Risparmio energetico delle Pmi, tre proposte concrete per migliorare il Piano Verde Ue

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Il piano d´azione europeo per rendere le Pmi piú efficienti dal punto di vista energetico va migliorato. Vi spiego quali sono le tre proposte concrete del Movimento 5 Stelle.
Il Piano d’azione verde per le Pmi è una strategia europea che, con i dovuti aggiustamenti, potrebbe essere una leva fondamentale per le nostre aziende, che rappresentano il 70% del nostro tessuto produttivo e che sono la vera e propria anima, troppo spesso dimenticata, della nostra economia.
Il Piano analizza le azioni a livello europeo per incentivare le Pmi ad investire sul risparmio energetico e per abbattere i propri costi di produzione.
Materie prime, acqua ed energia rappresentano il fardello più pesante per le nostre imprese. Insieme fanno la metà del costo di produzione di un’azienda.
Mentre i dipendenti, sempre i primi a saltare in caso di crisi aziendali, costano solo un quinto.
Questo significa che è proprio sugli sprechi energetici e dei materiali che bisogna intervenire. Una loro riduzione porterebbe le nostre aziende a essere più competitive, a dare più lavoro.
La Commissione Europea stima che una gestione più efficiente delle risorse porterebbe ad un risparmio di un quarto dei costi aziendali. Una cifra enorme, per tutte quelle imprese che ogni giorno lottano per sopravvivere alla crisi.
Da parte delle Pmi la volontà di tagliare i propri costi e diventare più sostenibili è grande. Pensate che il 93% delle Pmi europee ha già tentato di promuovere iniziative per un uso efficiente delle risorse.
Il 93%! Sono quasi la totalità delle piccole e medie imprese. Ma meno della metà di loro – il 42% – ottiene risparmi reali.
Dunque, non solo le Pmi hanno il ben noto problema di accedere con fatica ai fondi, ma hanno anche il problema di ottenere risultati concreti quando vi accendono.
Evidentemente la macchina Europea non funziona a dovere.
Per migliorare servono tre cose.
Primo: l’Europa dev’essere più vicina alle aziende, incentivando e sostenendo il piano di ricerca e sviluppo affinché si possano sviluppare metodi e strumenti che aiutino le Pmi ad essere più sostenibili.
Secondo: ci deve essere un dialogo con le amministrazioni locali. L’Europa dev’essere maggiormente presente nelle amministrazioni e con le associazioni di categoria, implementando le strutture chiamate Europe Direct, già presenti sul territorio.
Terzo: il monitoraggio. L’Europa dev’essere costantemente informata di quello che sta accadendo, in modo da correggere subito il tiro per ottenere risultati concreti.

Ti potrebbe interessare anche


Tuteliamo i vini del Collio e i prodotti tipici friulani

La tutela dei prodotti tipici locali e delle eccellenze del territorio è una priorità nel programma M5S agricoltura: per questo, in continuità con il lavoro svolto in commissione sia nel Parlamento italiano che in quello europeo, il M5S si propone di difendere la sovranità alimentare e il Made in Italy. Non solo, ma il M5S … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Agricoltura in Brasile: ecco le mie considerazioni

Ecco le mie considerazioni su ciò che ho visto nel Mato Grosso, enorme regione del Brasile, la terza regione per estensione del Brasile, dove l’economia è in forte sviluppo. E l’agricoltura per questa regione è un settore trainante per il quale il governo locale ha importanti obiettivi.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Parliamo di intelligenza artificiale

In commissione Mercato Interno e Tutela del Consumatore parliamo di #intelligenzaartificiale #IA. Puó un algoritmo avere personalità giuridica? Di chi sarà la responsabilità? Della macchina o del costruttore? La frase nell’immagine è una citazione di Alan Turing, l’inventore della Macchina di Turing, il primo moderno computer del ventesimo secolo, riporta: “Propongo di considerare la domanda: “possono le … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare