Obbligatorietà dei vaccini? La strada non è questa

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Spingere verso una campagna di vaccini obbligatori non è la strada migliore: la via maestra è quella della raccomandazione e di una informazione corretta ed esaustiva nei confronti dei genitori, che devono avere tutte le conoscenze necessarie per compiere una scelta consapevole e responsabile nei confronti dei loro figli e della comunità. Rendere obbligatorio un vaccino, pena la mancata iscrizione negli asili o nelle scuole, non avrebbe nessun effetto sulla consapevolezza dei genitori.

In merito alla vaccinazione la Regione Friuli Venezia Giulia si dovrebbe invece mobilitare e avviare delle campagne informative coinvolgendo le Aziende sanitarie, i pediatri e le istituzioni affinché i genitori vengano informati esaustivamente per metterli in grado di compiere questa importante scelta per la salute dei propri figli e della comunità. Introdurre semplicemente un obbligo consentirebbe, forse, di aumentare la percentuale di bambini vaccinati ma senza fare un passo avanti nei confronti della crescita della comunità.

MEME_Vaccini_02

L’Italia sull’argomento vaccini è controcorrente rispetto al resto dell’Europa e denota un’arretratezza su questo argomento. L’orientamento prevalente negli Stati europei è infatti la raccomandazione e non l’obbligo nelle vaccinazioni: metà degli stati membri non adotta nessun vaccino obbligatorio, pur mantenendo percentuali di vaccinazione molto elevate. La copertura vaccinale media in Europa è infatti del 93 per cento, il che evidenzia come molti programmi europei risultino efficaci anche senza l’obbligo.

Ritengo sia fondamentale potenziare le campagne di informazione, offrire ai cittadini le corrette indicazioni, attuare riforme sociosanitarie per indirizzare verso forme di vaccinazioni personalizzate, migliorare le condizioni igieniche scolastiche e mantenere una corretta e sana educazione alimentare, sono alcune delle proposte strategiche che la Regione Friuli Venezia Giulia e l’Italia dovrebbero tenere presenti per migliorare la situazione sanitaria nazionale.

Ti potrebbe interessare anche


Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In Italia mai più stazioni precluse ai diversamente abili come a Cormons

L’Italia ha ancora tanta strada da fare per quanto riguarda la disabilità: è notizia di ieri che la stazione ferroviaria di Cormons non è accessibile alle persone disabili a causa della totale assenza di strutture che possano portare chi è su una sedia a rotelle dall’entrata ai binari attraverso il sottopassaggio e viceversa. Il montascale … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Aumentiamo i controlli sulle merci contraffatte

Ancora troppo spesso le pagine di cronaca dei giornali riportano notizie sui sequestri di merci contraffatte. Come è successo nei giorni scorsi al valico goriziano di Sant’Andrea, sul confine tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia. I militari delle Fiamme Gialle hanno fermato un furgone proveniente dall’est europeo e, a seguito dei normali controlli, sono stati … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare