Trattati Australia e Nuova Zelanda: promuoviamo il Made in Italy

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Tutelare e promuovere il Made-in Italy è uno degli obiettivi principali del nostro mandato, e il nuovo trattato internazionale che vede da un lato Australia e Nuova Zelanda e dall’altro l’ Europa è una buona occasione perché ciò avvenga.

Difatti alcuni giorni fa noi parlamentari portavoce del M5S abbiamo votato in modo favorevole il parere del Parlamento europeo su come dovrebbe essere strutturato il mandato negoziale che verrà conferito alla Commissione. Abbiamo votato a ragion veduta, dopo aver fatto delle richieste specifiche, e quindi siamo soddisfatti dell’indirizzo che è stato preso, ben diverso da quello del CETA.

I nostri obiettivi sono chiari: in agricoltura puntiamo a misure forti e applicabili per il riconoscimento delle IG che per l’Italia sono un patrimonio molto rilevante. Inoltre abbiamo voluto che si tenesse conto dell’’impatto cumulativo degli accordi commerciali, perché in ballo ce n’è più d’uno (CETA e affini), richiedendo di escludere i settori più sensibili, che potrebbero essere messi in crisi da questo nuovo accordo. 
Per la nostra Sicilia, dove mi trovo ora, regione ricca di risorse e di prodotti agricoli d’eccellenza, questa potrebbe essere un’occasione importante per la propria economia.

Sono sicuro che il nostro Giancarlo Cancelleri, una volta eletto, insieme a noi e in linea con i principi del M5S, darà il proprio contributo in questa direzione.
Il 5 novembre #SceglieteIlFuturo.

Ti potrebbe interessare anche


Il mondo reclama un’altra economia, e questo è possibile

Prendo spunto dalla lettura estiva di un libro, “l’Economia della ciambella” della docente universitaria di Oxford Kate Raworth, per fare alcune considerazioni sui modelli economici che stanno imperando in questo inizio millennio, modelli che oramai di fatto sono uno solo, quello del liberismo senza limiti, dell’omologazione, del precariato come nuovo modello economico fondato sulla schiavitù … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Economia collaborativa: facciamo chiarezza!

Apriamo i giornali, accendiamo la televisione, e ci rendiamo conto che l’economia collaborativa, insieme alla globalizzazione, è diventata la tematica principale per quanto riguarda l’evoluzione del mercato del lavoro europeo. Spesso però, lo è diventata in modo problematico, quasi polemico direi, come fonte di preoccupazione e acceso dibattito. Io però credo che in questa sede … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Vuoto a rendere: ecco la mozione m5s per ottenere incentivi economici

Sono orgoglioso di segnalare, a tutti i portavoce M5S in consiglio comunale, la meritevole proposta del mio collega Stefano Vignaroli in merito al vuoto a rendere. L’emendamento M5S, approvato alle Camera, è stato esteso anche agli imballaggi in plastica e altre tipologie di liquidi. Il sistema del vuoto a rendere prevede in via sperimentale, per la durata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare