pubblicato il

Corte di Giustizia europea: nuove biotecnologie con le stesse restrizioni degli OGM


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le istituzioni europee questa volta stanno dalla parte dei cittadini. Alcune associazioni francesi hanno fatto ricorso al proprio governo per arrivare a porre un divieto sulla coltivazione e la successiva vendita di varietà vegetali che avessero subito una mutazione nella struttura del DNA. La Corte di Giustizia europea si è espressa pochi giorni fa a riguardo, proprio a proposito di questi organismi, ottenuti tramite le nuove tecniche di modifica genetica sulle piante dando ragione agli stessi cittadini. È stato deciso, infatti, che tutti i metodi apparsi successivamente alla prima direttiva che regola la gestione degli OGM, dovranno attenersi agli stessi obblighi attivi su questi ultimi. Per ottenere organismi OGM, fino a dieci anni fa, si usava la tecnica della transgenesi, quindi per arrivare a una nuova varietà si introduceva una sequenza genetica estranea all’interno di una specie diversa.

Orm Europa Marco Zullo

Oggi le tecniche si sono evolute e le modifiche avvengono attraverso l’utilizzo di altri meccanismi, detti di editing del genoma. Ad esempio, quello chiamato della mutagenesi, che converte il DNA ma senza inserire materiale da organismi esterni. Nonostante ciò, per i giudici della Corte di Giustizia europea sono da considerare al pari dei precedenti organismi OGM, in quanto ottenuti comunque attraverso la mutazione di un corpo in modo non naturale.
Anche qui la sicurezza dei cittadini consumatori va messa in primo piano, facendo rispettare le regole attraverso controlli decisi ed efficaci.
Mi trovo pienamente d’accordo con questa sentenza. Sono contrario agli OGM e ad ogni forma di sofisticazione con tecniche invasive e di OGM 2.0. Le alternative e le soluzioni da trovare sono ben altre, senza accanirsi con l’utilizzo di tali tecniche innaturali.
Per l’agricoltura italiana sarà necessario lavorare sulle varietà e sulla capacità di fare rete ed economia, in un contesto prima di tutto europeo e successivamente anche mondiale.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

TAV: bisogna investire in opere realmente vantaggiose

Ha stancato questa narrazione che ci vede sempre contro tutto. Tra le colpe che ci vengono imputate c’è anche quella di opporci a prescindere alla realizzazione della TAV, nel caso specifico la tratta che collega la città di Torino a Lione. Il Movimento 5 Stelle ritiene, infatti, che l’alta velocità come tecnologia e infrastruttura sia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Approvato l’atto europeo sull’accessibilità

L’Atto europeo sull’accessibilità, approvato durante la settimana in Commissione Mercato Interno e Protezione Consumatori, è fondamentale per far sì che nessun cittadino rimanga indietro. La domanda di prodotti e servizi accessibili da parte dei cittadini con disabilità e limitazioni funzionali, come quelle legate alla vecchiaia e alla gravidanza, riguarda 80 milioni di europei. Un numero▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Via libera dalla Commissione Agri contro le pratiche sleali in agricoltura

È stato fatto un ulteriore passo avanti questa settimana in Europa. Arrivano, infatti, buone notizie per il settore agroalimentare europeo, grazie all’approvazione da parte della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale (Agri) dell’accordo raggiunto in trilogo sulla direttiva contro le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare. Su 44 votanti, si sono espressi a favore 38 deputati,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Droni per un’agricoltura di precisione

Nei giorni scorsi ho avuto il piacere di visitare Drone-Zone, una giovane azienda di Pasiano di Pordenone (FVG) che realizza droni destinati a diversi scopi. Tra questi ritroviamo l’agricoltura di precisione. Di cosa si tratta? Di una tecnica decisamente all’avanguardia per il settore, sulla quale molti Paesi del mondo stanno già investendo in maniera cospicua.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare