Il G20 serve a dimostrare che non serve il G20

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Se Angela Merkel, padrona di casa del G20 di Amburgo, sostiene che non si debbano “nascondere le differenze”, il G20 probabilmente serve principalmente a questo. Un insieme di paesi, potenze mondiali, che discutono su tutto e si accordano su niente. Faccio un rapido riepilogo per chi si fosse perso quest’ultima puntata.

Il clima, tema importantissimo su cui la sensibilità oramai è diffusa in modo planetario. Ebbene, “l’accordo è irreversibile” (quindi gli USA che sono contrari sono fuori) ma viene inserito nella dichiarazione finale, quasi sotto traccia, l’utilizzo dei fossili, su proposta della Merkel, così l’America esce dalla porta, sbattendola, e rientra dalla finestra.

Sui migranti la sintesi è questa: l’Italia si arrangi, ognuno per sé, i Grandi 20 non sono d’accordo nemmeno sul condannare i trafficanti di esser umani (Cina e Russia) e ciò viene concesso evidentemente in cambio di qualcos’altro.

Un altro tema di cui i Grandi sono riusciti allo stesso tempo a dire tutto e il suo contrario è quello dei dazi. Grazie ad una dichiarazione molto generica che introduce il concetto di “misure difensive”, di fatto agli Usa viene concesso di applicare dazi in modo selettivo quando e come ne avrà voglia.

Segnalo poi il tema dell’Ucraina: non si conoscono bene i termini dell’ulteriore disaccordo, ma per una volta mi fido della Merkel che dichiara: “Ci siamo resi conto che i progressi sono molto lenti, in alcuni punti c’è una stagnazione se non addirittura una regressione”. Questa la sintesi.

A cosa serve quindi il G20? A dimostrare che chi è più forte detta le regole e chi è più debole le subisce.

Ne avevamo proprio bisogno

Ti potrebbe interessare anche


Pesticidi: gli Stati dell’UE sono negligenti

Credo che gli Stati membri si debbano fare un bell’esame di coscienza e assumersi tutte le responsabilità politiche in seguito al rapporto della Commissione europea sull’uso sostenibile dei pesticidi. In pratica gli Stati membri, pur avendo a disposizione strumenti più sostenibili, continuano ad utilizzare i pesticidi tradizionali.  Di fatto ieri la Commissione europea ha criticato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uova al Fipronil, la frittata è fatta

Lo scandalo delle uova al Fipronil si sta allargando a macchia d’olio. È gravissimo che si sua iniziato ad agire solo dopo vari mesi dalle prime segnalazioni, permettendo ai prodotti contaminati di attraversare più di mezza Europa. Questo atteggiamento incerto e fragile da parte dell’Unione Europea è sintomo che ancora molto è da fare per … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Salviamo l’agricoltura italiana! #StopCETA

Il CETA minaccia l’agricoltura italiana e il Made in Italy: oltre 4 mila cittadini, tra agricoltori, consumatori, attivisti e sindacalisti, si sono radunati ieri a Roma per chiedere al Senato di dire NO al CETA, l’assurdo trattato di libero scambio tra l’Europa e il Canada.   Con l’eliminazione di quasi tutti i dazi doganali sui … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Questo è il PD

Oggi in Senato è stata bocciata la richiesta del MoVimento 5 Stelle sui vitalizi: hanno detto no alla procedura d’urgenza. È l’ipocrisia più totale: PD e Forza Italia uniti, insieme a Mdp, Sinistra Italiana, Alfano e Verdini per votare “no” alla dichiarazione d’urgenza proposta dal MoVimento 5 Stelle. Questa proposta del MoVimento 5 Stelle avrebbe accelerato la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia