pubblicato il

GDPR, cosa cambia da oggi per la tutela dei dati personali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi, 25 maggio 2018, entra in vigore il Regolamento sulla protezione dei Dati, noto anche come GDPR (General Data Protection Regulation), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. È fondamentale essere ben chiari, quando parliamo di tutela di dati, a cosa ci riferiamo e, qualora il confine non sia così netto, mi auguro che si scelga la strada della massima tutela.
Le tre principali novità sono:
il diritto all’oblio, che ci permette di chiedere ai social network di essere informati su tutti i nostri dati in loro possesso e, se lo desideriamo, di chiederne la rimozione;
il diritto alla portabilità dei dati, che ci garantisce la possibilità di scaricare le nostre informazioni e trasferirle ad un nuovo servizio;
il diritto di accesso, che impone alle aziende una maggior trasparenza sul motivo e sulle modalità per cui verranno utilizzati i nostri dati personali.
Le aziende e le pubbliche amministrazioni dovranno dotarsi di un “Responsabile della Protezione dei Dati” e, se con più di 250 dipendenti, redigere un “Registro del Trattamento” per dimostrare tutte le garanzie dei dati stessi.
Siamo in un momento dove dobbiamo tutelare gli utenti e, dall’altro lato, garantire uno sviluppo sano delle imprese senza oberare troppo chi vuole portare il mercato unico digitale verso frontiere più innovative e ambiziose.
Non deve venir meno la fiducia: chi naviga sul Web deve avere la certezza che i propri dati siano al sicuro.

GDPR Marco Zullo


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il MADE IN obbligatorio per rilanciare l’Italia

In Europa ci battiamo per introdurre l’obbligo d’indicazione geografica tipica delle eccellenze del nostro Paese: calzaturiero, tessile, ceramiche, legno, arredi e gioielli. Vogliamo il Made in Italy! Perché un’etichetta è in grado di rimettere ordine nel complicato mondo della globalizzazione. Il made in Italy è una garanzia sul mondo in cui un prodotto è costruito▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Monsanto: sempre più le prove che confermano la relazione del pesticida con il cancro

Sempre di più sono le cause legali che vengono messe in piedi contro la Monsanto, la multinazionale che si occupa di biotecnologie agrarie e che da qualche mese è stata acquisita dalla Bayer. La storia che negli ultimi giorni ha ottenuto maggior risalto mediatico è stata quella di DeWayne Johnson, un ex giardiniere che per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

La tutela dei dati sensibili è una priorità

Oggi Mark Zuckerberg sarà ascoltato in Parlamento europeo riguardo la sicurezza della privacy degli utenti di #Facebook dopo lo scandalo Cambridge Analytica. A livello europeo c’è un dibattito molto acceso sulla Data-Economy e sulla difesa dei #dati personali. Mai come prima, abbiamo l’opportunità di creare delle solide basi per lo sviluppo di un mercato digitale europeo sano e dalla▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare