Il CETA si può fermare: facciamoci sentire!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Mi rivolgo a tutti i nostri portavoce in Consiglio comunale e in Regione: se ancora non l’avete fatto, vi invito a presentare una mozione contro il CETA. Tra pochissimo si va al voto in Sicilia: pensate ai tesori agroalimentari che questa Regione custodisce; con l’entrata in vigore di questo trattato il made- in siciliano e italiano sarà a rischio. Aiutateci a condividere a fare contro informazione contro tutte le balle che i diversi partiti ci raccontano.

Come ben sapete il CETA è lo scandaloso trattato di libero scambio tra Unione Europea e Canada.
Libero scambio vuol dire che non ci saranno dazi doganali e quindi costerà meno importare in Europa i prodotti canadesi. Se il CETA verrà ratificato le nostre aziende agricole si troveranno a competere con dei colossi dell’agroalimentare che proporranno dei prodotti scadenti e potenzialmente dannosi come la carne agli ormoni e gli OGM a prezzi irraggiungibili. Questo accordo mette a rischio le piccole medie imprese italiane e la salute dei nostri cittadini! Possiamo però intervenire: per entrare in vigore il CETA deve essere ratificato dai 28 Stati membri dell’ UE.

Qui nel mio sito trovate una bozza della mozione da presentare sia in Consiglio comunale che in Regione; in questa mozione si impegna la Giunta comunale o regionale a contrastare la ratifica finale del trattato CETA e a sollecitare un maggiore coinvolgimento nella stesura delle priorità negoziali in sede di redazione del mandato dei futuri trattati di libero scambio.
Ecco il link: http://marcozullo.it/stopalceta/

Ti potrebbe interessare anche


In agricoltura paghiamo la mancanza di visione

Il contesto agroalimentare europeo è potenzialmente un’opportunità eccezionale per il nostro Paese. L’Italia ha tutti gli ingredienti per essere leader in Europa. Purtroppo oggi così non è, a causa di una burocrazia che uccide letteralmente l’impresa agricola. I soldi europei ci sono ma magari manca un decreto che serve a sbloccarli, le politiche del lavoro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Accessibilità: nessuno deve rimanere indietro!

Ieri sono intervenuto in plenaria per chiedere al Parlamento Europeo di votare a favore della normativa sui requisiti di accessibilità dei prodotti e dei servizi che mira a migliorare la qualità di vita, nella sua quotidianità, di circa 80 milioni di cittadini europei con disabilità e di tutti i cittadini con limitazioni funzionali, come quelle … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Agroalimentare e innovazione per tornare leader in Europa

Ogni territorio del nostro Paese ha delle caratteristiche che possono essere vincenti per risollevare l’economia italiana e per tornare ad essere leader in Europa e nel mondo. Dall’agroalimentare all’industria manifatturiera, dall’innovazione alla ricerca, dal turismo alla cultura, l’Italia ha una marcia in più. Oggi però paghiamo un sistema di malgoverno e mala gestione che sminuisce … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dieselgate: chi ci guadagna?

Se non si inaspriranno le multe per i produttori delle automobili, se non verranno eliminati i conflitti di interesse nei test non vi saranno i presupposti di un sistema trasparente e si potrà assistere ad un nuovo scandalo, un altro Dieselgate. E’ inaccettabile che il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi (PD), … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare