Oggi diciamo #STOPGLIFOSATO! Twitter storm dalle 11.00 alle 15.00

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il prossimo 5 e 6 ottobre la Commissione Europea dovrà prendere una decisione in merito al rinnovo dell’autorizzazione del glifosato nell’Unione europea. Il rischio che questo veleno venga autorizzato nuovamente per altri dieci anni c’è.

Per questo OGGI dobbiamo far sentire la nostra voce e quella dei tanti cittadini italiani contrari al rinnovo dell’autorizzazione all’uso del #glifosato con un Twitter Storm alla vigilia della riunione decisiva del 5 e 6 ottobre, per rinforzare l’azione di pressione che stiamo svolgendo sulle Istituzioni europee e nazionali come Coalizione #StopGlifosato.

Nei mesi scorsi, grazie all’intensa mobilitazione di tutta la Coalizione italiana ed europea #StopGlifosato, abbiamo raccolto in poco tempo oltre 1,3 milioni di firme per la petizione ICE, mentre nella petizione lanciata da Avaaz sono state raccolte ben 2.049.804 firme per bandire una volta per tutte questo dannoso erbicida.

Il glifosato è il simbolo di quella agricoltura industriale e intensiva, basata sull’uso ordinario della chimica di sintesi, che costituisce una delle maggiori minacce per la conservazione della biodiversità a livello globale e per la nostra salute.
Infatti lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha classificato il glifosato come “potenzialmente cancerogeno per l’uomo” al contrario di quanto riporta il documento dell’EFSA, su cui la Commissione europea baserà la propria decisione.

Oggi sappiamo che buona parte di questo rapporto è stato vergognosamente copiato da un documento redatto dalla Monsanto, quindi proprio dalla multinazionale produttrice che, come emerso da varie indagini, si è spinta sino a condizionare il mondo della ricerca scientifica. Tutto questo in nome dell’interesse, solo per mantenere il proprio prodotto sul mercato più a lungo possibile.

Per questo noi oggi faremo sentire tutto il nostro dissenso, chiedendo al Governo italiano di dimostrarsi contrario all’uso del glifosato votando NO invece di astenersi come già fatto nel 2016. Uniti possiamo farcela. Qui il vademecum per partecipare al Twitter Storm #StopGlifosato: http://bit.ly/2ylkM6K

L’Europa deve garantire il benessere e la salute dei cittadini, non gli indecenti interessi dei colossi del veleno! #stopglifosato

Ti potrebbe interessare anche


Supportiamo i nostri candidati in Friuli Venezia Giulia!

I nostri candidati del FVG sono stati presentati ufficialmente: sono tutti volti belli, puliti. Persone competenti che, una volta elette, sapranno fare la differenza. Persone con ottimi curricula e assolutamente incensurate. A loro va il mio migliore augurio e il sostegno da parte di tutti noi del M5S. Il #4marzo è alle porte: ci troveremo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Come la robotica rivoluzionerà la nostra società

Subito dopo l’interessantissimo incontro “NEXT STEP” come la robotica rivoluzionerà la nostra società, ho avuto l’occasione di incontrare e fare due chiacchiere con Jerome Glenn, uno studioso americano che da anni dirige il Millennium Project, un osservatorio stabile sugli scenari futuri. Così ho avuto modo di dialogare su alcuni contenuti di “The State of the … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ecco come il gioco d’azzardo distrugge famiglie ed economia del Friuli Venezia Giulia

Il Friuli Venezia Giulia, dati dei Monopoli alla mano, nel 2016 ha bruciato oltre 1,6 miliardi di euro. Miliardi di euro che finiscono in un settore ben poco produttivo anziché nell’economia reale danneggiando commercio e l’indotto di piccole imprese virtuose. In Friuli Venezia Giulia in pratica si ha una spesa pro capite a famiglia pari a … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia, Territorio

Bollino rosso per il Made In Italiano

Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare