletti nelle Istituzioni per portare la voce dei cittadini; bene, i cittadini si sono espressi: sono state raccolte oltre un milione e trecentomila firme per fermare l’uso del glifosato. Ora io mi chiedo come sia possibile che la Commissione, un organo non eletto da nessun cittadino europeo, ignori queste richieste e prenda tempo.

Quant’ è importante proteggere la salute dei cittadini europei dagli interessi delle grandi multinazionali? Il Commissario Andriukaitis deve dare a questa domanda una risposta chiara e trasparente una volta per tutte. Il movimento di cui sono portavoce si è battuto e continua a battersi per il divieto assoluto e immediato del glifosato… per l’impatto nocivo che ha non solo sulla salute umana ma anche sull’ambiente. E questo non sono io a dirlo ma l’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro.

La proposta iniziale della Commissione di ri-autorizzare il glifosato per altri 7 o 10 anni ha giustamente indignato tutti e ha creato proteste da parte di movimenti di consumatori e associazioni ambientaliste. Il Parlamento, con mio grande rammarico, ha già diluito la nostra proposta, posticipando al 2020 ciò che andrebbe fatto subito.

Davvero lo scandalo dei Monsanto papers e le proteste dei cittadini rischiano di portare ad un nulla di fatto? Che cosa accadrà in caso di stallo al Consiglio? Se continueranno a giocare ancora con la salute dei cittadini, i cittadini non lo perdoneranno e saranno le prossime elezioni a dimostrarlo.

#StopGlifosato

Ti potrebbe interessare anche


In piazza contro il CETA!

Il giorno è arrivato: domani, martedì 27 giugno, il Senato deciderà se ratificare o meno il CETA. Se questo trattato suicida per l’Italia e per l’Europa venisse effettivamente ratificato sarebbe l’ennesimo regalo alle solite grandi multinazionali dell’agroalimentare e metterebbe ancora più in difficoltà le nostre piccole e medie imprese. Arriveranno sui nostri scaffali prodotti che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Non è tutto FICO quello che luccica, anche se è da Oscar

So che non dovrei farlo, non dovrei parlare di questo progetto perché più se ne parla e più gli diamo spazio, ma come si fa a non parlarne? Un progetto come questo è sbagliato sotto molti, troppi punti di vista, e dà una rappresentazione fuorviante di ciò che è la cultura agro-alimentare italiana, la decontestualizza, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


EMBÈ ? NESSUNO È PERFETTO!

    Il Ministro degli Esteri Alfano non conosce l’inglese , che sarebbe utile per un ministro degli esteri. Il Ministro delle Finanze Padoan sbaglia i conti di 10 miliardi di euro e, senza vergogna, chiede conseguente sconto alla UE. Il Ministro del Lavoro Poletti dichiara che per trovar lavoro, i giovani non devono mandare … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia

Agricoltura: l’Europa tira da una parte, i cittadini dall’altra

Mentre il Commissario Oettinger, ovvero la Merkel in uno dei suoi migliori travestimenti, dichiara che il buco miliardario creato dalla Brexit e quindi dalla mancanza degli introiti britannici lo deve pagare con lacrime e sangue principalmente il comparto agricoltura, esce il risultato della consultazione dei cittadini europei sulla PAC, ovvero sulla Politica Agricola Comune. Sì … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare