pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento.

Le sfide globali che siamo chiamati a fronteggiare richiedono un’Europa forte ed unita. Proprio per questa ragione uno dei principali punti del programma del Movimento 5 Stelle per le elezioni europee si focalizza sulla Green Economy, che rappresenta la chiave per una maggior tutela delle persone, della salute e dell’ambiente, oltre che per un’Europa più competitiva. La Green Economy è un modello di sviluppo che valuta un’attività produttiva non solo sulla base dei benefici derivanti dalla crescita, ma anche del suo impatto ambientale.

Già oggi in Italia l’economia verde contribuisce al 13% del Pil e nel corso degli ultimi anni ha creato 3 milioni di posti di lavoro. Gli investimenti nell’efficienza energetica, nelle energie rinnovabili, nella gestione delle foreste, nell’agricoltura sostenibile e nella tutela del suolo non rappresentano soltanto il futuro per l’Europa, ma la salvezza del Pianeta stesso, dove i combustibili fossili accumulati in milioni di anni, continuano a generare volumi considerevoli di anidride carbonica che stanno modificando il clima.

Il cambiamento deve avvenire perciò al più presto e proprio per questo l’idea che proponiamo è semplice: l’impresa che sceglie di produrre in maniera più innovativa e tramite processi industriali che limitino o azzerino le emissioni inquinanti deve essere premiata attraverso delle esenzioni o dei sussidi.

È necessario quindi che l’Europa crei, attraverso incentivi e disincentivi, le condizioni per aumentare la sostenibilità ambientale delle attività economiche.

Il fondamento su cui si basa la Green Economy è l’economia circolare, ovvero un sistema economico pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi e permettendo un uso limitato delle risorse.

Questo modello produce effetti positivi anche per l’occupazione: verranno ricercati sempre di più i cosiddetti “green jobs” quali, ad esempio, ingegneri energetici, agricoltori biologici, esperti di acquisti verdi, tecnici meccatronici ed installatori di impianti termici a basso impatto. Il riciclo ed il riuso, quindi, convengono a tutti.

La transizione verso società ed economie sostenibili deve avvenire adesso.

 


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa dice STOP alle plastiche monouso dal 2021

Il Parlamento europeo ha finalmente approvato in via definitiva una nuova direttiva che mette al bando dal 2021 oggetti di plastica monouso quali piatti, posate, cannucce e bastoncini per palloncini. In particolare, si vieta la commercializzazione di quei prodotti di plastica monouso che possono essere sostituiti da alternative sostenibili. La direttiva, inoltre, impone agli Stati▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Evento > Alimentare: dal nutrimento sano al benessere sociale

L’evento “Alimentare” sarà un momento di condivisione e confronto sul tema dell’economia sana, legata indissolubilmente al benessere della persona. In questo senso, il titolo scelto assume un carattere più ampio: alimentare inteso come nutrimento del corpo, della mente, della terra e della società. Questo è in breve l’appuntamento che si terrà a Bologna sabato 13▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Ambiente: una sfida che ci vede tutti protagonisti!

Se ne è sentito tanto parlare su qualsiasi mezzo di comunicazione, ed è bene non lasciar cadere nel dimenticatoio quello per il quale il mondo intero sta iniziando a combattere. Con il #Fridaysforfuture abbiamo assistito ad una grande mobilitazione collettiva, un movimento che vede le sue radici in anni di attivismo e nell’impegno di molte▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare