Rifiuti tossici a Pernumia (PD): pretendiamo risposte dalla giunta Zaia

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il M5S pretende da Bottacin, Assessore all’Ambente del Veneto, risposte immediate sulla tempistica del risanamento ambientale nell’area della discarica di Pernumia (Pd). Siamo davvero preoccupati perché la salute dei cittadini è a rischio: le analisi hanno infatti dimostrato la tossicità dei rifiuti per la presenza di idrocarburi e di metalli pesanti in quantità eccedenti i limiti di legge.

Di fatto la S.p.a C&C, impresa autorizzata al recupero di rifiuti non pericolosi per produrre conglomerati cementizi, tra il 2002 e il 2005 nel capannone dove ha operato, ha stipato fanghi tossici per un totale di 52.000 tonnellate all´interno e più di 3000 all´esterno. Il materiale tossico è stato poi trasformato in conglomerato cementizio e venduto ai cantieri di grandi opere infrastrutturali tra i quali anche i cantieri veneti della #TAV.

Bottacin deve ancora rispondere, da oltre un anno, ai cittadini del Comitato Popolare SOS C&C che hanno raccolto con una petizione ben 2350 firme. Ci chiediamo, cosa aspetta Bottacin ad intervenire urgentemente e a fornire chiarimenti? La Giunta Zaia dovrà rispondere dei danni che scaturiranno dal mancato intervento di risanamento dell’area.

Questa petizione è stata recapitata anche al Parlamento europeo e, su sollecito dell’eurodeputata M5S Eleonora Evi, la Presidente della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo ha inviato una seconda lettera che noi non vogliamo rimanga inascoltata.

Il M5S non ci sta: il 24 febbraio il nostro senatore uscente e candidato Giovanni Endrizzi e il nostro consigliere regionale Manuel Brusco incontreranno a Pernumia la cittadinanza. Il M5S continuerà a combattere a fianco dei cittadini e portare le loro istanze nelle Istituzioni.

rifiuti tossici

Ti potrebbe interessare anche


Mai più spose bambine

Oggi, festa internazionale della donna, il mio pensiero va a tutte le bambine che vivono il dramma dei matrimoni precoci. 

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle contraffazioni in apicoltura: un’etichetta chiara per tutelare il miele Made in Italy!

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rapporti tra Europa e Turchia, immigrazione, economia: facciamo chiarezza

Il mio intervento a Rai News 24 su Turchia, migranti e crescita economica.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa, Italia, Territorio, Video

Flusso dei dati non personali: un nuovo Regolmento

Il confine tra dati personali e dati non personali è spesso molto sfumato. Per tutelare maggiormente gli utenti nel caso di flussi di dati non personali abbiamo presentato una serie di emendamenti andati a buon fine. È un successo importante quello raggiunto oggi, lunedì 4 giugno, perché la cosiddetta Data Economy è uno dei temi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare