Smog: Pordenone ultima in FVG per qualità dell’aria ma il M5S ha un piano

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Mentre in Germania si fanno i test sui gas di scarico delle auto utilizzando le persone, i cittadini della provincia di Pordenone e provincia, a loro insaputa, potrebbero essere già pronti per i test. Lo dico con ironica amarezza, dato che tutti i cittadini di Pordenone e provincia nel 2017 sono stati sottoposti a 39 giorni di sforamento dei limiti. Infatti secondo in Rapporto Mal’Aria 2018 di Legambiente la nostra città detiene in Regione il record di sforamenti e la nostra provincia risulta tra le 39 provincie italiane con l’aria più irrespirabile.
Oltre al primario problema della salute dei cittadini, l’inquinamento si traduce anche in un problema economico non solo per il costo delle cure sanitarie ma anche per via delle multe comunitarie che presto arriveranno perché il nostro Paese non sta rispettando i limiti di inquinamento e non sta programmando un serio piano per il miglioramento della qualità dell’aria.

Come ricordato dalla consigliera comunale M5S Carla Lotto, il Movimento 5 Stelle nell’ultima legge di bilancio aveva presentato un articolato pacchetto di emendamenti, tutti bocciati dal PD e dalla maggioranza, che sono diventati la base del programma per il risanamento dell’aria, soluzioni concrete che guardano non al prossimo anno, ma ai prossimi decenni. Le domeniche ecologiche e lo stop alle auto non bastano più ma serve un’azione politica organica e strutturata: il MoVimento a Pordenone propone misure per investire nelle energie rinnovabili, sviluppare il verde e la riforestazione urbana, potenziare i controlli, il monitoraggio e la ricerca ambientale, investire su mobilità sostenibile e condivisa, incrementare la flotta dei veicoli elettrici per il trasporto pubblico urbano, bloccare la costruzione di nuovi impianti inquinanti.

I no ingiustificati del PD che hanno fatto più male alla città sono stati quelli contro i 20 milioni di incentivi agli enti locali per promuovere il car sharing elettrico, o contro 150 milioni di euro per il rinnovo del parco dei bus passando dal sistema diesel a quello elettrico o contro l’istituzione di un fondo da 20 milioni di euro per la conversione ecologica dell’agricoltura, in particolare per il contrasto delle emissioni prodotte dallo spargimento di liquami e dall’uso fertilizzanti.

La proposta poi che portiamo avanti da sempre è quella di spostare le risorse pubbliche destinate alle grandi opere infrastrutturali inutili alla manutenzione e al miglioramento delle strade e delle ferrovie esistenti. Si tratta di misure che contemporaneamente fanno il bene della qualità dell’aria, della salute dei cittadini, della viabilità e in generale della qualità di vita del territorio.

    Ti potrebbe interessare anche


    A Udine il comizio finale del M5S per le Regionali 2018

    A Udine il comizio finale del #M5S per le Regionali 2018! Domani, venerdì 27 aprile, vi aspettiamo per la chiusura della campagna elettorale per le Regionali 2018 all’Hotel Cristallo di Udine! Insieme ad Alessandro Fraleoni Morgera, il nostro candidato alla presidenza della Regione Fvg, ci saranno i parlamentari M5S Stefano Patuanelli, Alvise Maniero ed Emilio Carelli. Insieme … Continua

    Share on Pinterest
    Condividi coi tuoi amici








    Inviare


    A #TuXTu con Vincenzo Zoccano, Presidente del Forum Italiano sulla Disabilità (FID)

    Il mio lavoro mi dà l’occasione di incontrare persone che vogliono cambiare il mondo rispettandolo, attivandosi concretamente per arrivare a questo fine. A TuxTu vuole raccogliere questi incontri. Qui ho incontrato Vincenzo Zoccano, Presidente del Forum Italiano sulla Disabilità – FID, Donata Pagetti Vivanti, rappresentante del FID all’ European Disability Forum e Luisella Bosisio Fazzi, Presidente FONOS e … Continua

    Share on Pinterest
    There are no images.
    Condividi coi tuoi amici








    Inviare


    Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

    In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio. Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore … Continua

    Share on Pinterest
    Condividi coi tuoi amici








    Inviare


    Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

    Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza … Continua

    Share on Pinterest
    Condividi coi tuoi amici








    Inviare