Il mondo reclama un’altra economia, e questo è possibile

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Prendo spunto dalla lettura estiva di un libro, “l’Economia della ciambella” della docente universitaria di Oxford Kate Raworth, per fare alcune considerazioni sui modelli economici che stanno imperando in questo inizio millennio, modelli che oramai di fatto sono uno solo, quello del liberismo senza limiti, dell’omologazione, del precariato come nuovo modello economico fondato sulla schiavitù diffusa.

Quello che mi ha colpito da subito di questo libro sono sia il titolo che la copertina. La ciambella infatti evoca un utile accessorio per salvarsi dall’annegamento, dallo sprofondare negli abissi, e il contenuto è un po’ la ricetta per galleggiare nell’affrontare questo mondo ormai pervaso da logiche autodistruttive.

In primo luogo mi viene in mente la “crescita”, questo mantra che i governi europei cercano di instillarci ogni giorno, questo obiettivo legato ad un concetto tanto esile quanto sterile, se paragonato al concetto di sviluppo.
Il concetto di crescita si riferisce unicamente al parametro economico e a nient’altro. “Sviluppo” invece è un obiettivo ben più interessante perché coinvolge tutta una serie di altri valori che non c’entrano necessariamente con l’economia, ma che ne sono correlati.

Vi faccio un esempio molto immediato: quando incontriamo per strada una ragazza o un ragazzo che conosciamo e che è nella fase adolescenziale ne misuriamo ad occhio solo la crescita, ovvero l’altezza rispetto all’ultima volta che l’abbiamo incontrato. Quando ci sediamo a parlare con lei/lui e notiamo dai suoi discorsi che i suoi ragionamenti stanno tendendo alla maturità, pensiamo a come si stia sviluppando. Lo sviluppo è quindi l’insieme di tanti valori a cui dovrebbe tendere una società, crescere solo d’altezza e rimanere dentro dei bambini serve a poco, anzi è un problema molto grosso.

Quindi perché non pensare di porre traguardi diversi e più lungimiranti, come quello di cambiare gli obiettivi del PIL inserendovi i parametri del benessere degli uomini quali ad esempio la libertà, il rispetto dei diritti, la salute?
Oppure perchè non progettare già pensando a come redistribuire per minimizzare le diseguaglianze sociali, anziché sperare che lo faccia il mercato, visto che è ampiamente dimostrato che ciò non succede?
E inoltre perchè non spingere sul “creare per rigenerare”, ovvero schiacciare l’acceleratore dell’economia circolare quale soluzione per abbassare il livello raggiunto del degrado ambientale?
E’ chiaro che in tutto ciò un ruolo chiave ce l’ha lo stato, l’unico che può avere a cuore tutte le fasce sociali e che se ben guidato può traghettare le società verso questo cambiamento.
Tutto sommato l’autrice di questo saggio non lo scrive esplicitamente, ma tra le sue righe si legge chiaramente un principio molto caro a noi del M5S: nessuno deve rimanere indietro.
E se dal 2018 come mi auguro governeremo l’Italia, sarà il nostro grande obiettivo.

Ti potrebbe interessare anche


Dieselgate: chi ci guadagna?

Se non si inaspriranno le multe per i produttori delle automobili, se non verranno eliminati i conflitti di interesse nei test non vi saranno i presupposti di un sistema trasparente e si potrà assistere ad un nuovo scandalo, un altro Dieselgate. E’ inaccettabile che il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi (PD), … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


E’ ufficiale: le uova al Fipronil sono arrivate in Italia

Siamo solo all’inizio, Dai primi controlli del Ministero della Salute emergono le prime tracce di uova al Fipronil

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Emergenza uova: talmente urgente che la Commissione ci penserà a fine settembre

Mi chiedo come sia possibile che a fronte di un’emergenza conclamata la Commissione europea se ne stia sotto l’ombrellone e non pensi di convocare immediatamente le autorità dei paesi coinvolti. Ancora una volta l’Europa mostra la sua vera faccia, quella di un organismo burocrate, ben lontano dalle necessità dei suoi cittadini anche di fronte al caso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Nuovo regolamento agricoltura biologica: persa una grande occasione

Quella di oggi poteva essere una giornata di svolta, dove finalmente si ponevano le basi per un buon regolamento sull’agricoltura biologica e in cui vi era la possibilità di uniformare le regole a livello europeo. Se è vero infatti che da un lato non si sono peggiorate le cose, dall’altro non posso però affermare che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare