Sofferenza animale, è ora di cambiare rotta a partire dall’etichettatura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione parlamentare alla Commissione europea riguardo all’etichettatura delle carni bovine.

Senza titolo-6

Infatti, secondo uno studio pubblicato dalla Commissione stessa già nel 2015, il 52% dei consumatori europei si lamenta di non disporre delle sufficienti indicazioni e informazioni nell’etichetta e vorrebbe delle etichette che certifichino il rispetto del benessere degli animali allevati, ricevendo delle informazioni sulla tipologia dell’allevamento.

Oggi la presa di coscienza da parte dei cittadini sull’importanza di garantire il benessere degli animali è sempre maggiore e sotto gli occhi di tutti.

Perché, allora, non si segue la procedura già esistente, per esempio, per il settore delle uova, dove oltre a dover specificare l’allevamento di provenienza, è obbligatorio anche indicare come sono state allevate le galline?

Sapere se gli animali provengano da un luogo di sofferenza, talvolta di tortura, o meno potrebbe cambiare radicalmente la coscienza del consumatore e quindi, indirettamente, portare gli allevatori a prediligere metodi che rispettino il benessere dell’animale.

A queste mie domande, il commissario all’agricoltura Phill Hogan risponde:

“Le norme dell’Unione sull’etichettatura delle carni bovine, in particolare i sistemi di etichettatura volontari, nel 2014 sono stati oggetto di un attento riesame. In base alle norme rivedute, entro il 18 luglio 2019 la Commissione è tenuta a presentare al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione riguardante l’attuazione e l’impatto della revisione. Nell’ambito di tale obbligo, e come raccomandato anche da una recente valutazione, la Commissione coglie l’opportunità di valutare l’eventuale necessità di ulteriori revisioni della normativa dell’Unione in materia di etichettatura delle carni bovine.”

Vedo in questa risposta uno spiraglio per realizzare la volontà di molti cittadini che tengono realmente al benessere degli animali.

Farò di tutto perché questo sia solo l’inizio di un percorso volto a migliorare la qualità della vita degli animali, per liberarli definitivamente dalle gabbie.

Ti potrebbe interessare anche


Avanti Italia, il CETA non deve passare!

Oggi alle 13.00 il CETA verrà votato in Senato, in commissione Affari Esteri. Non smetterò mai di dirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e dà il via libera all’invasione dell’Ogm. Non di meno è incomprensibile come il Canada, un Paese che elargisce 3.3 miliardi di dollari … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Questo è il PD

Oggi in Senato è stata bocciata la richiesta del MoVimento 5 Stelle sui vitalizi: hanno detto no alla procedura d’urgenza. È l’ipocrisia più totale: PD e Forza Italia uniti, insieme a Mdp, Sinistra Italiana, Alfano e Verdini per votare “no” alla dichiarazione d’urgenza proposta dal MoVimento 5 Stelle. Questa proposta del MoVimento 5 Stelle avrebbe accelerato la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia

Falso Parmigiano Reggiano in Germania: con il CETA tutto sarà possibile

  Il caso della recente denuncia del Consorzio del Parmigiano Reggiano, che ha portato al sequestro di falso Parmigiano Reggiano alla Fiera Internazionale Anuga, Colonia -considerata la più importante rassegna al mondo dedicata al food & beverage- è davvero emblematico. Emblematico perché questa giusta e rigorosa denuncia da parte del Consorzio sarà vana nel momento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Schiaffo alla Commissione: vince la democrazia!

Oggi la Corte Europea con una storica sentenza ha finalmente sancito un principio per il quale ci siamo battuti in questi anni: qualsiasi accordo commerciale tra Unione europea e Stati terzi deve ricevere l’approvazione dei parlamenti nazionali e, se necessario, regionali dei Paesi membri. Finalmente si riconosce il diritto dei popoli europei di esprimersi tramite … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare