No dell’Ue alle gabbie negli allevamenti

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Con 410 voti a favore, 205 contrari e 59 astensioni, finalmente il Parlamento Europeo si è espresso affinché siano definite delle misure volte a migliorare le condizioni di vita di circa 340 milioni di conigli d’allevamento presenti ogni anno sul territorio europeo.

conigli1200x627exe6

Tutto ciò nasce dal basso, da una forte pressione dei cittadini europei che hanno chiesto che si definiscano delle norme minime per la garanzia di una qualità della vita di questi animali.

Si tratta di una svolta importante dato che fino ad oggi non vi era la volontà di avere dei requisiti minimi per la tutela dei conigli in Europa, e perché con questo voto si apre la strada all’abolizione delle batterie negli allevamenti e ad una normativa più civile e sana che tuteli il benessere dell’animale.

Questo è un tema che mi è molto caro e che riguarda da vicino il nostro Paese. Infatti in Italia, secondo le statistiche della FAO, vengono macellati oltre 150 milioni di conigli l’anno, che ne fanno il primo produttore europeo ed il secondo su scala mondiale dopo la Cina.

Le condizioni in cui vivono questi animali sono ben lontane dall’essere dignitose: pensate che il 99% dei conigli passa la propria breve vita in gabbie da 0,08 metri quadrati. Ognuno ha uno spazio vitale pari a quello di un foglio A4 e circa il 10% viene macellato senza prima procedere allo stordimento, con inutili e atroci sofferenze.

Sono felice di aver appoggiato e contribuito a questa richiesta che può mettere fine ad una delle pratiche più barbare dell’industria alimentare che li obbligano ad una non vita fatta di maltrattamenti e malattie.

Probabilmente questo processo richiederà del tempo e troveremo delle opposizioni, ma mi impegnerò personalmente a portare le istanze per cui mi sono sempre battuto e a mantenere alta la pressione!
#Bastagabbie, animali liberi.

Ti potrebbe interessare anche


Tutelare chi compra online è necessario

Il 21 giugno, alle 15.45 interverrò all’Electronic Home Shopping Conference 2017 di Venezia, l’unica conferenza e fiera commerciale in Europa dedicata alle aziende che applicano una strategia di business “direct to the consumer”. Cosa si intende con l’espressione “direct to consumer”? Si intendono quelle imprese commerciali che detengono con i loro clienti delle relazioni dirette … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Diritto all’informazione, fake news e censura

Giovedì 8 giugno è andato in scena un convegno che ha visto dei relatori di grande spessore e una grande partecipazione di pubblico molto attento alle tematiche affrontate; ci siamo interrogati e ci siamo confrontati su ciò che rappresenta in questo momento storico l’informazione.   In un’ epoca sempre più veloce in cui le notizie … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Programma Frutta e Verdura nelle Scuole: il 31 luglio si avvicina!

Care e cari insegnanti, pensate sia importante educare maggiormente i bambini al valore di una sana e corretta alimentazione? Pensate che nelle mense delle vostre scuole non vi sia abbastanza frutta e verdura? Allora non perdete tempo, fatevi avanti e spingete le vostre scuole a partecipare al programma Frutta e Verdura nelle Scuole prima del … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Non abboccate alla propaganda, col CETA le PMI sono a rischio

Le dichiarazioni dei Ministri dell’Agricoltura Martina e dello Sviluppo economico Calenda riportate sulla Gazzetta di Parma hanno davvero dell’incredibile: essi di fatto affermano come, grazie al CETA, ci saranno benefici per le nostre aziende, piccole e medie e per i nostri cittadini. I lettori della Gazzetta di Parma non devono credere a tali assurdità: frasi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare