Golfo del Messico, icona dei nostri tempi

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Succede in Messico in un’area estesa del Golfo che copre oltre 23 mila chilometri quadrati.

Qui la vita marina pare non esistere quasi più. I pesci non trovano un elemento essenziale che è l’ossigeno e quindi muoiono. Il tutto a giudizio del Noaa (The National Oceanic and Atmospheric Administration), ovvero l’ente americano che monitora l’evoluzione del tempo e del clima, avviene a causa di un concatenamento di eventi naturali che possiamo considerare i killer, ma i cui mandanti, ancora una volta sono gli uomini. Infatti dal monitoraggio che il Noaa sta facendo sulla zona da oltre 32 anni, emerge chiaramente che la causa di ciò è che la sovrabbondanza di piogge nella zona del Messico ha provocato un enorme deflusso dell’acqua dei fiumi nel mare. Indovinate cosa c’è nell’acqua dei fiumi americani che scaricano in quella zona?

Enormi quantità ti azoto e fosforo, che guarda caso sono utilizzati come concimi dall’industria agricola americana. Questo ha portato a generare uno squilibrio nella flora e fauna marina con la proliferazione di alghe giganti che consumano buona parte dell’ossigeno e che quindi hanno man mano ucciso gli altri essere viventi.
Ma di che tipo di coltivazioni si tratta e in quali quantità per creare un danno di dimensioni così vaste? Pare si tratti di mais e soia che servono all’industria della carne americana quali alimenti per gli animali da macello come ad esempio la Tyson Foods. Quindi i nitrati e il fosforo che in quantità enormi si riversano nel Golfo del Messico hanno anche i potenziali “mandanti”.

E’ veramente difficile immaginare un mondo miglior e diverso dall’attuale, fino a quando le logiche e le normative produttive non contempleranno delle responsabilità sociali a carico di chi realizza e immette sul mercato i prodotti, qualsiasi essi siano. Per fare un esempio, credo che il produttore di telefonia debba farsi carico della rottamazione del telefono, e lo stesso vale per qualsiasi altro bene di consumo, una volta che sarà veramente inservibile, così come della fine che farà il suo packaging. Non è più sostenibile che chi sta a monte nella filiera produttiva non risponda dei danni che poi ci troviamo a valle, che derivano in buona parte al produrre in un certo modo per soddisfare esclusivamente le proprie esigenze.

Abbiamo bisogno di un’altra visione, e non c’è più molto tempo.

Ti potrebbe interessare anche


Agroalimentare e innovazione per tornare leader in Europa

Ogni territorio del nostro Paese ha delle caratteristiche che possono essere vincenti per risollevare l’economia italiana e per tornare ad essere leader in Europa e nel mondo. Dall’agroalimentare all’industria manifatturiera, dall’innovazione alla ricerca, dal turismo alla cultura, l’Italia ha una marcia in più. Oggi però paghiamo un sistema di malgoverno e mala gestione che sminuisce … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Pesticidi: gli Stati dell’UE sono negligenti

Credo che gli Stati membri si debbano fare un bell’esame di coscienza e assumersi tutte le responsabilità politiche in seguito al rapporto della Commissione europea sull’uso sostenibile dei pesticidi. In pratica gli Stati membri, pur avendo a disposizione strumenti più sostenibili, continuano ad utilizzare i pesticidi tradizionali.  Di fatto ieri la Commissione europea ha criticato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Caso Fipronil: la Commissione Agricoltura in difficoltà cammina sulle uova

Eccovi un resoconto della mia partecipazione alla Commissione Agricoltura durante la discussione sul caso uova (e derivati) al Fipronil. In Commissione si parla di” basso rischio” senza in realtà sapere di cosa si stia parlando perché mentre discutiamo del Fipronil, pare ci sia un’altra sostanza pericolosa per i consumatori, l’Amitraz. Di questo Amitraz nessuno ne … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Glifosato: nessuna intesa tra gli Stati UE ma la Commissione Europea vuole andare avanti

Non è stata trovata alcuna intesa sulla proposta di rinnovo dell’autorizzazione del glifosato per cinque anni e così la Commissione europea ha deciso di proseguire. Se non otterrà la maggioranza qualificata a fine novembre in comitato d’appello, sarà comunque libera di adottare tale proposta. Noi del M5S chiediamo sia adottato il principio di precauzione e … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare