pubblicato il

Agricoltura 4.0 in Italia: +270% nel 2018 rispetto all’anno precedente


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Arrivano notizie interessanti dal settore dell’Agricoltura 4.0 italiana, che nel 2018 ha raggiunto un valore nel mercato tra i 370 e i 430 milioni di euro. Queste cifre corrispondono al 5% del valore del mercato globale, che tocca un traguardo di 7 miliardi di dollari, e al 18% di quello europeo.

Sono notizie che ci giungono dalla ricerca condotta dal Politecnico di Milano e dall’Università degli Studi di Brescia e che fanno tirare un sospiro di sollievo ad un ambito, come quello dell’agricoltura, vittima di una forte crisi e che ora sta lentamente rialzando la testa.

Le imprese che hanno deciso di approcciarsi all’innovazione digitale affermano di aver migliorato efficienza ed efficacia, vedendo diminuire tempistiche e costi. Ma tra i benefici dell’Agricoltura 4.0 si possono riscontrare anche l’incremento della resa e della sostenibilità delle coltivazioni, l’aumento della qualità produttiva, di trasformazione e delle condizioni di lavoro.

Tra le soluzioni proposte dall’applicazione del digitale nel settore agroalimentare, troviamo l’agricoltura di precisione (argomento che ho già trattato anche qui bit.ly/AgricolturaDiPrecisione), una tecnica decisamente all’avanguardia, che permette di ottimizzare il lavoro attraverso azioni mirate, senza sprechi o perdite di tempo. Anche l’e-commerce rientra tra i principali ambiti di interesse per le startup, che propongono modelli di business aventi lo scopo di far incontrare direttamente produttori agricoli e consumatori finali, come garanzia di un prodotto genuino e di qualità.

Altra nota positiva la si può incontrare a livello di startup dedicate allo sviluppo di proposte innovative per l’Agricoltura 4.0: l’Italia è l’aprifila europea per numerosità, nonostante si ritrovi ad essere contemporaneamente il Paese con il finanziamento medio più basso, pari al solo 1%.

Gli altri fornitori di soluzioni digitali sono le aziende già affermate in questo settore, come i produttori di macchine e attrezzature agricole.

È interessante notare come l’età e il titolo di studio non influiscano significativamente nella decisione di adottare soluzioni 4.0, segno che i benefici e l’incremento dei risultati sia evidente e tangibile.

Sarà fondamentale far capire sempre di più l’importanza degli investimenti nell’agricoltura innovativa così da supportare tutta la filiera agroalimentare in termini di incremento della qualità e abbattimento dei costi.

 


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Via libera dalla Commissione Agri contro le pratiche sleali in agricoltura

È stato fatto un ulteriore passo avanti questa settimana in Europa. Arrivano, infatti, buone notizie per il settore agroalimentare europeo, grazie all’approvazione da parte della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale (Agri) dell’accordo raggiunto in trilogo sulla direttiva contro le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare. Su 44 votanti, si sono espressi a favore 38 deputati,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma della PAC: per un’agricoltura più sostenibile e meno burocratica.

Realizzare una nuova politica agricola comune più sostenibile ed equa, con meno burocrazia: questo è l’obiettivo comune. Ormai da molti mesi lavoriamo per costruire una nuova politica agricola basata sul progresso, in termini di innovazione, sostenibilità, supporto. Per questo motivo, movimenti come quello di #cambiareagricoltura sono voci da ascoltare, perché partono da un principio inviolabile:▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Lo strapotere della GDO vs piccoli produttori: un sistema da combattere

Grande distribuzione organizzata e piccoli produttori sono le due facce della stessa medaglia. Nella globalizzazione la GDO gioca il ruolo da protagonista producendo in enormi quantità, spesso senza considerare la domanda, sfruttando e sprecando le risorse della terra. La tendenza è quella della massimizzazione dei profitti, perciò il problema riguarda l’imposizione di prezzi alti ai▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare