Togliamo oneri e burocrazia dalle attività di notifica della Bolkestein

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La proposta di notifica delle norme nazionali che rientrano nella cosiddetta Bolkestein è nata male, anzi malissimo. Criticità e aspetti non chiari la rendono ancora più preoccupante e i nostri emendamenti sono molto puntuali proprio per scongiurarne gli effetti.

I punti chiave che abbiamo proposto sono in sintesi questi: la Commissione non deve decidere nulla (come vorrebbe) in merito alle norme di ciascuno Stato membro, eventualmente può dare un parere non vincolante. E’ la Corte di giustizia europea che deve valutare il merito. La sovranità di ogni Stato membro va rispettata a prescindere.

Per sburocratizzare le procedure di approvazione delle leggi noi chiediamo di porre un tetto massimo non superiore ai tre mesi (anzichè sei come proposto). Inoltre chiediamo la deroga dall’obbligo di notifica in alcuni casi specifici, come l’urgenza o nel caso di modifiche non sostanziali di una norma.

Infine è la Commissione che deve farsi carico dell’onere della prova nel caso di eventuali problematiche giuridiche di una legge nazionale. A maggior ragione questo deve valere a tutela delle amministrazioni locali. Immaginatevi un piccolo comune come potrebbe essere messo in difficoltà dall’essere caricato di quest’onere.

A piccoli passi andiamo avanti, cercando di spianare una strada, che come potete leggere anche voi, è impervia e piena di insidie ma è comunque la strada maestra: la strada dei diritti dei cittadini.
Qui il mio intervento completo in aula.

Ti potrebbe interessare anche


Dieselgate: chi ci guadagna?

Se non si inaspriranno le multe per i produttori delle automobili, se non verranno eliminati i conflitti di interesse nei test non vi saranno i presupposti di un sistema trasparente e si potrà assistere ad un nuovo scandalo, un altro Dieselgate. E’ inaccettabile che il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi (PD), … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rigassificatore nel nord Adriatico: l’opera non è nelle strategie dell’UE

Che senso ha appoggiare un’opera che non figura nemmeno nella strategia della Commissione europea? Ci lamentiamo che l’UE spesso impone obblighi e vincoli contro la volontà popolare: per una volta che ciò non avviene, e che la voce dei cittadini è stata ascoltata, sono proprio le autorità nazionali a tradirla? La presidente Serracchiani si faccia … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uova contaminate, Andriukaitis punisce chi gli fa comodo

Ho letto le dichiarazioni del commissario UE alla salute Andriukaitis, che trovo decisamente fuori luogo. Ecco infatti che il caso “#Fipronil” si arricchisce di un ulteriore preoccupante tassello. A suo avviso le sanzioni non devono essere applicate ai Paesi responsabili della grave frode alimentare che ha coinvolto tutta Europa, cioè Belgio ed Olanda, che continuano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mediocredito: Serracchiani, non stiamo scherzando

Apprendo oggi dagli organi di stampa che la Guardia di Finanza su indicazioni della Procura della Repubblica di Udine sta procedendo a sequestrare fascicoli e potenziali prove dalla sede di Mediocredito FVG. Alcuni mesi fa, dopo una serie di lunghe e approfondite indagini, ho capito che gli elementi per denunciare azioni di rilevanza penale nei … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare