pubblicato il

Corte di Giustizia europea: nuove biotecnologie con le stesse restrizioni degli OGM


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le istituzioni europee questa volta stanno dalla parte dei cittadini. Alcune associazioni francesi hanno fatto ricorso al proprio governo per arrivare a porre un divieto sulla coltivazione e la successiva vendita di varietà vegetali che avessero subito una mutazione nella struttura del DNA. La Corte di Giustizia europea si è espressa pochi giorni fa a riguardo, proprio a proposito di questi organismi, ottenuti tramite le nuove tecniche di modifica genetica sulle piante dando ragione agli stessi cittadini. È stato deciso, infatti, che tutti i metodi apparsi successivamente alla prima direttiva che regola la gestione degli OGM, dovranno attenersi agli stessi obblighi attivi su questi ultimi. Per ottenere organismi OGM, fino a dieci anni fa, si usava la tecnica della transgenesi, quindi per arrivare a una nuova varietà si introduceva una sequenza genetica estranea all’interno di una specie diversa.

Orm Europa Marco Zullo

Oggi le tecniche si sono evolute e le modifiche avvengono attraverso l’utilizzo di altri meccanismi, detti di editing del genoma. Ad esempio, quello chiamato della mutagenesi, che converte il DNA ma senza inserire materiale da organismi esterni. Nonostante ciò, per i giudici della Corte di Giustizia europea sono da considerare al pari dei precedenti organismi OGM, in quanto ottenuti comunque attraverso la mutazione di un corpo in modo non naturale.
Anche qui la sicurezza dei cittadini consumatori va messa in primo piano, facendo rispettare le regole attraverso controlli decisi ed efficaci.
Mi trovo pienamente d’accordo con questa sentenza. Sono contrario agli OGM e ad ogni forma di sofisticazione con tecniche invasive e di OGM 2.0. Le alternative e le soluzioni da trovare sono ben altre, senza accanirsi con l’utilizzo di tali tecniche innaturali.
Per l’agricoltura italiana sarà necessario lavorare sulle varietà e sulla capacità di fare rete ed economia, in un contesto prima di tutto europeo e successivamente anche mondiale.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Sostenibilità: al Parlamento EU l’evento per 36 PMI italiane

“La sostenibilità e gli obiettivi di sviluppo sostenibile” è stata un’importante occasione per sottolineare il ruolo giocato dalle istituzioni, dalle imprese e da tutti gli stakeholders per rendere lo sviluppo sostenibile il nuovo paradigma dell’economia europea. Una sostenibilità che coinvolge il fattore ambientale, ma investe in maniera sinergica diversi altri ambiti. Quando si parla di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Festa del BIO a Verona

In questo weekend ricco di impegni, mi sono ritagliato un po’ di tempo per partecipare alla Festa del Bio, un evento itinerante che coinvolge le maggiori piazze italiane per promuovere il biologico nel settore dell’agroalimentare. Sabato la manifestazione si è tenuta nella suggestiva Piazza dei Signori a Verona, dove sono stati allestiti diversi stand che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obsolescenza programmata: una pratica che non è più sostenibile

L’obsolescenza programmata è il fenomeno che fa sì che beni materiali di varia natura abbiano una data di scadenza predefinita, in modo tale che il consumatore si ritrovi con la necessità di acquistare un nuovo prodotto nella sua nuova versione. Ma non sarebbe più facile riparare? Certo, ma ormai sempre più spesso non si trovano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Le eccellenze del Made in Italy come il fumo?

Olio, Parmigiano, ma anche i nostri vini e la pizza stanno correndo un serio pericolo. In questi giorni l’ONU, tramite la sua agenzia speciale per la sanità (OMS) ha reso noto che intende promuovere una tassazione per tutti i prodotti che vengono classificati come poco sani, perchè contenenti sale, grassi e zucchero. Le eccellenze del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare