pubblicato il

Corte di Giustizia europea: nuove biotecnologie con le stesse restrizioni degli OGM


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le istituzioni europee questa volta stanno dalla parte dei cittadini. Alcune associazioni francesi hanno fatto ricorso al proprio governo per arrivare a porre un divieto sulla coltivazione e la successiva vendita di varietà vegetali che avessero subito una mutazione nella struttura del DNA. La Corte di Giustizia europea si è espressa pochi giorni fa a riguardo, proprio a proposito di questi organismi, ottenuti tramite le nuove tecniche di modifica genetica sulle piante dando ragione agli stessi cittadini. È stato deciso, infatti, che tutti i metodi apparsi successivamente alla prima direttiva che regola la gestione degli OGM, dovranno attenersi agli stessi obblighi attivi su questi ultimi. Per ottenere organismi OGM, fino a dieci anni fa, si usava la tecnica della transgenesi, quindi per arrivare a una nuova varietà si introduceva una sequenza genetica estranea all’interno di una specie diversa.

Orm Europa Marco Zullo

Oggi le tecniche si sono evolute e le modifiche avvengono attraverso l’utilizzo di altri meccanismi, detti di editing del genoma. Ad esempio, quello chiamato della mutagenesi, che converte il DNA ma senza inserire materiale da organismi esterni. Nonostante ciò, per i giudici della Corte di Giustizia europea sono da considerare al pari dei precedenti organismi OGM, in quanto ottenuti comunque attraverso la mutazione di un corpo in modo non naturale.
Anche qui la sicurezza dei cittadini consumatori va messa in primo piano, facendo rispettare le regole attraverso controlli decisi ed efficaci.
Mi trovo pienamente d’accordo con questa sentenza. Sono contrario agli OGM e ad ogni forma di sofisticazione con tecniche invasive e di OGM 2.0. Le alternative e le soluzioni da trovare sono ben altre, senza accanirsi con l’utilizzo di tali tecniche innaturali.
Per l’agricoltura italiana sarà necessario lavorare sulle varietà e sulla capacità di fare rete ed economia, in un contesto prima di tutto europeo e successivamente anche mondiale.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per l’agricoltura

Sempre a stretto contatto con le realtà rurali, per dialogare con chi vive le problematiche quotidiane del lavoro agricolo e portare queste voci davanti alla Commissione Agricoltura del Parlamento europeo. Questo è uno degli aspetti fondamentali della mia attività politica, perché sono fortemente convinto sia necessario promuovere un’agricoltura sostenibile, che agisca nel rispetto degli agricoltori▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Api e miele al centro della discussione per la nuova PAC

Domenica 7 ottobre ho partecipato a Lazise, in Trentino Alto Adige, al convegno apistico internazionale organizzato dal Fai, la Federazione apicoltori italiani, nell’ambito della 39^ edizione della fiera “I giorni del miele”. In Europa il tema del miele è un argomento molto sentito, tanto che questa legislatura ha attuato un report di iniziativa (una richiesta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Droni per un’agricoltura di precisione

Nei giorni scorsi ho avuto il piacere di visitare Drone-Zone, una giovane azienda di Pasiano di Pordenone (FVG) che realizza droni destinati a diversi scopi. Tra questi ritroviamo l’agricoltura di precisione. Di cosa si tratta? Di una tecnica decisamente all’avanguardia per il settore, sulla quale molti Paesi del mondo stanno già investendo in maniera cospicua.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare