L’allevamento intensivo non è sostenibile

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri abbiamo festeggiato la Giornata mondiale della Terra, ma lo sai che l’allevamento intensivo è la principale causa di inquinamento, deforestazione e spreco d’acqua?

all intens

Infatti, l’intero settore dei trasporti produce solo il 13% dei gas ad effetto serra attuali. Agli allevamenti intensivi è imputabile una percentuale pari al 18%. In più, oltre alla CO2 ed al metano, gli allevamenti intesivi sono responsabili del 65% di tutte le emissioni di ossido di azoto legato all’uomo – un gas serra con 296 volte il potenziale di riscaldamento globale dell’anidride carbonica e che rimane nell’atmosfera per oltre 150 anni.

Oggi l’accesso all’acqua potabile diventa sempre più difficile per un numero sempre più ingente di persone. L’allevamento intensivo è responsabile di una percentuale tra l’80 ed il 90% del consumo d’acqua mondiale.

Un altro patrimonio ecologico del nostro pianeta sono le foreste. Fra queste, le foreste pluviali sono considerate il vero e proprio polmone della Terra. Ogni secondo, tagliamo circa 1-2 acri di foresta pluviale e la causa principale di questa distruzione sono gli allevamenti intensivi: le foreste vengono abbattute per fare spazio alle colture dei mangimi di questi allevamenti.

Ad ogni deforestazione, ne consegue un’enorme perdita di piante e animali: l’allevamento intensivo è una minaccia per la biodiversità e per la conservazione degli habitat naturali.

Vuoi cambiare tutto questo? Allora il primo passo sarà quello di chiedere alla Commissione Europea di inserire nell’etichettatura la tipologia di allevamento da cui proviene la carne!

Questo servizio di Carta Bianca mostra cosa c’è dietro a carne e uova a buon mercato, vi invito a guardarlo e a farlo girare per informare quante più persone possibili.

https://www.facebook.com/MarcoZulloM5S/videos/1936459303255377/

Ti potrebbe interessare anche


Il sogno diventa realtà: con Rousseau abbiamo dato una svolta alla partecipazione

Sabato scorso ho partecipato assieme a tanti attivisti e portavoce, all’incontro celebrativo dei 10 anni dal V-day. Con l’occasione abbiamo presentato la piattaforma Rousseau ai cittadini, che è l’attuazione del sogno di Gianroberto Casaleggio e di fatto la colonna portante del pensiero del MoVimento 5 Stelle: la partecipazione.  Ed è proprio su questo tema che … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa, Italia, Video

Ecco perché non possiamo sostenere gli OGM in agricoltura

Oggi si dice che gli OGM siano un vantaggio per la nostra agricoltura. Anzi, diciamo che c’è qualcuno che vuole convincerci di questo. I sostenitori degli Ogm sostengono che una pianta transgenica si adatta meglio ai cambiamenti climatici, all’innalzamento delle temperature, alla riduzione della disponibilità di acqua e ai processi di desertificazione. Per questi motivi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Oettinger fedelissimo della Merkel fa gli interessi del governo tedesco

E’ inammissibile che la Commissione UE preveda tagli ai fondi di coesione e all’agricoltura nel momento in cui  mancheranno 10-11 miliardi ogni anno al bilancio Ue. Se è vero che, come affermato dal commissario Ue al bilancio Guenther Oettinger  “non possiamo far finta che niente sia cambiato con la Brexit” al contempo non è possibile … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Per un’agricoltura in armonia con l’ambiente diciamo no agli ogm!

Anche nel nostro nord est l’agricoltura ha subito trasformazioni pesanti che, però, non hanno migliorato la qualità dell’ambiente rurale né rafforzato i nostri agricoltori. La politica della monocoltura ha pesantemente ridisegnato le nostre campagne: ha ridotto il numero degli agricoltori e ha ridotto la loro capacità di reddito. Serve subito un’agricoltura che valorizzi e faccia … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare