Togliamo oneri e burocrazia dalle attività di notifica della Bolkestein

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La proposta di notifica delle norme nazionali che rientrano nella cosiddetta Bolkestein è nata male, anzi malissimo. Criticità e aspetti non chiari la rendono ancora più preoccupante e i nostri emendamenti sono molto puntuali proprio per scongiurarne gli effetti.

I punti chiave che abbiamo proposto sono in sintesi questi: la Commissione non deve decidere nulla (come vorrebbe) in merito alle norme di ciascuno Stato membro, eventualmente può dare un parere non vincolante. E’ la Corte di giustizia europea che deve valutare il merito. La sovranità di ogni Stato membro va rispettata a prescindere.

Per sburocratizzare le procedure di approvazione delle leggi noi chiediamo di porre un tetto massimo non superiore ai tre mesi (anzichè sei come proposto). Inoltre chiediamo la deroga dall’obbligo di notifica in alcuni casi specifici, come l’urgenza o nel caso di modifiche non sostanziali di una norma.

Infine è la Commissione che deve farsi carico dell’onere della prova nel caso di eventuali problematiche giuridiche di una legge nazionale. A maggior ragione questo deve valere a tutela delle amministrazioni locali. Immaginatevi un piccolo comune come potrebbe essere messo in difficoltà dall’essere caricato di quest’onere.

A piccoli passi andiamo avanti, cercando di spianare una strada, che come potete leggere anche voi, è impervia e piena di insidie ma è comunque la strada maestra: la strada dei diritti dei cittadini.
Qui il mio intervento completo in aula.

Ti potrebbe interessare anche


Proposta direttiva Bolkestein: aumenta la burocrazia e alimenta l’insofferenza dei cittadini

Ieri ho partecipato al dibattito sulla proposta della Commissione Europea sulla procedura di notifica delle norme nazionali che rientrano nel campo della direttiva servizi, meglio conosciuta come direttiva Bolkestein. In poche parole la Commissione parlamentare sul Mercato interno e la protezione dei consumatori (IMCO), di cui faccio parte, sta rivedendo la proposta della Commissione Europea, … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


EMBÈ ? NESSUNO È PERFETTO!

    Il Ministro degli Esteri Alfano non conosce l’inglese , che sarebbe utile per un ministro degli esteri. Il Ministro delle Finanze Padoan sbaglia i conti di 10 miliardi di euro e, senza vergogna, chiede conseguente sconto alla UE. Il Ministro del Lavoro Poletti dichiara che per trovar lavoro, i giovani non devono mandare … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia

Basta balle, vogliamo un’agricoltura diversa!

In Commissione Agricoltura abbiamo incontrato degli “esperti” nel campo dell’agricoltura, i quali ci hanno raccontato la solita bella storiella: ci hanno presentato la cosiddetta agricoltura conservativa, una tipologia di agricoltura che utilizza diverse tecniche agricole tendenti a conservare, apparentemente, la fertilità del suolo coltivato. Ma attenzione a non farvi imbrogliare: nonostante il termine sembri positivo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare