pubblicato il

Anche in Italia ci sono donne sole. O lasciate sole.


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

L’argomento di per sé è forte e struggente e questa volta mi tocca ancor più perché riguarda direttamente la mia regione, il Friuli Venezia Giulia.
Il caso dell’uccisione da parte di un uomo del proprio figlio, unito al tentativo di uccidere la moglie a seguito di reiterate violenze potrebbe lasciare indifferenti, vista la quantità di delitti tra le mura domestiche che ormai siamo abituati a sentire quasi quotidianamente.

donneSOLITUDINE1200x627exe4

Io invece non riesco ad assuefarmi a questo genere di tragedie che denotano due grandi aspetti che non sono altro che due facce della stessa medaglia: da un lato c’è una tutela di donne che vengono minacciate in casa, che denunciano e non sempre vengono ascoltate fino in fondo. Alle volte loro stesse ritrattano per la pressione psicologica che subiscono, perché temono il peggio. Dall’altra parte c’è bisogno estremo di far prevenzione, di anticipare il problema, di rendere questo nostro stato vicino alle famiglie, soprattutto a quelle che per vari motivi come difficoltà economiche, status sociale, cultura o problemi contingenti hanno pronto il detonatore per saltare in aria.

Sono i segnali deboli che vanno colti, dopo è troppo tardi. E quando una donna finisce in ospedale con lesioni al cranio, escoriazioni multiple e trauma a ventre i segnali oramai sono forti.

Da questo punto di vista la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo non fa sconti all’Italia, condannata in modo perentorio, in quanto secondo i giudici di Strasburgo ha violato gli articoli 2 (diritto alla vita), 3 (divieto di trattamenti inumani e degradanti) e 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione europea dei diritti umani. I giudici hanno riconosciuto alla donna 30 mila euro per danni morali e 10 mila euro per le spese legali accusando “l’inerzia e la passività di chi ha condotto le indagini”.

Non possiamo assolutamente pensare che non si possa fare nulla. È uno Stato da rifondare il nostro, da avvicinare alle famiglie e ai giovani in particolare. Uno Stato non solo che sappia accompagnare ma soprattutto prevenire. Uno Stato che sia in grado di rafforzare il senso di comunità. Non ci arrendiamo!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

In Brasile per verificare i sistemi di qualità e tracciabilità dell’agricoltura e della zootecnica

Proprio un anno fa scoppiava il caso internazionale della #CarneAvariata proveniente dal Brasile, sul quale io stesso più volte intervenni in Parlamento. Oggi sono qui in Brasile con la Commissione Agricoltura per andare ad analizzare il più possibile a fondo lo stato dell’arte del settore agricolo e zootecnico brasiliani, il livello dei sistemi sanitari di controllo e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Lo sviluppo sostenibile: un progetto che deve essere l’inizio di un percorso

In vista dell’evento sulla Sostenibilità e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) che sto organizzando a Bruxelles il 26 settembre, vorrei rendere partecipi tutti voi a proposito di questo argomento così attuale e così importante. L’evento, in particolare, sarà un momento fondamentale per capire la rilevanza che questi Obiettivi hanno per il futuro economico dell’Europa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Flusso dei dati non personali: un nuovo Regolmento

Il confine tra dati personali e dati non personali è spesso molto sfumato. Per tutelare maggiormente gli utenti nel caso di flussi di dati non personali abbiamo presentato una serie di emendamenti andati a buon fine. È un successo importante quello raggiunto oggi, lunedì 4 giugno, perché la cosiddetta Data Economy è uno dei temi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma EFSA: un passo avanti verso la trasparenza

Ricordate la questione del glifosato, contro il quale l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ha raccolto oltre un milione di firme lo scorso anno? Ne ho parlato anche qui: https://goo.gl/q2G6Sq. Riassumendo, l’ICE si batteva contro il rinnovo da parte dell’Unione Europea dell’uso del glifosato, un pesticida che costituisce una minaccia chimica per la conservazione della biodiversità.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare