Sofferenza animale, è ora di cambiare rotta a partire dall’etichettatura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione parlamentare alla Commissione europea riguardo all’etichettatura delle carni bovine.

Senza titolo-6

Infatti, secondo uno studio pubblicato dalla Commissione stessa già nel 2015, il 52% dei consumatori europei si lamenta di non disporre delle sufficienti indicazioni e informazioni nell’etichetta e vorrebbe delle etichette che certifichino il rispetto del benessere degli animali allevati, ricevendo delle informazioni sulla tipologia dell’allevamento.

Oggi la presa di coscienza da parte dei cittadini sull’importanza di garantire il benessere degli animali è sempre maggiore e sotto gli occhi di tutti.

Perché, allora, non si segue la procedura già esistente, per esempio, per il settore delle uova, dove oltre a dover specificare l’allevamento di provenienza, è obbligatorio anche indicare come sono state allevate le galline?

Sapere se gli animali provengano da un luogo di sofferenza, talvolta di tortura, o meno potrebbe cambiare radicalmente la coscienza del consumatore e quindi, indirettamente, portare gli allevatori a prediligere metodi che rispettino il benessere dell’animale.

A queste mie domande, il commissario all’agricoltura Phill Hogan risponde:

“Le norme dell’Unione sull’etichettatura delle carni bovine, in particolare i sistemi di etichettatura volontari, nel 2014 sono stati oggetto di un attento riesame. In base alle norme rivedute, entro il 18 luglio 2019 la Commissione è tenuta a presentare al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione riguardante l’attuazione e l’impatto della revisione. Nell’ambito di tale obbligo, e come raccomandato anche da una recente valutazione, la Commissione coglie l’opportunità di valutare l’eventuale necessità di ulteriori revisioni della normativa dell’Unione in materia di etichettatura delle carni bovine.”

Vedo in questa risposta uno spiraglio per realizzare la volontà di molti cittadini che tengono realmente al benessere degli animali.

Farò di tutto perché questo sia solo l’inizio di un percorso volto a migliorare la qualità della vita degli animali, per liberarli definitivamente dalle gabbie.

Ti potrebbe interessare anche


Reddito di cittadinanza per restituire la dignità!

Oggi vi ripropongo questo video del 20 maggio, registrato durante la marcia Perugia-Assisi. Viviamo in tempi in cui il cambiamento economico, la crisi del lavoro e l’allontanamento delle Istituzioni dai cittadini stanno creando nella popolazione malcontento, rabbia e povertà. Anche quelle fasce sociali, un tempo agiate, oggi si trovano in difficoltà. Stiamo vivendo un cambiamento … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Glifosato: nessuna intesa tra gli Stati UE ma la Commissione Europea vuole andare avanti

Non è stata trovata alcuna intesa sulla proposta di rinnovo dell’autorizzazione del glifosato per cinque anni e così la Commissione europea ha deciso di proseguire. Se non otterrà la maggioranza qualificata a fine novembre in comitato d’appello, sarà comunque libera di adottare tale proposta. Noi del M5S chiediamo sia adottato il principio di precauzione e … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il sogno diventa realtà: con Rousseau abbiamo dato una svolta alla partecipazione

Sabato scorso ho partecipato assieme a tanti attivisti e portavoce, all’incontro celebrativo dei 10 anni dal V-day. Con l’occasione abbiamo presentato la piattaforma Rousseau ai cittadini, che è l’attuazione del sogno di Gianroberto Casaleggio e di fatto la colonna portante del pensiero del MoVimento 5 Stelle: la partecipazione.  Ed è proprio su questo tema che … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa, Italia, Video

Togliamo oneri e burocrazia dalle attività di notifica della Bolkestein

La proposta di notifica delle norme nazionali che rientrano nella cosiddetta Bolkestein è nata male, anzi malissimo. Criticità e aspetti non chiari la rendono ancora più preoccupante e i nostri emendamenti sono molto puntuali proprio per scongiurarne gli effetti. I punti chiave che abbiamo proposto sono in sintesi questi: la Commissione non deve decidere nulla … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare