pubblicato il

GPL di Chioggia: abbiamo portato il caso in Parlamento Europeo


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Il caso del deposito Gpl di Chioggia è arrivato in Parlamento europeo: nell’ interrogazione che abbiamo da poco depositato, abbiamo fatto presente come l ‘iter decisionale del Governo italiano che ha portato alla sua autorizzazione, presenta numerose criticità.
Esso sembra innanzitutto non aver tenuto conto delle peculiarità del territorio: dal 1987 l’intero bacino della laguna veneta è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, e a poche miglia al largo del sito si trova una “zona di tutela biologica riconosciuta” dal 2002.In aggiunta a ciò, in violazione a quanto disposto dal decreto legislativo 152/2006, non è stata disposta la necessaria valutazione di impatto ambientale. Non sono inoltre state acquisite l’autorizzazione del Codice della Navigazione, la concessione demaniale marittima per l’uso della banchina e il parere della commissione per la salvaguardia di Venezia e della Laguna, così come prescritto dalla Legge Speciale per Venezia.

Abbiamo sottolineato poi come la decisione sembra essere stata presa in violazione di numerose norme vigenti sulla sicurezza e sulla valutazione del rischio: questo deposito, con i suoi giganteschi «bomboloni» di gas a poche centinaia di metri dal centro di Chioggia, oltre che dannoso per lo sviluppo del porto stesso, è di fatto ritenuto pericoloso.Abbiamo chiesto dunque alla Commissione europea di esprimersi in merito alla compatibilità di questo iter con il rispetto dei principi di prevenzione e precauzione e se, al contempo, ritenga opportuno disporre l’acquisizione di maggiori dati per verificare la compatibilità.

Il M5S non mollerà e continuerà a far di tutto affinché sia immediatamente ritirata l’autorizzazione e i lavori di costruzione siano sospesi subito.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Per un Friuli Venezia Giulia a 5 stelle sosteniamo il candidato presidente Alessandro Fraleoni Morgera!

Un Friuli Venezia Giulia con meno sprechi, con più lavoro e innovazione, attento all’ambiente e allo sviluppo, è un Friuli Venezia Giulia a 5 Stelle. Sosteniamo il nostro candidato Presidente Alessandro Fraleoni Morgera – MoVimento 5 Stelle! ⭐

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Dieselgate: i cittadini europei devono avere uguali diritti

Due anni dopo lo scandalo Diselgate, l’Europa è riuscita a darsi regole migliori per prevenire le frodi sui veicoli. Lo fa grazie all’impegno che il MoVimento 5 Stelle (gruppo EFDD) ha messo per fare in modo che pratiche aberranti come quelle praticate dalla tedesca Volkswagen non si ripetano mai più. Dal primo settembre 2020 le procedure▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Primariato irregolare a Pordenone: i concorsi devono essere trasparenti!

Lo scorso venerdì il Giudice del Lavoro di Pordenone ha dato ragione al medico Cassin, da 30 anni in servizio nel reparto Cardiologia del Santa Maria degli Angeli di Pordenone, il quale nel 2015 espose una denuncia all’Azienda Sanitaria a causa di un concorso per il primariato irregolare. Il M5S fin da subito ha acceso▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop alle contraffazioni in apicoltura: un’etichetta chiara per tutelare il miele Made in Italy!

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare