Prolungamento della A27: un’altra opera inutile

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Si è tanto discusso del progetto del presidente del consiglio Matteo Renzi di riesumare un’opera inutile come il Ponte sullo Stretto di Messina. Ebbene, non è l’unico progetto “pazzo”: nell’elenco si inserisce anche il piano di prolungamento dell’A27, inserito a pieno titolo nella classifica M5S del concorso #LaMiaGrandeOperaInutile.

A lanciare la brillante proposta e farne il proprio cavallo di battaglia è stato il parlamentare europeo Remo Sernagiotto (ex PPE, Forza Italia e ora confluito nell’ECR assieme a Raffaele Fitto) che in questi giorni sta “propagandando” il prolungamento dell’autostrada veneta A27. Al di là di tre suoi emendamenti approvati in commissione trasporti su un report di iniziativa (ma smentiti in commissione sviluppo regionale dove si sancisce lo stop a qualsiasi tipo di grande opera), non c’è null’altro. Senza dimenticare che i report di iniziativa non comportano alcun impegno di bilancio.

Meme_A27

Da ricordare inoltre che l’opera inutile è osteggiata dall’Alto Adige e dall’Austria e che transiterebbe attraverso le Dolomiti, da qualche anno vincolate come patrimonio dell’Unesco.

La verità, pure e semplice è che questo prolungamento è tenuto in vita a livello mediatico da almeno vent’anni per scopi poco chiari. Evidentemente si cerca di condurre una finta battaglia in nome di una possibile “torta” da spartire tra “presunti imprenditori”.
Insomma, il solito caso all’italiana con spartizione di soldi pubblici tra amici di amici. E poi un’autostrada che taglia in due Cortina ricorda i tempi in cui Beppe Grillo commentava l’ex ministro Pietro Lunardi (Forza Italia) definendolo un “ginecolo pazzo”…

Ti potrebbe interessare anche


Agroalimentare e innovazione per tornare leader in Europa

Ogni territorio del nostro Paese ha delle caratteristiche che possono essere vincenti per risollevare l’economia italiana e per tornare ad essere leader in Europa e nel mondo. Dall’agroalimentare all’industria manifatturiera, dall’innovazione alla ricerca, dal turismo alla cultura, l’Italia ha una marcia in più. Oggi però paghiamo un sistema di malgoverno e mala gestione che sminuisce … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bollino rosso per il Made In Italiano

Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Politica alimentare europea: da Hogan nessun passo verso la Politica Agricola Alimentare Comune (PAAC)

Un’altra occasione persa: anche questa volta purtroppo, nonostante la comunicazione della Commissione, presentata dal Commissario responsabile per l’Agricoltura e lo Sviluppo Agricolo, Phil Hogan, portasse il titolo “Futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura”, nessun passo avanti è stato fatto per trasformare la PAC in PAAC, Politica Agricola Alimentare Comune. Di fatto, di questa comunicazione pochissimo riguardava l’alimentazione. … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Glifosato? La verità è che non hanno idea di cosa fare

Siamo stati eletti nelle Istituzioni per portare la voce dei cittadini; bene, i cittadini si sono espressi: sono state raccolte oltre un milione e trecentomila firme per fermare l’uso del glifosato. Ora io mi chiedo come sia possibile che la Commissione, un organo non eletto da nessun cittadino europeo, ignori queste richieste e prenda tempo. … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare