Sofferenza animale, è ora di cambiare rotta a partire dall’etichettatura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione parlamentare alla Commissione europea riguardo all’etichettatura delle carni bovine.

Senza titolo-6

Infatti, secondo uno studio pubblicato dalla Commissione stessa già nel 2015, il 52% dei consumatori europei si lamenta di non disporre delle sufficienti indicazioni e informazioni nell’etichetta e vorrebbe delle etichette che certifichino il rispetto del benessere degli animali allevati, ricevendo delle informazioni sulla tipologia dell’allevamento.

Oggi la presa di coscienza da parte dei cittadini sull’importanza di garantire il benessere degli animali è sempre maggiore e sotto gli occhi di tutti.

Perché, allora, non si segue la procedura già esistente, per esempio, per il settore delle uova, dove oltre a dover specificare l’allevamento di provenienza, è obbligatorio anche indicare come sono state allevate le galline?

Sapere se gli animali provengano da un luogo di sofferenza, talvolta di tortura, o meno potrebbe cambiare radicalmente la coscienza del consumatore e quindi, indirettamente, portare gli allevatori a prediligere metodi che rispettino il benessere dell’animale.

A queste mie domande, il commissario all’agricoltura Phill Hogan risponde:

“Le norme dell’Unione sull’etichettatura delle carni bovine, in particolare i sistemi di etichettatura volontari, nel 2014 sono stati oggetto di un attento riesame. In base alle norme rivedute, entro il 18 luglio 2019 la Commissione è tenuta a presentare al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione riguardante l’attuazione e l’impatto della revisione. Nell’ambito di tale obbligo, e come raccomandato anche da una recente valutazione, la Commissione coglie l’opportunità di valutare l’eventuale necessità di ulteriori revisioni della normativa dell’Unione in materia di etichettatura delle carni bovine.”

Vedo in questa risposta uno spiraglio per realizzare la volontà di molti cittadini che tengono realmente al benessere degli animali.

Farò di tutto perché questo sia solo l’inizio di un percorso volto a migliorare la qualità della vita degli animali, per liberarli definitivamente dalle gabbie.

Ti potrebbe interessare anche


Stop ai pesticidi!

ieri ho partecipato con il collega Federico D’Incà del MoVimento 5 Stelle a #cisondivalmarino ad una marcia assieme a tante persone che dicono NO all’uso dei #pesticidi. Già oggi è possibile utilizzare metodi e strumenti per tutelare ambiente, salute e persone #pesticidifree #m5s

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Chiusura Eaton Srl a Monfalcone: faremo il possibile per dare un futuro agli operai

Lunedì pomeriggio ho incontrato a Monfalcone i rappresentanti dei lavoratori della Eaton Srl, multinazionale del settore elettrico e industriale. È stato un passaggio dovuto, in quanto la Eaton sta viaggiando verso il buio assoluto, lasciando senza prospettiva lavorativa un capitale umano di 157 operai, più interinali e indotto. Spesso ci si dimentica che dietro a degli operai … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Alessandro Di Battista a Tolmezzo: piazza piena, grandissimo successo targato M5S

Ieri è stata una giornata entusiasmante, una di quelle giornate in cui ti ritrovi con tante persone che da anni lottano e camminano insieme a te in nome di un futuro migliore. Tanti attivisti, portavoce ma anche moltissimi cittadini che, ieri, per la prima volta assistevano ad un evento in piazza del MoVimento 5 Stelle. … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il MoVimento 5 Stelle pensa alle piccole grandi opere utili per il territorio! #Isonzo

Mentre in Friuli Venezia Giulia le ferrovie locali non hanno gli investimenti necessari (in finanziaria il Pd boccia le proposte del Movimento 5 Stelle) Delrio e Berlusconi pensano alla follia del Ponte sullo Stretto di Messina. Il contrario di quello che vuole fare il Movimento 5 Stelle che non vuole l’opera inutile in Sicilia, bensì … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare