Stop alle grandi navi in tutta la laguna

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Grandi Navi a Venezia: in questi giorni si torna a discutere di questa spinosa questione grazie alle denunce degli ambientalisti contro il Governo che sottolineano come, al momento del voto, era presente solo l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Tutto ciò non è assolutamente accettabile.

Vi ricordo che il M5S si è sempre speso contro l’ingresso delle grandi navi e pochi mesi fa, alla Camera, è stata depositata dai miei colleghi una mozione dove si ribadiva come le grandi navi non sono compatibili con le esigenze di tutela del fragile ecosistema lagunare e con la salvaguardia della città di Venezia: in questa mozione, frutto del grande lavoro di concertazione fatto con i gruppi locali in questi ultimi anni, abbiamo chiesto al Governo l’applicazione immediata del limite massimo di 40 mila tonnellate di stazza previsti dalla legge, senza nessuna deroga per il passaggio nel bacino San Marco e nel canale della Giudecca.

Ora, nel piano governativo si afferma che le grandi navi arriveranno a Marghera e si fermeranno nel Canale Nord Sponda Nord: noi non siamo assolutamente d’accordo. Questa è una pessima decisione del Governo e di Delrio. Il M5S vuole sostenere e valorizzare una crocieristica di qualità, di dimensioni e cabotaggio contenuti: è ora di dire basta ai giganti del mare.

Il fenomeno del gigantismo navale porta poi all’aumento incontrollato dell’inquinamento atmosferico a causa delle emissioni prodotte dalle grandi navi. Perché non far convivere in armonia lo sviluppo economico e la tutela dell’ambiente e della salute? Come può il Governo prendere decisioni quando manca il numero legale al tavolo tecnico? A voi le risposte

Ti potrebbe interessare anche


Ecco perché non possiamo sostenere gli OGM in agricoltura

Oggi si dice che gli OGM siano un vantaggio per la nostra agricoltura. Anzi, diciamo che c’è qualcuno che vuole convincerci di questo. I sostenitori degli Ogm sostengono che una pianta transgenica si adatta meglio ai cambiamenti climatici, all’innalzamento delle temperature, alla riduzione della disponibilità di acqua e ai processi di desertificazione. Per questi motivi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il G20 serve a dimostrare che non serve il G20

Se Angela Merkel, padrona di casa del G20 di Amburgo, sostiene che non si debbano “nascondere le differenze”, il G20 probabilmente serve principalmente a questo. Un insieme di paesi, potenze mondiali, che discutono su tutto e si accordano su niente. Faccio un rapido riepilogo per chi si fosse perso quest’ultima puntata. Il clima, tema importantissimo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Avanti Italia, il CETA non deve passare!

Oggi alle 13.00 il CETA verrà votato in Senato, in commissione Affari Esteri. Non smetterò mai di dirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e dà il via libera all’invasione dell’Ogm. Non di meno è incomprensibile come il Canada, un Paese che elargisce 3.3 miliardi di dollari … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare