L’allevamento intensivo non è sostenibile

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri abbiamo festeggiato la Giornata mondiale della Terra, ma lo sai che l’allevamento intensivo è la principale causa di inquinamento, deforestazione e spreco d’acqua?

all intens

Infatti, l’intero settore dei trasporti produce solo il 13% dei gas ad effetto serra attuali. Agli allevamenti intensivi è imputabile una percentuale pari al 18%. In più, oltre alla CO2 ed al metano, gli allevamenti intesivi sono responsabili del 65% di tutte le emissioni di ossido di azoto legato all’uomo – un gas serra con 296 volte il potenziale di riscaldamento globale dell’anidride carbonica e che rimane nell’atmosfera per oltre 150 anni.

Oggi l’accesso all’acqua potabile diventa sempre più difficile per un numero sempre più ingente di persone. L’allevamento intensivo è responsabile di una percentuale tra l’80 ed il 90% del consumo d’acqua mondiale.

Un altro patrimonio ecologico del nostro pianeta sono le foreste. Fra queste, le foreste pluviali sono considerate il vero e proprio polmone della Terra. Ogni secondo, tagliamo circa 1-2 acri di foresta pluviale e la causa principale di questa distruzione sono gli allevamenti intensivi: le foreste vengono abbattute per fare spazio alle colture dei mangimi di questi allevamenti.

Ad ogni deforestazione, ne consegue un’enorme perdita di piante e animali: l’allevamento intensivo è una minaccia per la biodiversità e per la conservazione degli habitat naturali.

Vuoi cambiare tutto questo? Allora il primo passo sarà quello di chiedere alla Commissione Europea di inserire nell’etichettatura la tipologia di allevamento da cui proviene la carne!

Questo servizio di Carta Bianca mostra cosa c’è dietro a carne e uova a buon mercato, vi invito a guardarlo e a farlo girare per informare quante più persone possibili.

https://www.facebook.com/MarcoZulloM5S/videos/1936459303255377/

Ti potrebbe interessare anche


Questione lupo: correggere la direttiva habitat non risolve nulla

Sul territorio bellunese si parla molto della “questione lupo”. La scorsa estate l’attenzione è ricaduta sui fatti avvenuti all’alpeggio fra Nevegal e Visentin nei quali un lupo ha attaccato ripetutamente dei greggi di pecore. Sono d’accordo con Cristiano Fant, referente Enpa (ente nazionale protezione animali) per la provincia di Belluno quando afferma che “La presenza … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


GPL di Chioggia: abbiamo portato il caso in Parlamento Europeo

Il caso del deposito Gpl di Chioggia è arrivato in Parlamento europeo: nell’ interrogazione che abbiamo da poco depositato, abbiamo fatto presente come l ‘iter decisionale del Governo italiano che ha portato alla sua autorizzazione, presenta numerose criticità. Esso sembra innanzitutto non aver tenuto conto delle peculiarità del territorio: dal 1987 l’intero bacino della laguna … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Giancarlo Cancelleri per una una Sicilia a 5 Stelle! #SceglieteIlFuturo

Manca pochissimo al voto del 5 novembre! Come ben sappiamo le elezioni in Sicilia sono davvero importanti per l’intero equilibrio politico nazionale: sarà una battaglia all’ultimo voto. Ci troviamo davanti ad un’accozzaglia di liste e a candidati assolutamente impresentabili; stanno lavorando affinché le poltrone siano occupate da persone a loro compiacenti. Il M5S insieme al … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Multe europee sul latte, i conti non tornano

Stamattina ho partecipato alla conferenza stampa organizzata dal mio collega Luigi Gaetti per denunciare un possibile scandalo che riguarda l’Europa e le quote latte dell’Italia: di fatto l’Italia ha pagato circa 30 milioni di euro di multa per le quote latte solo per quanto riguarda l’annata 2014-15. Questo dato è emerso a seguito di una ricerca fatta … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare