La Giornata mondiale degli oceani malati

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Lo scorso 8 giugno è passata quasi inosservata questa ricorrenza: la “Giornata mondiale degli oceani”, istituita dall’Onu nel ’92.

E’ evidente che quando si istituisce la “giornata del” normalmente lo si faccia per tenere alta l’attenzione su un tema particolarmente importante e che va monitorato, discusso, considerato.

Credo che l’acqua di questo pianeta non sia un tema da sottovalutare, visto che è la nostra fonte di vita, soprattutto quando abbiamo la consapevolezza o quantomeno il sospetto che non tutto vada per il meglio.

Infatti, pur sapendo che dall’acqua degli oceani dipendono il clima, l’ossigenazione, le biodiversità marine, giusto per citare i fenomeni più eclatanti, comunque gli oceani gradatamente stanno diventando l’immondezzaio del pianeta.

Per chi non conoscesse il Pacific Trash Vortex, questo non è altro che un’enorme continente galleggiante, interamente formato da plastica. Le stime delle sue dimensioni (variabili vista la composizione) vanno da 700.000 km² fino a più di 10 milioni di km² praticamente un’area più grande degli USA. Ribaltare una situazione del genere è un’impresa epica ma non si può non farlo, è vitale. Inquinare il mare significa tra le altre cose uccidere i coralli, e il 30% circa della biodiversità marina è presente proprio dove ci sono i coralli.

Il tema è molto complesso e non lo posso certo sviscerare tutto in poche righe, ma quel che mi preme trasferirvi è la necessità di essere consapevoli di quanto avviene in torno a noi. L’oceano non è così lontano come sembra, e gli effetti sulla sua vitalità influiscono nella nostra quotidianità, anche se qui ci sembra di essere lontani.

Ti potrebbe interessare anche


I Fondi europei diretti e le piccole imprese: un percorso di successo

Oggi più che mai l’accesso ai #fondi europei rappresenta un’opportunità da non perdere, un’occasione per poter realizzare progetti imprenditoriali virtuosi con una ricaduta sul territorio non solo dal punto di vista economico ma anche sociale e occupazionale. Per riuscire a beneficiare delle risorse messe a diposizione dall’Unione Europea attraverso i fondi è necessario avere dei canali di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Quale futuro per l’agricoltura di montagna?

Lo scorso 6 ottobre ho organizzato un incontro a Tai di Cadore (BL) con i colleghi portavoce D’Incà, Scarabel e con la presenza tecnica di Marco Sartorato di Ecornaturasì. Abbiamo discusso insieme ai cittadini del futuro dell’agricoltura montana nel quadro europeo oltre che italiano, delle difficoltà e di come superarle, del biologico, del giusto prezzo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Accessibilità: nessuno deve rimanere indietro!

Ieri sono intervenuto in plenaria per chiedere al Parlamento Europeo di votare a favore della normativa sui requisiti di accessibilità dei prodotti e dei servizi che mira a migliorare la qualità di vita, nella sua quotidianità, di circa 80 milioni di cittadini europei con disabilità e di tutti i cittadini con limitazioni funzionali, come quelle … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In agricoltura paghiamo la mancanza di visione

Il contesto agroalimentare europeo è potenzialmente un’opportunità eccezionale per il nostro Paese. L’Italia ha tutti gli ingredienti per essere leader in Europa. Purtroppo oggi così non è, a causa di una burocrazia che uccide letteralmente l’impresa agricola. I soldi europei ci sono ma magari manca un decreto che serve a sbloccarli, le politiche del lavoro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare