Il Commissario tedesco Oettinger, alleato di Berlusconi, ordina il taglio di 5 miliardi di fondi europei all’Italia

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il Commissario europeo al Bilancio, il tedesco Gunther Oettinger, ha annunciato le linee guida della riforma della politica di coesione che verrà presentata a maggio: ci saranno tagli per il 10-15% al budget rispetto alla programmazione 2014-2020. Questo significa che alle Regioni più povere d’Europa verranno diminuiti drasticamente i trasferimenti dei fondi europei. Per l’Italia sarà una mazzata! Su 42 miliardi di euro che può contare adesso, le Regioni più povere (principalmente SiciliaSardegnaCalabriaBasilicataCampaniaPugliaMoliseAbruzzo e Lazio) potrebbero perdere fra i 4 e i 6 miliardi miliardi di euro. Questa cifra comprende anche i tagli dei fondi previsti per gli agricoltori di tutta Italia.

Anziché tagliare gli sprechi, come la doppia sede del Parlamento europeo e le pensioni privilegio ai parlamentari europei, questa Europa taglia gli aiuti ai cittadini bisognosi. È assurdo. L’unica politica europea realmente redistribuitiva corre il rischio di essere seriamente depotenziata, sia nell’attuale sia nel nuovo quadro regolamentare. Oettinger è l’emissario della Merkel a Bruxelles, uomo forte del Partito popolare europeo, lo stesso dei berlusconiani al Parlamento europeo. Eppure da loro nessuna voce si è alzata contro questa ipotesi suicida per il nostro Paese. Ma questa non è una novità. Forza Italia appoggia e vota tutte le politiche di austerity che stanno massacrando i cittadini!

Per quanto riguarda l’agricoltura, oggi le risorse per il settore rappresentano il 36% del bilancio europeo. Oettinger le vuole portare al 30%. In sostanza si vogliono togliere 10 miliardi di euro all’anno agli agricoltori europei, una cifra considerevole che rischia di creare enormi danni al settore che già soffre la concorrenza sleale di accordi commerciali suicidi siglati in passato. La mancanza di risorse causate dalla Brexit non deve essere l’ennesima scusa per togliere fondi al settore agricolo a scapito degli agricoltori veri favorendo invece chi specula. Il Commissario “tedesco” deve lasciare perdere la strada dei tagli lineari e indiscriminati che andrebbero a vantaggio delle grandissime imprese che con la Politica agricola comune si arricchiscono con mere operazioni contabili. Chiediamo che si concentri invece su una allocazione più attenta e efficiente delle risorse che premi e valorizzi soprattutto le piccole e medie imprese che con loro lavoro producono qualità, curano l’ambiente e hanno importanti ricadute sociali.

Scritto assieme alla collega Rosa D’Amato, EFDD.


Ti potrebbe interessare anche


Alberi per il futuro 2017: una bellissima giornata

Quella di ieri è stata una bellissima giornata: l’ edizione #alberiperilfuturo, andata in scena in molte città di tutt’ Italia, ha visto la grande partecipazione di moltissimi volontari. La Giornata Nazionale degli Alberi ha coinvolto 68 Comuni con l’obiettivo di mettere a dimora oltre 23.600 alberi. Ieri tra Reggio Emilia e Rubiera abbiamo piantato oltre … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle grandi navi in tutta la laguna

Grandi Navi a Venezia: in questi giorni si torna a discutere di questa spinosa questione grazie alle denunce degli ambientalisti contro il Governo che sottolineano come, al momento del voto, era presente solo l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Tutto ciò non è assolutamente accettabile. Vi ricordo che il M5S si è sempre speso contro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Non è tutto FICO quello che luccica, anche se è da Oscar

So che non dovrei farlo, non dovrei parlare di questo progetto perché più se ne parla e più gli diamo spazio, ma come si fa a non parlarne? Un progetto come questo è sbagliato sotto molti, troppi punti di vista, e dà una rappresentazione fuorviante di ciò che è la cultura agro-alimentare italiana, la decontestualizza, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I cambiamenti della distribuzione alimentare potranno modificare la nostra vita?

Le vendite online crescono indiscutibilmente ed è plausibile che continueranno a crescere anche nei prossimi anni, spingendo al massimo sul suo vantaggio competitivo, che è un fortissimo marketing sul singolo cliente, mentre la distribuzione tradizionale arranca

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare