Pensare ad un modello diverso di sagre si può

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

L’incontro tra me, la nostra consigliera regionale Ilaria Dal Zovo e il presidente del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia (Unpli) è stato interessante e proficuo.

Abbiamo fin da subito trovato un clima di apertura e una positiva volontà di confrontarci reciprocamente su diverse tematiche che stanno a cuore sia al M5S che all’Unpli. Innanzitutto ci siamo trovati tutti concordi sull’importanza di mettere al centro gli aspetti ecologici: Pezzarini ha ribadito come ci sia da parte di Unpli la precisa volontà di tutelare l’ambiente non solo con il riciclo, ma anche cercando di mettere in campo tutte quelle logiche che mirano a non creare rifiuti.

Ci siamo trovati concordi inoltre sull’importanza di dar sostegno, durante le iniziative, ai fornitori locali privilegiando tutti i loro prodotti: fondamentale è dunque puntare sulla qualità e su una produzione che si rifà alla tradizione locale. Le sagre di fatto hanno ricadute economiche e sociali importanti e vanno assolutamente tutelate e rafforzate.

Abbiamo sottolineato quanto sia importante organizzare percorsi naturalistici che mirano a far conoscere l’ambiente e gli animali, proprio come avviene già in alcune sagre; abbiamo affermato come il M5S voglia avanzare delle proposte di innovazione affinché si creino, sempre di più, dei percorsi fruttuosi con delle associazioni del territorio che hanno a cuore la tutela e il benessere degli animali e dell’ambiente.

Io e Ilaria abbiamo infine ribadito che siamo perfettamente consci che il percorso da fare è lungo e deve passare attraverso un cambio culturale epocale, ma siamo certi che questa svolta è già cominciata e non dobbiamo trovarci impreparati. Dovremmo arrivare a percorsi di sensibilizzazione a partire dai bambini, perché solo attraverso le nuove generazioni, possiamo riuscire a crescere culturalmente e a diventare una società ancora più evoluta, rispettosa delle altre forme viventi.

Temi:
Categorie: Territorio

Ti potrebbe interessare anche


Difendiamo le radici del vino e della nostra Storia

La settimana scorsa ho partecipato ad un incontro pubblico che aveva per oggetto il futuro della viticoltura a partire dalle sue radici. Si è svolto a San Giorgio della Richinvelda, una piccola cittadina friulana che nel corso dei decenni si è specializzata nella produzione di “barbatelle”, cioè le piantine di vite di ogni qualità innestate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle grandi navi in tutta la laguna

Grandi Navi a Venezia: in questi giorni si torna a discutere di questa spinosa questione grazie alle denunce degli ambientalisti contro il Governo che sottolineano come, al momento del voto, era presente solo l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Tutto ciò non è assolutamente accettabile. Vi ricordo che il M5S si è sempre speso contro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Questione lupo: correggere la direttiva habitat non risolve nulla

Sul territorio bellunese si parla molto della “questione lupo”. La scorsa estate l’attenzione è ricaduta sui fatti avvenuti all’alpeggio fra Nevegal e Visentin nei quali un lupo ha attaccato ripetutamente dei greggi di pecore. Sono d’accordo con Cristiano Fant, referente Enpa (ente nazionale protezione animali) per la provincia di Belluno quando afferma che “La presenza … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Supportare le microimprese ci sta a fagiolo!

A volte capita che nel nostro bel Paese le eccellenze ci siano, ma che se ne stiano abbastanza nascoste. Ciò avviene per vari motivi su cui ci sarebbe da discutere per ore, ma invece in quest’occasione penso sia più utile raccontarvi in poche righe come queste eccellenze si possano scovare. Qualche giorno fa sono stato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare