pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì.
Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo ciò che ci si trova davanti se si visita la ex C&C, una struttura ad oggi abbandonata, ma che ha visto l’inizio della sua attività nel 2002. In questo luogo si sono iniziate a trattare scorie tossiche che avrebbero dovuto essere smaltite in totale sicurezza secondo i canoni di smaltimento di questo tipo di sostanze.

Colli Euganei o montagne tossiche
Detto ciò, oggi ci ritroviamo tonnellate di rifiuti pericolosi accumulati all’interno dei capannoni dello stabilimento. 50 mila sono le tonnellate ancora oggi presenti all’interno dello stabilimento. Ne avevo parlato anche qui: https://goo.gl/VttFyQ.
Il pericolo è piuttosto elevato sia in termini ambientali, che di salute delle persone. Già negli anni di attività della struttura, i cittadini con abitazioni limitrofe hanno respirato le polveri e le esalazioni velenose provenienti da questi luoghi. Ora il rischio è fortemente collegato all’inquinamento delle falde acquifere e del terreno. Infatti, se tali elementi vengono avvelenati, ci ritroviamo le stesse sostanze tossiche sia nell’acqua, che nel cibo che mangiamo.
È in programma una bonifica del valore di un milione di euro per eliminare 3/4 mila tonnellate, ma è decisamente ancora una goccia nel mare. Serve un grande investimento di risorse economiche per attivare questo tipo di operazioni, anche perché non è l’unico sito con problemi del genere, ma solo in Veneto ne esistono circa altri 400/500. Numeri davvero esorbitanti.
Non sarà facile visti gli enormi costi, ma noi faremo sentire ancora con forza la nostra voce davanti alle istituzioni europee, in modo tale da provare a raccogliere i fondi necessari alla bonifica totale di queste zone.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il Piano per Energia e Clima che guarda al futuro

In questi giorni il Ministero dello Sviluppo Economico ha inviato alla Commissione europea il Piano nazionale integrato per l’Energia e il Clima, elaborato dal Vicepremier Di Maio, dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e dal Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Questo documento tratta temi ambientali importanti sia a livello strategico che economico per il futuro. Contiene▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Venti(5) di libertà

Per i millennials è la resilienza, un termine preso a prestito dal mondo dell’ingegneria, delle fabbriche, del popolo che non demorde e non si ferma ai primi problemi; e nemmeno ai secondi e terzi. Per chi ha scritto pagine più analogiche invece, la si è chiamata resistenza, ed ha portato molto di più di una▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Come funziona il Reddito di Cittadinanza?

Dopo anni di battaglie in Parlamento il Reddito di Cittadinanza diventa realtà anche in Italia. Una rivoluzione felice: da ora lo Stato non ti chiede, ma ti dà. Una grande vittoria, non solo per il Movimento 5 Stelle, ma per tutto il popolo italiano, soprattutto per le 5 milioni di persone che momentaneamente si trovano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare