Obbligatorietà dei vaccini? La strada non è questa

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Spingere verso una campagna di vaccini obbligatori non è la strada migliore: la via maestra è quella della raccomandazione e di una informazione corretta ed esaustiva nei confronti dei genitori, che devono avere tutte le conoscenze necessarie per compiere una scelta consapevole e responsabile nei confronti dei loro figli e della comunità. Rendere obbligatorio un vaccino, pena la mancata iscrizione negli asili o nelle scuole, non avrebbe nessun effetto sulla consapevolezza dei genitori.

In merito alla vaccinazione la Regione Friuli Venezia Giulia si dovrebbe invece mobilitare e avviare delle campagne informative coinvolgendo le Aziende sanitarie, i pediatri e le istituzioni affinché i genitori vengano informati esaustivamente per metterli in grado di compiere questa importante scelta per la salute dei propri figli e della comunità. Introdurre semplicemente un obbligo consentirebbe, forse, di aumentare la percentuale di bambini vaccinati ma senza fare un passo avanti nei confronti della crescita della comunità.

MEME_Vaccini_02

L’Italia sull’argomento vaccini è controcorrente rispetto al resto dell’Europa e denota un’arretratezza su questo argomento. L’orientamento prevalente negli Stati europei è infatti la raccomandazione e non l’obbligo nelle vaccinazioni: metà degli stati membri non adotta nessun vaccino obbligatorio, pur mantenendo percentuali di vaccinazione molto elevate. La copertura vaccinale media in Europa è infatti del 93 per cento, il che evidenzia come molti programmi europei risultino efficaci anche senza l’obbligo.

Ritengo sia fondamentale potenziare le campagne di informazione, offrire ai cittadini le corrette indicazioni, attuare riforme sociosanitarie per indirizzare verso forme di vaccinazioni personalizzate, migliorare le condizioni igieniche scolastiche e mantenere una corretta e sana educazione alimentare, sono alcune delle proposte strategiche che la Regione Friuli Venezia Giulia e l’Italia dovrebbero tenere presenti per migliorare la situazione sanitaria nazionale.

Ti potrebbe interessare anche


Il CETA arriva in Senato!

Dopo l’approvazione in Parlamento Europeo (http://bit.ly/2tnpVph), lo scandaloso trattato di libero scambio tra Unione Europea e Canada denominato CETA sbarca in Senato per la ratifica definitiva! Non possiamo far passare questo accordo che mette a rischio le piccole medie imprese italiane e la salute dei nostri cittadini. (Clicca qui per saperne di più: http://bit.ly/2tIuEkM ) … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uccidere non risolverà il problema

Mi ricollego al tema del recente incontro di Verona a cui sono stato invitato dal gruppo M5S Sant’Anna d’Alfaedo (Verona), il cui oggetto era: “il lupo, la gestione della fauna selvatica e dei parchi”(problematiche e strategie d’intervento). Sono assolutamente contrario alla gestione della popolazione dei lupi tramite l’abbattimento, un sistema non solo non efficace, ma anche … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Emergenza uova: talmente urgente che la Commissione ci penserà a fine settembre

Mi chiedo come sia possibile che a fronte di un’emergenza conclamata la Commissione europea se ne stia sotto l’ombrellone e non pensi di convocare immediatamente le autorità dei paesi coinvolti. Ancora una volta l’Europa mostra la sua vera faccia, quella di un organismo burocrate, ben lontano dalle necessità dei suoi cittadini anche di fronte al caso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Progetto europeo Life Wolfs Alps: più che caccia al lupo è caccia ai voti!

Che la mozione approvata in Consiglio regionale sull’uscita del Veneto dal progetto europeo Life Wolf Alps sia una mera mossa politica attuata dal cacciatore Berlato è assolutamente evidente: al consigliere di Fratelli d’Italia, di fatto, più che la caccia ai lupi interessa la caccia ai voti. Berlato sa benissimo che la Giunta non deciderà per … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare