Questo è il PD

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi in Senato è stata bocciata la richiesta del MoVimento 5 Stelle sui vitalizi: hanno detto no alla procedura d’urgenza.

È l’ipocrisia più totale: PD e Forza Italia uniti, insieme a Mdp, Sinistra Italiana, Alfano e Verdini per votare “no” alla dichiarazione d’urgenza proposta dal MoVimento 5 Stelle. Questa proposta del MoVimento 5 Stelle avrebbe accelerato la discussione e dimezzato i tempi.
Hanno detto “no”. Quando si è trattato di votare la legge Boccadutri sui soldi ai partiti Pd e soci ci hanno messo solo due settimane. Ora devono “riflettere” ed approvare modifiche.

Perché dire “no”? Per rallentare la discussione che avverrà così solo in autunno, per poi approvare delle modifiche per farla nuovamente tornare alla Camera, quando non ci sarà più il tempo di approvarla e così potranno tenersi il vitalizio.

Ancora una volta tutti i partiti, e in primis il PD che doveva essere per una volta tanto dalla parte giusta, si sono rivelati quello che sono realmente: una casta attaccata solo ed esclusivamente alle loro poltrone, ai privilegi da Medioevo, che non si dispiace di vivere sulle spalle di una popolazione stremata dalla condizione politica ed economica.

Perché alla fine chi se ne frega di dare un segnale di partecipazione nello stringersi la cintura, no? Apposto io, apposto tutti. Giusto?
Vergogna.

#VergognaPD

Categorie: Italia

Ti potrebbe interessare anche


Fine del Roaming: come il palazzo racconta quel che vuole, non quel che è

E’ del lontano 28 ottobre del 2015 il mio post che metteva in chiaro che la tanto sbandierata fine del roaming annunciata per oggi, 15 giugno 2017, non era altro che la solita propaganda di cui la maggioranza politica del Parlamento europeo fa largo uso. Una propaganda fatta con tanto di comunicati stampa ufficiali, tanto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Con il CETA il governo svende il nostro Made in Italy

Purtroppo spesso sentiamo dire frasi del tipo “il Ceta ce lo chiede l’Europa”, “la produzione nazionale non è a rischio”, “non saranno abbassati i nostri standard”: niente di più falso. Di fatto il CETA mette a rischio pesantemente le nostre piccole e medie imprese e dà il via libera agli OGM. Faccio un breve riassunto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il G20 serve a dimostrare che non serve il G20

Se Angela Merkel, padrona di casa del G20 di Amburgo, sostiene che non si debbano “nascondere le differenze”, il G20 probabilmente serve principalmente a questo. Un insieme di paesi, potenze mondiali, che discutono su tutto e si accordano su niente. Faccio un rapido riepilogo per chi si fosse perso quest’ultima puntata. Il clima, tema importantissimo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare