Oggi diciamo #STOPGLIFOSATO! Twitter storm dalle 11.00 alle 15.00

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il prossimo 5 e 6 ottobre la Commissione Europea dovrà prendere una decisione in merito al rinnovo dell’autorizzazione del glifosato nell’Unione europea. Il rischio che questo veleno venga autorizzato nuovamente per altri dieci anni c’è.

Per questo OGGI dobbiamo far sentire la nostra voce e quella dei tanti cittadini italiani contrari al rinnovo dell’autorizzazione all’uso del #glifosato con un Twitter Storm alla vigilia della riunione decisiva del 5 e 6 ottobre, per rinforzare l’azione di pressione che stiamo svolgendo sulle Istituzioni europee e nazionali come Coalizione #StopGlifosato.

Nei mesi scorsi, grazie all’intensa mobilitazione di tutta la Coalizione italiana ed europea #StopGlifosato, abbiamo raccolto in poco tempo oltre 1,3 milioni di firme per la petizione ICE, mentre nella petizione lanciata da Avaaz sono state raccolte ben 2.049.804 firme per bandire una volta per tutte questo dannoso erbicida.

Il glifosato è il simbolo di quella agricoltura industriale e intensiva, basata sull’uso ordinario della chimica di sintesi, che costituisce una delle maggiori minacce per la conservazione della biodiversità a livello globale e per la nostra salute.
Infatti lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha classificato il glifosato come “potenzialmente cancerogeno per l’uomo” al contrario di quanto riporta il documento dell’EFSA, su cui la Commissione europea baserà la propria decisione.

Oggi sappiamo che buona parte di questo rapporto è stato vergognosamente copiato da un documento redatto dalla Monsanto, quindi proprio dalla multinazionale produttrice che, come emerso da varie indagini, si è spinta sino a condizionare il mondo della ricerca scientifica. Tutto questo in nome dell’interesse, solo per mantenere il proprio prodotto sul mercato più a lungo possibile.

Per questo noi oggi faremo sentire tutto il nostro dissenso, chiedendo al Governo italiano di dimostrarsi contrario all’uso del glifosato votando NO invece di astenersi come già fatto nel 2016. Uniti possiamo farcela. Qui il vademecum per partecipare al Twitter Storm #StopGlifosato: http://bit.ly/2ylkM6K

L’Europa deve garantire il benessere e la salute dei cittadini, non gli indecenti interessi dei colossi del veleno! #stopglifosato

Ti potrebbe interessare anche


Disabilità e accessibilità nei musei: il mio intervento a Telequattro

Venerdì scorso ho scorso partecipato ad un evento a Trieste, promosso dalla Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del FVG-ONLUS, in occasione della presentazione del progetto europeo COME-IN (Cooperazione per una piena accessibilità ai musei-verso una maggiore inclusione). Il progetto COME-IN è finanziato dal Programma Interreg Central Europe e ha … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mozziconi in spiaggia: un esempio virtuoso e uno no

Non sono ancora mai passato per Pulsano, un paese salentino della provincia di Taranto che si affaccia sullo Ionio, ma dopo quello che ho letto mi piacerebbe proprio andarci. Qui un’associazione locale di cittadini stanca di assistere al degrado sulla propria spiaggia si è inventata un’idea semplice ed efficace. I mozziconi di sigaretta che “arredano” … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dieselgate: chi ci guadagna?

Se non si inaspriranno le multe per i produttori delle automobili, se non verranno eliminati i conflitti di interesse nei test non vi saranno i presupposti di un sistema trasparente e si potrà assistere ad un nuovo scandalo, un altro Dieselgate. E’ inaccettabile che il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi (PD), … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Un terzo dei prodotti alimentari viene buttato!

Le stime mostrano che nell’UE si producono 88 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari ogni anno, equivalenti a circa 173 kg a persona. Quali sono i settori maggiormente responsabili? Cosa possiamo fare noi consumatori? Qui i dati dell’infografica. http://bit.ly/2pVOjve I prodotti alimentari vengono persi e sprecati lungo tutta la filiera alimentare: nelle aziende agricole, nella lavorazione … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare