pubblicato il

Il G20 serve a dimostrare che non serve il G20


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Se Angela Merkel, padrona di casa del G20 di Amburgo, sostiene che non si debbano “nascondere le differenze”, il G20 probabilmente serve principalmente a questo. Un insieme di paesi, potenze mondiali, che discutono su tutto e si accordano su niente. Faccio un rapido riepilogo per chi si fosse perso quest’ultima puntata.

Il clima, tema importantissimo su cui la sensibilità oramai è diffusa in modo planetario. Ebbene, “l’accordo è irreversibile” (quindi gli USA che sono contrari sono fuori) ma viene inserito nella dichiarazione finale, quasi sotto traccia, l’utilizzo dei fossili, su proposta della Merkel, così l’America esce dalla porta, sbattendola, e rientra dalla finestra.

Sui migranti la sintesi è questa: l’Italia si arrangi, ognuno per sé, i Grandi 20 non sono d’accordo nemmeno sul condannare i trafficanti di esser umani (Cina e Russia) e ciò viene concesso evidentemente in cambio di qualcos’altro.

Un altro tema di cui i Grandi sono riusciti allo stesso tempo a dire tutto e il suo contrario è quello dei dazi. Grazie ad una dichiarazione molto generica che introduce il concetto di “misure difensive”, di fatto agli Usa viene concesso di applicare dazi in modo selettivo quando e come ne avrà voglia.

Segnalo poi il tema dell’Ucraina: non si conoscono bene i termini dell’ulteriore disaccordo, ma per una volta mi fido della Merkel che dichiara: “Ci siamo resi conto che i progressi sono molto lenti, in alcuni punti c’è una stagnazione se non addirittura una regressione”. Questa la sintesi.

A cosa serve quindi il G20? A dimostrare che chi è più forte detta le regole e chi è più debole le subisce.

Ne avevamo proprio bisogno


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Buon voto!

Andare a votare questa domenica è molto importante perché l’Europa può diventare ancor di più uno strumento utile per i territori. E’ indubbiamente una istituzione che dev’essere ancora migliorata, proprio per questo motivo serve un lavoro chiaro e puntuale per fare in modo che si avvicini sempre di più alle realtà locali e ne ascolti▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il cuore pulsante del cambiamento

Stasera ho concluso ad Argenta la campagna elettorale con il quindicesimo incontro di formazione sull’accesso ai fondi europei. Ho scelto di terminarla cosi, perché trovo importante mettere più persone possibile nelle condizioni di sapere che i soldi ci sono e che ci sono modi per usufruirne. Sul ritorno mi sono fermato a salutare il gruppo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

23 maggio 1992

Voglio ricordarli così: gioiosi, appassionati, irriverenti e coraggiosi.

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fondi Europei per le PMI: qual è il corretto iter da seguire?

Per le piccole e medie imprese che vogliono essere innovative e necessitano di liquidità per sviluppare le proprie attività, l’Europa mette a disposizione i Fondi Europei. Spesso i beneficiari non ne sono al corrente. È noto e risaputo che le classifiche sull’utilizzo di questi finanziamenti sono impietose nei confronti dell’Italia rispetto agli altri Paesi membri che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare