Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio.

Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore informazione e ad un’offerta crescente di prodotti coltivati con principi diversi l’un l’altro.

Il biologico e il biodinamico ad esempio, che sino a qualche anno fa erano nicchia l’uno e nicchia della nicchia l’altro, stanno crescendo rapidamente. Metodi di coltivazione che talvolta si confondono con una visione filosofica del mondo cominciano ad avere un consenso ampio.
Uno stimolo anche per le grandi aziende, alcune delle quali stanno modificando la propria offerta proprio in ragione di questa consapevolezza che spinge a considerare la produzione e la distribuzione sotto una luce diversa.

Come dico spesso quando incontro i cittadini nelle piazze o nel corso di qualche evento, siamo noi che nel momento in cui decidiamo cosa acquistare e cosa no, possiamo indicare inequivocabilmente alle aziende produttrici la strada da seguire.
Quei 5 minuti in più dedicati a verificare le etichette e a scegliere consapevolmente cosa effettivamente vogliamo acquistare, possono incidere positivamente sulle scelte dei produttori e dei distributori.
Io lo faccio ormai automaticamente e non mi pesa, e se lo facciamo tutti sarà chiaro allora che in realtà siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo!

Marco Zullo in un campo biologico

Ti potrebbe interessare anche


La PAC è un’occasione che non possiamo più perdere

Se da un lato posso ritenere positivo che la PAC abbia tra i suoi obiettivi prioritari quello dell’occupazione, più volte ho sottolineato che occorre una visione strategica che non si riduca alla mera individuazione di obiettivi quantitativi, ma che metta al centro la qualità dei prodotti e consideri in modo dettagliato e ragionato come ci … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’agricoltura in Italia è una priorità

Ieri con il nostro candidato presidente alla regione Friuli Venezia Giulia Alessandro Fraleoni Morgera, ho avuto un interessante incontro al Consorzio Agrario FVG con la sua direzione nonchè col presidente di Coldiretti. Di seguito abbiamo incontrato i presidenti delle cooperative vitivinicole tra la più rilevanti del regione. Più mi interfaccio col mondo dell’agricoltura italiana, che ha … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Primariato irregolare a Pordenone: i concorsi devono essere trasparenti!

Lo scorso venerdì il Giudice del Lavoro di Pordenone ha dato ragione al medico Cassin, da 30 anni in servizio nel reparto Cardiologia del Santa Maria degli Angeli di Pordenone, il quale nel 2015 espose una denuncia all’Azienda Sanitaria a causa di un concorso per il primariato irregolare. Il M5S fin da subito ha acceso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare