Oggi diciamo #STOPGLIFOSATO! Twitter storm dalle 11.00 alle 15.00

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il prossimo 5 e 6 ottobre la Commissione Europea dovrà prendere una decisione in merito al rinnovo dell’autorizzazione del glifosato nell’Unione europea. Il rischio che questo veleno venga autorizzato nuovamente per altri dieci anni c’è.

Per questo OGGI dobbiamo far sentire la nostra voce e quella dei tanti cittadini italiani contrari al rinnovo dell’autorizzazione all’uso del #glifosato con un Twitter Storm alla vigilia della riunione decisiva del 5 e 6 ottobre, per rinforzare l’azione di pressione che stiamo svolgendo sulle Istituzioni europee e nazionali come Coalizione #StopGlifosato.

Nei mesi scorsi, grazie all’intensa mobilitazione di tutta la Coalizione italiana ed europea #StopGlifosato, abbiamo raccolto in poco tempo oltre 1,3 milioni di firme per la petizione ICE, mentre nella petizione lanciata da Avaaz sono state raccolte ben 2.049.804 firme per bandire una volta per tutte questo dannoso erbicida.

Il glifosato è il simbolo di quella agricoltura industriale e intensiva, basata sull’uso ordinario della chimica di sintesi, che costituisce una delle maggiori minacce per la conservazione della biodiversità a livello globale e per la nostra salute.
Infatti lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha classificato il glifosato come “potenzialmente cancerogeno per l’uomo” al contrario di quanto riporta il documento dell’EFSA, su cui la Commissione europea baserà la propria decisione.

Oggi sappiamo che buona parte di questo rapporto è stato vergognosamente copiato da un documento redatto dalla Monsanto, quindi proprio dalla multinazionale produttrice che, come emerso da varie indagini, si è spinta sino a condizionare il mondo della ricerca scientifica. Tutto questo in nome dell’interesse, solo per mantenere il proprio prodotto sul mercato più a lungo possibile.

Per questo noi oggi faremo sentire tutto il nostro dissenso, chiedendo al Governo italiano di dimostrarsi contrario all’uso del glifosato votando NO invece di astenersi come già fatto nel 2016. Uniti possiamo farcela. Qui il vademecum per partecipare al Twitter Storm #StopGlifosato: http://bit.ly/2ylkM6K

L’Europa deve garantire il benessere e la salute dei cittadini, non gli indecenti interessi dei colossi del veleno! #stopglifosato

Ti potrebbe interessare anche


Non abboccate alla propaganda, col CETA le PMI sono a rischio

Le dichiarazioni dei Ministri dell’Agricoltura Martina e dello Sviluppo economico Calenda riportate sulla Gazzetta di Parma hanno davvero dell’incredibile: essi di fatto affermano come, grazie al CETA, ci saranno benefici per le nostre aziende, piccole e medie e per i nostri cittadini. I lettori della Gazzetta di Parma non devono credere a tali assurdità: frasi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Programma Frutta e Verdura nelle Scuole: il mio intervento a Punto Europa

In Commissione Agricoltura abbiamo stabilito di incentivare il consumo di alimenti sani e salutari come la frutta e la verdura dando un contributo alle scuole elementari che si iscrivono ed entrano nel progetto. All’Italia quest’anno spettano 21.704 956 euro. Il programma che entrerà in vigore a partire dal 1 Agosto 2017, mira ad incrementare stabilmente il consumo di frutta, verdura e latte nella … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Non è tutto FICO quello che luccica, anche se è da Oscar

So che non dovrei farlo, non dovrei parlare di questo progetto perché più se ne parla e più gli diamo spazio, ma come si fa a non parlarne? Un progetto come questo è sbagliato sotto molti, troppi punti di vista, e dà una rappresentazione fuorviante di ciò che è la cultura agro-alimentare italiana, la decontestualizza, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uova contaminate, Andriukaitis punisce chi gli fa comodo

Ho letto le dichiarazioni del commissario UE alla salute Andriukaitis, che trovo decisamente fuori luogo. Ecco infatti che il caso “#Fipronil” si arricchisce di un ulteriore preoccupante tassello. A suo avviso le sanzioni non devono essere applicate ai Paesi responsabili della grave frode alimentare che ha coinvolto tutta Europa, cioè Belgio ed Olanda, che continuano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare