Golfo del Messico, icona dei nostri tempi

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Succede in Messico in un’area estesa del Golfo che copre oltre 23 mila chilometri quadrati.

Qui la vita marina pare non esistere quasi più. I pesci non trovano un elemento essenziale che è l’ossigeno e quindi muoiono. Il tutto a giudizio del Noaa (The National Oceanic and Atmospheric Administration), ovvero l’ente americano che monitora l’evoluzione del tempo e del clima, avviene a causa di un concatenamento di eventi naturali che possiamo considerare i killer, ma i cui mandanti, ancora una volta sono gli uomini. Infatti dal monitoraggio che il Noaa sta facendo sulla zona da oltre 32 anni, emerge chiaramente che la causa di ciò è che la sovrabbondanza di piogge nella zona del Messico ha provocato un enorme deflusso dell’acqua dei fiumi nel mare. Indovinate cosa c’è nell’acqua dei fiumi americani che scaricano in quella zona?

Enormi quantità ti azoto e fosforo, che guarda caso sono utilizzati come concimi dall’industria agricola americana. Questo ha portato a generare uno squilibrio nella flora e fauna marina con la proliferazione di alghe giganti che consumano buona parte dell’ossigeno e che quindi hanno man mano ucciso gli altri essere viventi.
Ma di che tipo di coltivazioni si tratta e in quali quantità per creare un danno di dimensioni così vaste? Pare si tratti di mais e soia che servono all’industria della carne americana quali alimenti per gli animali da macello come ad esempio la Tyson Foods. Quindi i nitrati e il fosforo che in quantità enormi si riversano nel Golfo del Messico hanno anche i potenziali “mandanti”.

E’ veramente difficile immaginare un mondo miglior e diverso dall’attuale, fino a quando le logiche e le normative produttive non contempleranno delle responsabilità sociali a carico di chi realizza e immette sul mercato i prodotti, qualsiasi essi siano. Per fare un esempio, credo che il produttore di telefonia debba farsi carico della rottamazione del telefono, e lo stesso vale per qualsiasi altro bene di consumo, una volta che sarà veramente inservibile, così come della fine che farà il suo packaging. Non è più sostenibile che chi sta a monte nella filiera produttiva non risponda dei danni che poi ci troviamo a valle, che derivano in buona parte al produrre in un certo modo per soddisfare esclusivamente le proprie esigenze.

Abbiamo bisogno di un’altra visione, e non c’è più molto tempo.

Ti potrebbe interessare anche


Canapa e innovazione per una nuova idea di agricoltura in Europa

Viviamo in un contesto storico in cui anche nel fare agricoltura bisogna cambiare prospettiva: l’agricoltore non può più essere solo colui che coltiva, dev’essere un imprenditore in grado di occuparsi di tutta la filiera, fino alla distribuzione del prodotto sul mercato, e le Istituzioni devono essere in grado di fornirgli gli strumenti necessari per intraprendere … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ratti morti e uova infestate: l’investigazione shock negli allevamenti italiani

Vi siete mai chiesti che cosa ci sia dietro il prezzo delle uova? Una sconcertante investigazione di Animal Equality Italia ha portato alla luce qual è lo standard delle industrie delle uova e delle terribili condizioni in cui vivono più della metà delle galline ovaiole allevate in Italia. Quello che gli investigatori hanno trovato all’interno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Animali liberi, se vogliamo possiamo

In questi giorni sto raccogliendo dalla stampa nazionale alcuni piccoli segnali che mi danno speranza nel pensare che la cultura che stiamo cercando di diffondere sul tema del rispetto degli animali e del fatto che siano esseri senzienti, si stia realmente diffondendo. Oggi leggo che in uno zoo in Argentina una scimpanzé il cui nome … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Piove sul bagnato, l’UE è pronta a rinnovare il glifosato

“Sono fiducioso che nelle prossime settimane prenderemo una decisione per autorizzare nuovamente il glifosato per almeno i prossimi dieci anni”. Con queste parole, il commissario europeo per l’agricoltura, Philip Hogan, lascia poco da intendere. Nonostante l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro abbia classificato il glifosato come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”, e che milioni di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare