pubblicato il

Il G20 serve a dimostrare che non serve il G20


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Se Angela Merkel, padrona di casa del G20 di Amburgo, sostiene che non si debbano “nascondere le differenze”, il G20 probabilmente serve principalmente a questo. Un insieme di paesi, potenze mondiali, che discutono su tutto e si accordano su niente. Faccio un rapido riepilogo per chi si fosse perso quest’ultima puntata.

Il clima, tema importantissimo su cui la sensibilità oramai è diffusa in modo planetario. Ebbene, “l’accordo è irreversibile” (quindi gli USA che sono contrari sono fuori) ma viene inserito nella dichiarazione finale, quasi sotto traccia, l’utilizzo dei fossili, su proposta della Merkel, così l’America esce dalla porta, sbattendola, e rientra dalla finestra.

Sui migranti la sintesi è questa: l’Italia si arrangi, ognuno per sé, i Grandi 20 non sono d’accordo nemmeno sul condannare i trafficanti di esser umani (Cina e Russia) e ciò viene concesso evidentemente in cambio di qualcos’altro.

Un altro tema di cui i Grandi sono riusciti allo stesso tempo a dire tutto e il suo contrario è quello dei dazi. Grazie ad una dichiarazione molto generica che introduce il concetto di “misure difensive”, di fatto agli Usa viene concesso di applicare dazi in modo selettivo quando e come ne avrà voglia.

Segnalo poi il tema dell’Ucraina: non si conoscono bene i termini dell’ulteriore disaccordo, ma per una volta mi fido della Merkel che dichiara: “Ci siamo resi conto che i progressi sono molto lenti, in alcuni punti c’è una stagnazione se non addirittura una regressione”. Questa la sintesi.

A cosa serve quindi il G20? A dimostrare che chi è più forte detta le regole e chi è più debole le subisce.

Ne avevamo proprio bisogno


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

È la malapolitica che crea i populismi

Campagna elettorale, quote latte e vincoli europei: il mio intervento a “La Bussola”.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

GDPR, cosa cambia da oggi per la tutela dei dati personali

Oggi, 25 maggio 2018, entra in vigore il Regolamento sulla protezione dei Dati, noto anche come GDPR (General Data Protection Regulation), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. È fondamentale essere ben chiari, quando parliamo di tutela di dati, a cosa ci riferiamo e, qualora▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il MoVimento 5 Stelle pilastro della legislatura!

Il MoVimento 5 Stelle, se saranno confermati i primi dati, sarà il pilastro della prossima legislatura. E’ un risultato straordinario, storico. Siamo davanti a una vera e propria apoteosi che dimostra la bontà del lavoro fatto e soprattutto dimostra che tutti quanti dovranno venire a parlare con noi e questa sarà la prima volta. Questa è la migliore garanzia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma EFSA: un passo avanti verso la trasparenza

Ricordate la questione del glifosato, contro il quale l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ha raccolto oltre un milione di firme lo scorso anno? Ne ho parlato anche qui: https://goo.gl/q2G6Sq. Riassumendo, l’ICE si batteva contro il rinnovo da parte dell’Unione Europea dell’uso del glifosato, un pesticida che costituisce una minaccia chimica per la conservazione della biodiversità.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare